Mundo del fin del mundo

By

Publisher: Tusquets

3.7
(2100)

Language: Español | Number of Pages: 145 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , French , German , Portuguese

Isbn-10: 8472234193 | Isbn-13: 9788472234192 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Others

Category: Fiction & Literature , Political , Travel

Do you like Mundo del fin del mundo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Un adolescente, enardecido por la lectura de Moby Dick, aprovecha las vacaciones de verano para embarcarse, en los confines australes de América, allí donde se termina el mundo, en un ballenero que por primera vez le llevará por esos mares donde todavía navegan legendarios héroes de verdad y de mentira. Muchos años después, el joven chileno, ya convertido en adulto y residente al otro lado del planeta, periodista y miembro activo del movimiento Greenpeace, vuelve inesperadamente a los lejanos parajes de su escapada juvenil por una razón muy distinta, pero tal vez igualmente romántica : barcos piratas están depredando la fauna marítima que habita las gélidas e impolutas aguas del mundo del fin del mundo. Hay que seguir las huellas sanguinarias del feroz capitán Tanifuji, encontrar pruebas, denunciarlo, impedir la barbarie y salvar a Sarita, atrapada en una enmarañada red de oscuros intereses internacionales. La solitaria obsesión del capitán Ahab por una ballena enorme ha dado lugar al exterminio sistemático e indiscriminado de una banda de modernos corsarios.
Sorting by
  • 3

    Questo libretto di poco più di 100 pagine mi ha lasciato un po' così. Non sono delusa, ma nemmeno entusiasta, è un sentimento che sta a metà strada e che faccio fatica ad esprimere.
    Il tema trattato è ...continue

    Questo libretto di poco più di 100 pagine mi ha lasciato un po' così. Non sono delusa, ma nemmeno entusiasta, è un sentimento che sta a metà strada e che faccio fatica ad esprimere.
    Il tema trattato è quello della lotta di una piccola testata indipendente contro la caccia alle balene, e di un cileno, trasferitosi ad Amburgo, che tornando nella sua terra natia per indagare su uno strano incidente riscopre il legame con la sua terra.
    Per i miei gusti ci sono troppi nomi di isole, stretti e fiordi che rallentano la lettura, ma il ritmo è comunque decisamente lento. La narrazione si snoda tra ricordi personali e racconti di esperti marinai vecchio stile, di chi viveva davvero la vera vita di mare. Però manca secondo me quel fascino per farti innamorare del tutto dei luoghi descritti e del racconto in sé. Probabilmente solo chi c'è stato può capire davvero l'atmosfera che vi si respira.

    said on 

  • 4

    Tra queste pagine si respira Cile a pieni polmoni. Paesaggi, nomi, tutto. La storia è avvincente e per quanto mi riguarda il libro è stato anche istruttivo. Non conoscevo le navi aspiratrici, né le ba ...continue

    Tra queste pagine si respira Cile a pieni polmoni. Paesaggi, nomi, tutto. La storia è avvincente e per quanto mi riguarda il libro è stato anche istruttivo. Non conoscevo le navi aspiratrici, né le barre filippine per il corallo. Bellissimo quando narra di Greenpeace e delle sue lotte.

    said on 

  • 4

    Breve ma intenso. Una lettura, al confine fra autobiografia e romanzo, che ci riporta a quelle sensazioni quasi primordiali della Patagonia, tipiche di Sepulveda, ma che fa anche riflettere su quanto ...continue

    Breve ma intenso. Una lettura, al confine fra autobiografia e romanzo, che ci riporta a quelle sensazioni quasi primordiali della Patagonia, tipiche di Sepulveda, ma che fa anche riflettere su quanto avviene nei posti più remoti del mondo, con danni ambientali ingenti.

    said on 

  • 4

    Le avventure sul mare hanno sempre esercitato un certo fascino sull'uomo. Il fascino aumenta esponenzialmente se a subire tale fascino è un ragazzo che ha appena finito di leggere Moby Dick; aggiungia ...continue

    Le avventure sul mare hanno sempre esercitato un certo fascino sull'uomo. Il fascino aumenta esponenzialmente se a subire tale fascino è un ragazzo che ha appena finito di leggere Moby Dick; aggiungiamo come ingredienti finali i meravigliosi scenari della Patagonia, la nobilissima causa di Greenpeace e un pizzico di giallo costituito da una fantomatica nave baleniera comandata da un capitano senza un'oncia di scrupoli, e ci renderemo conto che il fascino ci colpirà come le raffiche di vento che spirano dall'Antartide. Poco più di un centinaio di pagine per stregarci il cuore e trascinarlo - col fiato sospeso - alla fine del mondo, dove tutto è più magico e paradossalmente più vero che mai.

    said on 

  • 3

    Quasi un reportage

    Il libro non ha nulla che non vada: una narrazione scorrevole, un buon bilanciamento, una struttura che ritorna, molti non detti, fascino esotico... Al secondo libro che leggo, Sepùlveda si riconferma ...continue

    Il libro non ha nulla che non vada: una narrazione scorrevole, un buon bilanciamento, una struttura che ritorna, molti non detti, fascino esotico... Al secondo libro che leggo, Sepùlveda si riconferma un narratore perfetto. Tuttavia il libro non mi ha appassionato più di tanto; l'ho letto comunque in tre giorni (è molto breve...). La storia è presentata quasi come un reportage, d'altronde riprende un episodio di vita da giornalista dell'autore, che richiama l'elemento dell'avventura, a cui lo scrittore aggiunge il suo tocco personale.
    Consigliato a chi cerchi uno svago di poche pagine.

    said on 

  • 3

    Il mondo alla fine del mondo

    Libro dalla potenzialitá enorme ahimè non rispettate appieno. Il viaggio in Patagonia , la descrizione di un paesaggio affascinante e i resti di una civiltá ancestrale regalano al libro una stella in ...continue

    Libro dalla potenzialitá enorme ahimè non rispettate appieno. Il viaggio in Patagonia , la descrizione di un paesaggio affascinante e i resti di una civiltá ancestrale regalano al libro una stella in più

    said on 

  • 4

    Questo breve romanzo scorre veloce grazie alla scrittura perfetta e ad una trama che trasporta fino alla "fine del mondo". Suscita inoltre molte riflessioni sul rapporto tra uomo e natura.

    said on 

  • 4

    libro carino, una storia molto semplice e allo stesso tempo commovente
    le balene come tutti gli animali necessitano del massimo rispetto e amore, sono più umani loro delle persone

    said on 

  • 5

    "Il mondo alla fine del mondo". Un'esperienza.

    Il protagonista è un giornalista esule cileno che tornerà in cile per un’inchiesta relativa a un incidente avvenuto a una nave giapponese. E così, il nostro giornalista, insieme a una attivista di Gre ...continue

    Il protagonista è un giornalista esule cileno che tornerà in cile per un’inchiesta relativa a un incidente avvenuto a una nave giapponese. E così, il nostro giornalista, insieme a una attivista di Greenpeace e a un misterioso capitano, inizierà la sua navigazione. Un viaggio verso le terre estreme del nostro mondo che diventa luogo dell’Apocalisse. Ma l’altra faccia dell’Apocalisse è un nuovo inizio.
    La recensione (di questo libro e di altri tra i miei preferiti provenienti da quella parte del mondo) continua sul canale youtube LaprospettivadellaRana a questo link:
    https://www.youtube.com/watch?v=IqMNem24qdk

    said on 

Sorting by