Mroczna Wieża II

Powołanie trójki

By

Publisher: Albatros

4.2
(3596)

Language: Polski | Number of Pages: 445 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Spanish , French , Italian , Chi traditional , German , Portuguese , Swedish , Dutch , Japanese , Czech , Hungarian , Greek , Russian

Isbn-10: 838808786X | Isbn-13: 9788388087868 | Publish date: 

Translator: Zbigniew A. Królicki

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Mroczna Wieża II ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    Più bello del primo

    Questa saga è un crescendo. Le storie di Roland, Eddie, Detta/Odetta sono dei capolavori. E le aramostre? (Damaciami? rotfl!) Sembra quasi di sentirle. Che spettacolo. Da leggere subito e amare alla f ...continue

    Questa saga è un crescendo. Le storie di Roland, Eddie, Detta/Odetta sono dei capolavori. E le aramostre? (Damaciami? rotfl!) Sembra quasi di sentirle. Che spettacolo. Da leggere subito e amare alla follia.

    said on 

  • 5

    Olan

    Childe Roland alla Torre Nera giunse.
    Ognuno di noi ha la sua Torre Nera, ognuno lotta per arrivarci.

    Non so se sarò saggio come Roland, o furbo come Eddie, o generoso come Susannah, o coraggioso come ...continue

    Childe Roland alla Torre Nera giunse.
    Ognuno di noi ha la sua Torre Nera, ognuno lotta per arrivarci.

    Non so se sarò saggio come Roland, o furbo come Eddie, o generoso come Susannah, o coraggioso come Oy...spero solo di arrivarci un giorno, alla mia Torre Nera.

    Dico grazie King.

    said on 

  • 4

    Il secondo volume della "Torre" è una lunga costruzione. La chiamata dei tre è un romanzo che serve a King per mettere le basi dei personaggi che andranno alla conquista della Torre. Come sempre stile ...continue

    Il secondo volume della "Torre" è una lunga costruzione. La chiamata dei tre è un romanzo che serve a King per mettere le basi dei personaggi che andranno alla conquista della Torre. Come sempre stile scorrevole e idee innovative

    said on 

  • 3

    3 stelle e mezzo

    La mia seconda avventura nel mondo di Roland è stata sicuramente più interessante della prima ma sento ancora che manca qualcosa. L'idea di farlo viaggiare tra le varie epoche è affascinante. Forse il ...continue

    La mia seconda avventura nel mondo di Roland è stata sicuramente più interessante della prima ma sento ancora che manca qualcosa. L'idea di farlo viaggiare tra le varie epoche è affascinante. Forse il problema è che mi aspetto una conclusione da ogni libro che leggo mentre King invece, continua a raccontare la sua storia senza interruzioni.

    said on 

  • 3

    Tre stelle e mezzo... aspetto un cambio di ritmo...

    Secondo volume superiore al primo, un po' più chiaro e lineare, ma mi aspetto sicuramente di più.

    Con tre porte che si aprono su mondi paralleli vengono presentati e inseriti nella storia i personaggi ...continue

    Secondo volume superiore al primo, un po' più chiaro e lineare, ma mi aspetto sicuramente di più.

    Con tre porte che si aprono su mondi paralleli vengono presentati e inseriti nella storia i personaggi che accompagneranno Roland alla torre nera

    Il prigioniero Eddie Dean, un tossico problematico che è quello che mi è piaciuto di più, la signora Detta Odetta Holmes donna nera, disabile e "bipolare" che però non è riuscita a conquistarmi allo stesso modo e infine lo spacciatore Jack Mort un assassino che sceglie a caso le vittime dei suoi omicidi.

    E adesso che il gruppo è formato mi aspetto un gran bel viaggio...

    said on 

  • 4

    Roland si sveglia su una spiaggia, sulla quale viene improvvisamente attaccato da una serie di creature spaventose simili a crostacei, che lungo la narrazione vengono chiamate 'aramostre'. L'ambientaz ...continue

    Roland si sveglia su una spiaggia, sulla quale viene improvvisamente attaccato da una serie di creature spaventose simili a crostacei, che lungo la narrazione vengono chiamate 'aramostre'. L'ambientazione dove si sviluppa la vicenda subisce un forte cambiamento dall'atmosfera western che si incontra nel primo volume. Ne "La Chiamata dei Tre" lo sfondo sarà perennemente la spiaggia, lungo la quale i personaggi si muovono verso nord, in balia delle aramostre e dei felini.
    Su questa spiaggia, Roland, solo, si imbatte in una porta, che si staglia dal nulla sugli scogli. Dietro di essa non vi è alcuna costruzione. All'altezza degli occhi, una piccola targa recita "Prigioniero". Il romanzo si basa fondamentalmente sulla presenza di tre porte (il titolo può lasciar intendere) attraverso la quale Roland raggiunge il mondo in periodi che oscillano vicino alla metà del '900. Entrando nella porta, facendosi avanti, il pistolero riesce a 'entrare' nella mente di alcuni personaggi, che egli sa di dover chiamare a sé senza perderli. Perché solo con essi potrà raggiungere la Torre Nera.
    Questo secondo volume ha lo scopo di presentare i personaggi, peraltro veramente geniali, che accompagneranno il postolero lu la difficile ricerca della Torre Nera. Un altro tassello da aggiungersi al cammino che si preannuncia lastricato di difficoltà lasciando nel lettore ancora molte domande senza risposta.

    said on 

  • 4

    Leggermente macchinoso, dovuto al fatto che il libro è dedicato alla presentazione dei personaggi che affiancheranno il protagonista negli altri volumi, ma se tutti i libri macchinosi fossero così, no ...continue

    Leggermente macchinoso, dovuto al fatto che il libro è dedicato alla presentazione dei personaggi che affiancheranno il protagonista negli altri volumi, ma se tutti i libri macchinosi fossero così, non esisterebbe letteratura scadente. Molto affascinante, lascia tanti punti in sospeso, che andranno ampliati e risolti più avanti e che invogliano senza ombra di dubbio ada andare avanti con la lettura. Questo libro, in un certo senso, incarna il concetto stessto del piacere della lettura, che si vorrebbe non finisse mai (o troppo presto) e ti lascia quella nostalgia nel profondo quando si arriva alla fine del viaggio.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Questo secondo volume ci mostra la travagliata composizione del gruppo che (volente o nolente) si appresterà ad accompagnare Roland nella sua ricerca della Torre e le vicissitudini personali dei singo ...continue

    Questo secondo volume ci mostra la travagliata composizione del gruppo che (volente o nolente) si appresterà ad accompagnare Roland nella sua ricerca della Torre e le vicissitudini personali dei singoli elementi.
    “Il prigioniero” Eddie Dean, un tossico… interessante e frenetica, quasi angosciante, la sua vicenda. Un uomo scaltro ma con un grosso difetto costituito dalla sua dipendenza ed un fratello che ne ha pesantemente influenzato la vita.
    “La signora delle ombre” Detta/Odetta Holmes, una doppia personalità racchiusa in una donna bellissima e disabile dalle ampie risorse finanziarie, razionale ed educata una quanto sboccata ed irascibile l’altra. Questa faccenda invece mi è sembrata noiosetta, punti salienti sbocconcellati a malapena ed un continuo ripetersi di ragionamenti.
    “Lo spacciatore” Jack Mort, spacciatore nel senso che spaccia (ovvero ammazza) le persone, uno stronzo fatto e finito.
    Le vite e gli avvenimenti che caratterizzano questi tre possono essere più o meno interessanti, resta però impareggiabile la parte che si svolge nel mondo di Roland, sulla desolata ed interminabile spiaggia popolata dalle enigmatiche e temibili aramostre… che vede le peripezie del pistolero e il prigioniero alle prese con l’intrattabile (a dir poco) donna, alle cui due personalità già esistenti sembra spuntarne addirittura una terza.
    Un volume quasi “preparatorio” per quello che sarà il salto vero e proprio nell’avventura che si appresta ad iniziare nel prossimo volume (anche se già ne abbiamo avuto un abbondante assaggio).

    said on 

Sorting by