Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mostly Harmless

By

Publisher: Pan Macmillan

3.8
(1968)

Language:English | Number of Pages: 9999 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Portuguese , Japanese

Isbn-10: 033050858X | Isbn-13: 9780330508582 | Publish date: 

Also available as: Audio CD , Audio Cassette , Hardcover , Library Binding , School & Library Binding , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like Mostly Harmless ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Thirty years of celebrating the comic genius of Douglas Adams...Arthur Dent hadn't had a day as bad as this since the Earth had been blown up. Depressed and alone, Arthur finally settles on the small planet Lamuella and becomes a sandwich maker. Looking forward to a quiet life, his plans are thrown awry by the unexpected arrival of his daughter. There's nothing worse than a frustrated teenager with a copy of the Hitchhiker's Guide to the Galaxy in their hands. When she runs away -- Arthur goes after her determined to save her from the horrors of the universe. After all -- he's encountered most of them before...VOLUME FIVE IN THE TRILOGY OF FIVE
Sorting by
  • 2

    Depressing

    It's like Douglas Adams was depressed, so that Arthur Dent was depressed, and so of course the reader would get depressed too. It's a book about angst, mainly, and bad surprises and unlucky odds. It d ...continue

    It's like Douglas Adams was depressed, so that Arthur Dent was depressed, and so of course the reader would get depressed too. It's a book about angst, mainly, and bad surprises and unlucky odds. It drags on and on, anticipating some major event, which somehow fails to happen or be explained. The end doesn't really resolve things. Although the writing is always brilliant and there are some funny moments here and there, this is definitely the worst of the five books.

    said on 

  • 2

    Appena sufficiente, pochi spunti che mi hanno fatto davvero sorridere, e finale che non mi è piaciuto.
    Adams col proseguire della saga ha finito per perdersi nei meandri del suo stesso nonsense.

    I pri ...continue

    Appena sufficiente, pochi spunti che mi hanno fatto davvero sorridere, e finale che non mi è piaciuto.
    Adams col proseguire della saga ha finito per perdersi nei meandri del suo stesso nonsense.

    I primi due libri sono di gran lunga i piu belli.

    said on 

  • 4

    Il degno e terribile finale.

    "Che carne è questa?"
    "Ah sì, ehm, Bestia Perfettamente Normale."
    "Cosa?"
    "Bestia Perfettamente Normale. Sembra un po' una mucca, o meglio un toro. Anzi, forse somiglia di ...continue

    Il degno e terribile finale.

    "Che carne è questa?"
    "Ah sì, ehm, Bestia Perfettamente Normale."
    "Cosa?"
    "Bestia Perfettamente Normale. Sembra un po' una mucca, o meglio un toro. Anzi, forse somiglia di più a un bufalo. E' un animale grosso, che carica."
    "Allora cos'ha di strano?"
    "Niente, è Perfettamente Normale."
    "Capisco."

    said on 

  • 4

    L'ultimo romanzo della saga della Guida Galattica per Autostoppisti, “una trilogia in cinque parti” come la definì l'autore, in cui si giunge alla conclusione di tutto; il cerchio si chiude in un tris ...continue

    L'ultimo romanzo della saga della Guida Galattica per Autostoppisti, “una trilogia in cinque parti” come la definì l'autore, in cui si giunge alla conclusione di tutto; il cerchio si chiude in un triste quanto spiazzante epilogo che vede anche l’amichevole partecipazione del numero quarantadue. Dopo il Messaggio Finale di Dio nel quarto volume qui viene fornita un’importante rivelazione sulla sorte di Elvis Presley.
    Credo che mi mancheranno le avventure surreali di Arthur Dent e combriccola.

    said on 

  • 4

    Come tutti i libri che concludono una serie che abbiamo molto amato, anche questo romanzo è stato un po’ triste. Tanto che non so ben giudicare se la storia in sé lo sia più delle altre volte, o sia s ...continue

    Come tutti i libri che concludono una serie che abbiamo molto amato, anche questo romanzo è stato un po’ triste. Tanto che non so ben giudicare se la storia in sé lo sia più delle altre volte, o sia solo questa malinconia che mi ha tenuto compagnia per tutto il tempo. Certo è che, comunque, non mancano il divertimento e le trovate geniali che caratterizzano la “trilogia in cinque volumi” della Guida Galattica per gli Autostoppisti. Il finale però mi ha talmente scioccato che ho pensato parecchio a che voto dare a questo libro, per un po’ sono stata tentata di limitarmi a tre stelline, non riuscendo a capire se le quattro erano un giudizio obiettivo, oppure è solo che amo troppo questa saga per dargliene di meno. A qualche giorno di distanza dalla fine della lettura sono più convinta del voto positivo, e anche se ancora traumatizzata dal finale, non mi sento più “tradita” da Adams per aver creato una conclusione che non mi aspettavo per niente. Pian piano ne sto capendo il senso, e forse, magari, fra alcuni anni, con una rilettura di tutta la saga, potrei arrivare perfino ad apprezzarla!
    A parte questo, comunque, il romanzo è una bella lettura, diverte, fa riflettere, stupisce ed emoziona come sempre!

    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/18114

    said on 

  • 2

    Ho fatto molta fatica a finirlo. Qualche battuta, un po' di umorismo, ma sinceramente tutto il resto lascia a desiderare.
    Conclusione di una saga iniziata bene, poi continuata quasi per inerzia.
    Per c ...continue

    Ho fatto molta fatica a finirlo. Qualche battuta, un po' di umorismo, ma sinceramente tutto il resto lascia a desiderare.
    Conclusione di una saga iniziata bene, poi continuata quasi per inerzia.
    Per concludere, non vi ho letto questo grande capolavoro che la comunità "nerd" vede in essa.

    said on 

  • 2

    Sempre meravigliosa l'ironia di Adams, un pò meno la storia... Diventa tutto esageratamente complicato e il finale rimane un pò sconclusionato con la parte di Zaphod.

    said on 

  • 2

    Ultimo capitolo della saga de "La guida galattica per autostoppisti" e devo dire che è stata una lettura deludente, davvero poca roba, purtroppo. Qualche risata la "strappa" pure, soprattutto credo pe ...continue

    Ultimo capitolo della saga de "La guida galattica per autostoppisti" e devo dire che è stata una lettura deludente, davvero poca roba, purtroppo. Qualche risata la "strappa" pure, soprattutto credo per chi ha già letto i precedenti 4, o se no nemmeno quelle. Ripetitivo e noioso, evitabile...

    said on 

Sorting by