Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Mr Norris se ne va

By Christopher Isherwood

(188)

| Paperback | 9788806132699

Like Mr Norris se ne va ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Terzo romanzo di Isherwood, pubblicato per la prima volta nel 1933, Mr. Norris se ne va è ambientato nella Berlino che precede l'avvento del nazismo. Il narratore, un giovane che vive dando lezioni d'inglese, fa la conoscenza dell'ambiguo Mr. Norris, Continue

Terzo romanzo di Isherwood, pubblicato per la prima volta nel 1933, Mr. Norris se ne va è ambientato nella Berlino che precede l'avvento del nazismo. Il narratore, un giovane che vive dando lezioni d'inglese, fa la conoscenza dell'ambiguo Mr. Norris, una specie di avventuriero imbroglione che compie con distratto cinismo le sue truffe. Costretto ad allontanarsi da Berlino inseguito dai creditori, ne ritorna in veste di improbabile spia, al soldo dei servizi segreti francesi, presso il partito comunista tedesco. Ma dopo poco è obbligato a fuggire da Berlino, che sta per assistere all'ascesa di Hitler, e a girare per il mondo. Il testo è considerato una parabola politica sulla leggerezza con cui le potenze occidentali seguirono la crisi della Germania.

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ma chi è questo Mr Norris che cambia treno? (perchè abbiamo cambiato il titolo?)
    Arthur Norris, che il protagonista, William Bradshaw, incontra casualmente sul treno, è un classico gentleman inglese, affabile ed elegante. Se non che:
    "La prima cosa ...(continue)

    Ma chi è questo Mr Norris che cambia treno? (perchè abbiamo cambiato il titolo?)
    Arthur Norris, che il protagonista, William Bradshaw, incontra casualmente sul treno, è un classico gentleman inglese, affabile ed elegante. Se non che:
    "La prima cosa che notai fu che gli occhi dello sconosciuto erano di un insolito colore azzurro chiaro. Quegli occhi incontrarono i miei, imbarazzati, per alcuni secondi, ed erano vuoti di ogni espressione, sgomenti. Allarmati e soffusi di innocente malizia, mi ricordavano confusamente un incidente che non potevo inquadrare; qualcosa che aveva a che fare coi primi anni di scuola. Erano gli occhi di uno scolaro sorpreso nell'atto di qualche marachella. Non che l'avessi colto, in apparenza, in alcunché di male, salvo che nei suoi pensieri: immaginava forse che potessi leggere anche in quelli. In ogni modo, sembrava non mi avesse udito, né mi avesse veduto attraversare lo scompartimento, dal mio angolo al suo, perché trasalì velocemente, anzi, che il suo sussulto nervoso mi colpì come una ripercussione. Istintivamente, feci un passo indietro. Erano gli occhi di uno scolaro sorpreso nell'atto di qualche marachella. Non che l'avessi colto, in apparenza, in qualcosa di male, eccetto che nei suoi pensieri: immaginava forse che potessi leggere anche in quelli. In ogni modo, sembrava non mi avesse udito, né mi avesse veduto attraversare lo scompartimento, dal mio angolo al suo, perché trasalì velocemente al suono della mia voce, così violentemente, anzi, che il suo sussulto nervoso mi investì come un contraccolpo. Istintivamente feci un passo indietro."

    Eppure va avanti, tanto è affascinante ed intrigante scoprire che lavoro faccia.
    Frequentandolo si scopre che ha degli affari poco chiari, amicizie di tutti i tipi, prostitute e giovani militanti comunisti, aristocratici tedeschi e leader comunisti. Per noi sarebbe più semplice definirlo un faccendiere e, tenuto conto dell'inflazione in Italia e dell'anestetico di cui ci nutriamo, non ci incanterebbe tanto. E se ci separano più di 80 anni certe situazioni ritornano, dalle feste alla recessione. "Tutta la città pareva sotto l'influsso epidemico di una paura subdola e infettiva". Berlino antenazismo.
    Spy story e per niente inconsapevole affresco degli anni precedenti all'avvento del nazismo in una città che sembra mantenere i soliti connotati di città aperta, poliedrica e disponibile ad ambiguità di qualsivoglia natura.
    Personaggi di nazionalità diversa si trovano ad abitare lo stesso spazio, si trovano a praticare gusti sessuali diversi o a professare fedi politiche diverse, addirittura nella stessa "strasse".
    Dietro l'angolo si rischia anche di vedere uno scorcio di storia. Distrattamente. Tratteggiata eppure definita.
    Il tutto con humor inglese, leggerezza e soavità che fa uso massiccio di aggettivi.

    Is this helpful?

    Céline said on Mar 18, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Citazione

    Il rimorso non è adatto alle persone anziane. Quando queste ne sono assalite, il rimorso, non le redime, non le purga né risolleva, ma le degrada soltanto e le rende miserabili, come una schifosa malattia.

    Is this helpful?

    Miss Kamala said on Jun 9, 2012 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    «L'imperialismo britannico è stato impegnato, in questi ultimi duecento anni, a largire alle sue vittime i dubbi benefici della Bibbia, della Bottiglia e della Bomba. E di queste tre, potrei forse aggiungere che la Bomba è stata, di gran lunga, la me ...(continue)

    «L'imperialismo britannico è stato impegnato, in questi ultimi duecento anni, a largire alle sue vittime i dubbi benefici della Bibbia, della Bottiglia e della Bomba. E di queste tre, potrei forse aggiungere che la Bomba è stata, di gran lunga, la meno pericolosa.»

    «La parola Liebe, amore, cara ai cultori di Goethe, non valeva più nemmeno il bacio di un prostituta.»

    Un misto fra spy-story ed un-non-lo-so inconcludente, però affascinante. Sarà pregiudizio il mio, affascinato dall'uomo Isherwood, e neppure a dirlo, tutte le sue opere sono assai autobiografiche, lo è anche questo; in parte William (io narrante) e in parte lo stesso Mr. Norris, colui che se ne va, che è costretto a scappare, non certo da vittima.
    Come affascinante è lo sfondo di questa stramba amicizia: una Berlino pronta ad accogliere l'avvento del Nazismo, fra violenze disseminate e accennate quanto basta e corruzioni.

    Is this helpful?

    Nyarlathotep (Scambio solo ebook) said on May 11, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nella terra di confine fra sfrenata autobiografia berlinese, affresco storico dei primordi del nazismo, spy-story senza pretese, una storia che mi sembra mantenersi equidistante, diplomaticamente riservata sui suoi personaggi. Procede in maniera semp ...(continue)

    Nella terra di confine fra sfrenata autobiografia berlinese, affresco storico dei primordi del nazismo, spy-story senza pretese, una storia che mi sembra mantenersi equidistante, diplomaticamente riservata sui suoi personaggi. Procede in maniera semplice come il suo narratore: mettendo in fila gli avvenimenti di ogni giorno, presentandoli con il distacco e la curiosità inglesi, ne viene fuori un romanzo.

    Is this helpful?

    esistegia said on Jun 5, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Equilibrio perfetto tra dialoghi e narrazione.. un piccolo gioiello

    Is this helpful?

    Bambu said on Feb 16, 2011 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    "La parola Liebe, amore, cara ai cultori di Goethe, non valeva più nemmeno il bacio di un prostituta"

    In una Germania che si sta convertendo, per effetto di una follia che fu virulenta e contagiosa come un delirio di febbre, al nazismo, un giovane inglese neutrale (che diventa anche narratore in prima persona della vicenda) è coinvolto e messo a part ...(continue)

    In una Germania che si sta convertendo, per effetto di una follia che fu virulenta e contagiosa come un delirio di febbre, al nazismo, un giovane inglese neutrale (che diventa anche narratore in prima persona della vicenda) è coinvolto e messo a parte degli intrighi delle diverse fazioni (comunisti da una parte, seguaci di Hitler dall'altra).
    Tanto il clima quanto l'incipit ed il ritmo di questo libro, in effetti, ricordano quelli di un thriller affascinante, solido, non particolarmente impegnativo: a questa dimensione, però, Isherwood affianca anche le terribili, innegabili verità della storia (l'autore menziona, tra gli altri fatti storici, l'incendio al Reichstag, primo atto di un potere illegittimo, quello totalitaristico del fascismo, violento ed oppressivo nonché basato principalmente sul sospetto, sulla menzogna, sull'ignoranza), capaci di tingere di dramma un racconto apparentemente leggero come quello che attraversa le pagine di questo "Il signor Norris se ne va". La corruzione è oramai ovunque, l'integrità morale non ha più valore, la salvaguardia dei propri esclusivi interessi è il solo obiettivo perseguito dai personaggi di questo triste teatro di maschere grottesche e volgari (l'aspetto fisico dell'uomo del titolo, Arthur Norris, esemplifica perfettamente ciò che intendo: l'acquosa mollezza dei suoi occhi celesti, la deforme bruttezza del naso e del mento, ma soprattutto il fatto che indossi un parrucchino sopra l'imbarazzante calvizia, sono i segni esteriori di una incrostata bruttezza dell'anima, impossibile da lavare via).
    Nemmeno l'ideale della bellezza, disperatamente perseguito da tutti, riesce a sollevare, anche solo per un momento, il pesante drappo di lordura che oscura i cieli dell'Europa, anestetizzando le già sonnolente coscienze degli uomini che tendono a scagionare sé stessi da ogni colpa e assestando il colpo di grazia ad una civiltà ormai agonizzante; c'è qualcosa di farsesco, di eccessivo negli ambienti (locali di perdizione che si ricollegano, coscientemente o meno, alle atmosfere di "Doppio sogno" di Schnitzler), nei vestiti curati (caricature di dandies fanno capolino da queste pagine), nei visi eccessivamente pitturati delle ragazze (le donne di Isherwood sono tutto o quasi prostitute dedite al sadomasochismo) di questo libro che riesce a divertire, a consolare, a distrarre soprattutto dal poco rassicurante pensiero che a fare la storia siano per lo più personaggi dubbi o addirittura amorali.
    Il narratore, invece, pare un pretesto per osservare la situazione più da vicino: più voce che azione, indaga e scava, riportando alla luce mancanze, vergogne, bassezze di chi, pur conservando un'apparenza assolutamente onesta, rispettabile, corrompe e vende altri pur di salvare sé stesso (come fa, appunto, Mr. Norris).
    Interessante.

    Is this helpful?

    alice said on Sep 14, 2010 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (188)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 233 Pages
  • ISBN-10: 8806132695
  • ISBN-13: 9788806132699
  • Publisher: Einaudi (Einaudi tascabili)
  • Publish date: 1993-06-xx
  • In other languages: other languages English Books
Improve_data of this book

Groups with this in collection