Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Morte di un signore oscuro

Di

Editore: Armenia

3.3
(86)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8834419979 | Isbn-13: 9788834419977 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Annarita Guarnieri

Genere: Science Fiction & Fantasy

Ti piace Morte di un signore oscuro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel villaggio di Cortton si è diffusa un'epidemia che colpisce i morti:cadaveri decomposti vagano per le vie alla ricerca della carne dei viventi.Gli abitanti della cittadina chiedono aiuto a Jonathan Ambrose, l'unico aconoscere il turpe segreto che si cela dietro l'incubo. Il Signore Oscuro delReame, il crudele Harkon Lukas, ha appena iniziato a porre in atto la magiache lo aiuterà a fuggire dal suo Dominio e che lo porterà a seminare morte pertutti gli altri Domini. Ma Lukas ha bisogno di uno dei compagni di Ambrose perscatenare il potere della sua stregoneria...
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Super horror e Armata Brancaleone

    che posso dire di questo romanzo della Hamilton! Io vedo lei in tante cose, anche se non conosco il Mondo D&D, io vedo molto la sua vena Horror già vista ampiamente in Anita Blake e anche in Merry Gen ...continua

    che posso dire di questo romanzo della Hamilton! Io vedo lei in tante cose, anche se non conosco il Mondo D&D, io vedo molto la sua vena Horror già vista ampiamente in Anita Blake e anche in Merry Gentry! Della Hamilton mi piace personalmente questo suo lato, che mi fa leggere i suoi libri piuttosto che la sua vena pornofatata dove le protagoniste si fanno tutto e tutti! Il E anche il finale c’era da aspettarselo alla fine da una in fondo sadica e non tenera come la Hamilton! Ma poi in fondo chi era il vero cattivo... il vero traditore? E’ vero che c’è il Super cattivo che trama nell’ombra ma chi è il VERO cattivo poi nella storia? Fino ad un certo punto era perfetto, peccato, ma alla fine la Hamilton si è un po’ persa ; mi sembrava di vedere Il Signore degli Anelli - The Walking Dead contro l’Armata Bracalone!!!!! Come mai degli esperti cacciatori che non si preparano neanche un piano anche minimo e vanno così allo sbaraglio poi di notte? Troppa ingenuità spicciola! Alla fine la Hamilton risponde, anzi fa rispondere i suoi personaggi cercando invano di dare delle spiegazioni che non reggono assolutamente, e lì è scaduta al genere Horror splatter da B Movie scrauso...ma ogni tanto lei lo fa questo ho visto, non così platealmente, ma è successo in molti suoi libri! Quindi a parte questo, il libro mi è piaciuto proprio perché ci vedo la Hamilton sia nei suoi pregi che nei suoi difetti!

    ha scritto il 

  • 4

    ..che botta!!! :|
    Per riprendermi da tutto questo male, ho dovuto leggere un libro leggere, senza pensieri!
    I personaggi sono, caratterialmente, uno più affascinante dell'altro...e come è crudele ved ...continua

    ..che botta!!! :|
    Per riprendermi da tutto questo male, ho dovuto leggere un libro leggere, senza pensieri!
    I personaggi sono, caratterialmente, uno più affascinante dell'altro...e come è crudele vedere il bene trasformato in qualcosa di malvagio da questa terra oscura e perversa!

    ha scritto il 

  • 4

    ebook

    C'è il vecchio mago e la giovane maga tirocinante. Morti viventi, più o meno arzilli. Morti che si riprendono ed altri che non ce la fanno. La magia non è per tutti, e può riservare brutte sorprese. ...continua

    C'è il vecchio mago e la giovane maga tirocinante. Morti viventi, più o meno arzilli. Morti che si riprendono ed altri che non ce la fanno. La magia non è per tutti, e può riservare brutte sorprese.

    ha scritto il 

  • 1

    Santo cielo

    La domanda è: chi ha dato all'autrice la possibilità di pubblicare questo libro?
    Comincia lento, impiega secoli per arrivare... DA NESSUNA PARTE. Personaggi ignorabili, una trama assurda (e decisament ...continua

    La domanda è: chi ha dato all'autrice la possibilità di pubblicare questo libro?
    Comincia lento, impiega secoli per arrivare... DA NESSUNA PARTE. Personaggi ignorabili, una trama assurda (e decisamente assurdo il piano del Signore Oscuro del titolo). Degli esperti avventurieri che, spersi nelle Nebbie, si affidano ad una ragazzina bionda per sapere dove andare?
    Non ci viene detto niente di Kartakass o del luogo dove si svolge l'azione (potrebbe essere ambientato dovunque e cambierebbe ben poco. Genericittà, praticamente).
    L'autrice non ha MAI letto o giocato niente che avesse a che fare con Ravenloft o con D

    ha scritto il 

  • 3

    Forse non è il suo genere, forse non è la sua ambientazione, ma in qualche modo questo romazo della Hamilton stride con Ravenloft. I personaggi ci sono e sono interessanti, vengono introdotti in modo ...continua

    Forse non è il suo genere, forse non è la sua ambientazione, ma in qualche modo questo romazo della Hamilton stride con Ravenloft. I personaggi ci sono e sono interessanti, vengono introdotti in modo ottimo, ma poi si perdono. In tutti i sensi, quindi non affezionatevi, non saprete mai come va a finire. Se alcuni tratti, come la magia, sono descritti in modo accurato e coinvolgente, altri sembrano buttati lì solo per necessità della trama (eroi che sono il vanto di un'intera regione per la loro spavalda capacità di distuggere il male e le sue manifestazioni, vengono praticamente annientati nello spirito e nel fisico nel giro di 2 ore in modo quasi comico. Del tipo "inciampa sul gradino e muore", non a questi livelli, ma rende bene l'idea d'incredulità del lettore ;) E poi, capisco dare spessore psicologico, ma qua sembra di avere a che fare con degli isterici iperemotivi, invece che con i suddetti "eroi-protagonisti").
    A peggiorare il senso di estraneità ai personaggi e all'ambientazione c'è l'assoluta mancanza di un minimo di storia relativa a Ravenloft, se non siete abituati a questi regni vi perderete metà del senso del libro.

    ha scritto il