Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Moshi moshi

Di

Editore: Feltrinelli (I Narratori)

3.5
(477)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807019027 | Isbn-13: 9788807019029 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Gala Maria Follaco

Disponibile anche come: eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Health, Mind & Body

Ti piace Moshi moshi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo aver perso il padre in quello che ha tutta l’aria di essere stato un doppio suicidio d’amore, Yoshie si trasferisce dalla sua casa di Meguro a un minuscolo e vecchio appartamento a Shimokitazawa, un quartiere di Tokyo famoso per le sue stradine chiuse al traffico, i ristoranti, i negozietti, nonché meta degli alternativi della capitale. Qui Yoshie spera, aiutata dall’atmosfera vivace, di superare il dolore e dare una nuova direzione alla sua vita. Un giorno, però, sua madre le si presenta a casa all’improvviso con una borsa Birkin di Hermès e qualche sacchetto. Inizia così una bizzarra convivenza che unisce le due donne lungo il percorso di elaborazione del lutto che le ha colpite, le pone di fronte a verità inaspettate, le aiuta a scorgere fiochi lumi di speranza nel buio di una quotidianità ferita. Moshi moshi – “pronto” al telefono – è il racconto di una rinascita, la favola delicata e struggente della vita di un quartiere, la storia di una madre, di una figlia, di un grande dolore e di qualche piccola felicità inattesa.
Ordina per
  • 4

    Brezze leggere

    Un solo evento, duro, forte, scioccante nella vita di Yocchan e sua madre. Il padre muore in un incidente in auto con un'altra donna. Chi era? Che cosa inquietava il padre di Yocchan tanto da essere ...continua

    Un solo evento, duro, forte, scioccante nella vita di Yocchan e sua madre. Il padre muore in un incidente in auto con un'altra donna. Chi era? Che cosa inquietava il padre di Yocchan tanto da essere coinvolto in una cosa simile? Non si può raccontare altro. Banana Yoshimoto è capace di costruire atmosfere emotive, rarefatte, quotidiane, stati d'animo, cadute e risalite attorno a un microcosmo di esseri che, a ben guardare, sono il riflesso di milioni di storie. Ma lei riesce a non essere mai melodrammatica, mai sdolcinata. I suoi personaggi hanno un profilo semplice eppur complesso. Possiamo essere tutti Yocchan in un periodo della nostra vita come potremmo non esserlo mai, ma ognuno di noi, leggendo i suoi racconti non può non immedesimarsi ed essere conquistato da ciò che riesce a creare con le sole parole. Un romanzo di Banana entra sempre in sintonia con i tuoi stati d'animo. E' sempre il momento giusto per leggerla. Anche "Moshi Moshi" è una bellissima conferma.

    ha scritto il 

  • 4

    L'elaborazione del lutto può anche essere dolce. Sussurrata. Ma mai così profonda, quando tentiamo di sopravvivere e ricostruirci un mondo intorno. Yocchan e la mamma ci riescono, passo per passo, ...continua

    L'elaborazione del lutto può anche essere dolce. Sussurrata. Ma mai così profonda, quando tentiamo di sopravvivere e ricostruirci un mondo intorno. Yocchan e la mamma ci riescono, passo per passo, pagina per pagina, non senza dolore ma senza neanche perdere la gioia di vivere e delle piccole cose. Forse una Banana Yoshimoto più in forma rispetto agli ultimi anni, che mi ha ricordato i primi romanzi del periodo d'esordio.

    ha scritto il 

  • 4

    La Yoshimoto, non ho idea di come ci riesca, ma finisce sempre per entrare nella mia vita al momento giusto. Questo libro in particolare, che parla dell'elaborazione di un lutto, lo avevo comprato ...continua

    La Yoshimoto, non ho idea di come ci riesca, ma finisce sempre per entrare nella mia vita al momento giusto. Questo libro in particolare, che parla dell'elaborazione di un lutto, lo avevo comprato anni fa, ma solo ora l'ho letto. E in tre giorni. I suoi non credo proprio si possano definire libri che cambiano la vita, piuttosto sono degni compagni di viaggio in certi momenti. Vanno letti al momento opportuno, credetemi. Ed io questo lo apprezzo molto, davvero tanto.

    ha scritto il 

  • 2

    Niente di che

    Non delude perché se la conosci sai pure che è una lettura senza pretese, come intervallo e se ti piace il Giappone ci può stare altrimenti meglio leggere altro

    ha scritto il 

  • 2

    L'insostenibile inconsistenza dello scrivere

    La Yoshimoto batte sempre sugli stessi tasti: separazioni, morti in famiglia, adolescenti o post-adolescenti in crisi di transizione. La sua scrittura purtroppo non emoziona,la riflessione è ...continua

    La Yoshimoto batte sempre sugli stessi tasti: separazioni, morti in famiglia, adolescenti o post-adolescenti in crisi di transizione. La sua scrittura purtroppo non emoziona,la riflessione è sollecitata soprattutto nel cercare di mettere coerenza tra un enunciato e l'altro...ma in questo probabilmente anche il traduttore ha le sue colpe.

    ha scritto il 

  • 2

    Non mi aspetto...

    ...mai dei capolavori dalla Yoshimoto, la sua è una scrittura leggera ma l'ho sempre trovata riposante e fresca in qualche modo, gradevole almeno per me ma con questo proprio non ci siamo, è ...continua

    ...mai dei capolavori dalla Yoshimoto, la sua è una scrittura leggera ma l'ho sempre trovata riposante e fresca in qualche modo, gradevole almeno per me ma con questo proprio non ci siamo, è inconsistente e confuso, più improbabile del solito e anche un po' noioso, peccato.

    ha scritto il 

  • 4

    Facendo parte della letteratura giapponese il tema è sempre quello drammatico ovvero la morte di un padre e marito e nel libro ci viene raccontata come madre e figlia tornano alla vita dopo il lutto ...continua

    Facendo parte della letteratura giapponese il tema è sempre quello drammatico ovvero la morte di un padre e marito e nel libro ci viene raccontata come madre e figlia tornano alla vita dopo il lutto ma in modo molto leggero e armonioso. Il libro non è assolutamente pesante e si legge volentieri.

    ha scritto il 

Ordina per