Muoio dalla voglia di conoscerti

Di

Editore: Rizzoli

3.8
(112)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 285 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8817057312 | Isbn-13: 9788817057318 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: B. Masini

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Adolescenti

Ti piace Muoio dalla voglia di conoscerti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Che cos'hanno in comune un vecchio e un ragazzo sconosciuti l'uno all'altro? Quando il vecchio in questione, uno scrittore, voce narrante di questo romanzo, incontra per la prima volta il goffo e guardingo Karl proprio non ne ha idea. Lo scoprirà vivendo la nascita di un'amicizia a sorpresa, fatta di scambi e di silenzi, di somiglianze e differenze. Karl ha bisogno dello scrittore perché gli scriva una lettera destinata alla ragazza del suo cuore, Fiorella, grande lettrice e grafomane che esige da lui parole messe su carta. Lo scrittore ancora non lo sa, ma ha bisogno di Karl per uscire da un isolamento che rischia di ucciderlo.

Ordina per
  • 4

    È tutta la vita che Chambers prende sul serio i ragazzi e racconta loro storie vere e dure, senza fare sconti, senza mai cedere al sentimentale e al patetico. Per questo impegno costante e per la qual ...continua

    È tutta la vita che Chambers prende sul serio i ragazzi e racconta loro storie vere e dure, senza fare sconti, senza mai cedere al sentimentale e al patetico. Per questo impegno costante e per la qualità delle sue opere, Chambers è probabilmente il più importante autore mondiale di letteratura young adult. Provare per credere.

    'Per quanto si possa amare qualcuno, bisognerebbe sempre tenere una parte di se stessi per se stessi. Mai dare tutto. Altrimenti non si può più essere se stessi.'

    ha scritto il 

  • 3

    Stile troppo schematico...

    Storia bella, gestita bene, a tratti profonda, emozionate e molto particolare.
    Il finale mi ha emozionato particolarmente, insomma, si vede che Chambers fa questo lavoro con passione e dedizione.
    Il s ...continua

    Storia bella, gestita bene, a tratti profonda, emozionate e molto particolare.
    Il finale mi ha emozionato particolarmente, insomma, si vede che Chambers fa questo lavoro con passione e dedizione.
    Il suo stile, però, non mi ha convinto del tutto.
    I primi capitoli sono tutti dialoghi, troppo schematici, scarni, poco dettagliati e per nulla descrittivi, questo mi ha spiazzato e infastidito perché, personalmente, ho bisogno delle descrizioni per potermi sentire partecipe della lettura, col passare dei capitoli la cosa si attenua ma l’impronta è sempre molto schematica e la cosa non mi è andata giù… :(

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia originale e profonda, raccontata da un autore per ragazzi che sa creare personaggi degni di essere ricordati. La dislessia è un interessante spunto per aprire la porta sul mondo di chi part ...continua

    Una storia originale e profonda, raccontata da un autore per ragazzi che sa creare personaggi degni di essere ricordati. La dislessia è un interessante spunto per aprire la porta sul mondo di chi parte dalla propria "anomalia" per scoprire i propri talenti.

    ha scritto il 

  • 4

    Lettura per ragazzi o per adulti? A volte è difficile classificare un libro e forse non ce n'è alcun bisogno. Chambers è scrittore per adolescenti, ma questo suo ultimo romanzo, molto autobiografico, ...continua

    Lettura per ragazzi o per adulti? A volte è difficile classificare un libro e forse non ce n'è alcun bisogno. Chambers è scrittore per adolescenti, ma questo suo ultimo romanzo, molto autobiografico, parla di teenagers ma anche di vecchiaia. I due protagonisti, così distanti e diversi per età, hanno in realtà molto in comune. Da un lato la figura dell'adulto, molto positiva, quasi una guida e un Maestro per il giovane che deve imparare a conoscere se stesso. Dall'altro Karl, diciottenne, che trasmette di nuovo vitalità e calore ad un uomo che non trova più un senso alla sua esistenza. Parere quasi unanime del Gruppo, tranne un paio di persone che l'hanno trovato troppo semplicistico nella scrittura e nei contenuti. Forse perchè va letto con gli occhi di un adolescente.

    ha scritto il 

  • 5

    "Dicono che non bisogna mai scusarsi e mai spiegare, perché è un segno di debolezza. Balle! E' questa la causa di ritorsioni, infiniti cicli di vendetta e dell'abominio della guerra. E so anche un'alt ...continua

    "Dicono che non bisogna mai scusarsi e mai spiegare, perché è un segno di debolezza. Balle! E' questa la causa di ritorsioni, infiniti cicli di vendetta e dell'abominio della guerra. E so anche un'altra cosa. E' il più vecchio e il più estraneo che deve spezzare il cerchio."

    ha scritto il 

  • 4

    -Posso prendere un appuntamento? -Per quando? -Per adesso.

    Non male questo romanzo... dopo un inizio preparatorio si è poi anche più acceso dopo un po', e soprattutto non è scaduto in una melensa raccolta di saggezze varie. Ma il bello è la psicologia dei per ...continua

    Non male questo romanzo... dopo un inizio preparatorio si è poi anche più acceso dopo un po', e soprattutto non è scaduto in una melensa raccolta di saggezze varie. Ma il bello è la psicologia dei personaggi e le loro relazioni. Simpatico il vecchio scrittore voce narrante, cioè... sveglio, sincero, moderno, senza puzza sotto al naso. Bravo l'autore, con un po' di saggezza sparsa ma scritta in modo da non dar fastidio. Peccato l'assenza di visione un pizzico spirituale, ma vabbe', bello lo stesso, sincero e onesto appunto.

    ha scritto il 

  • 4

    Sulla carta questo libro non mi sarebbe dovuto piacere così tanto.
    Troppo didascalico, in genere preferisco che il significato profondo rimanga più celato, accessibile attraverso l'intuito, secondo la ...continua

    Sulla carta questo libro non mi sarebbe dovuto piacere così tanto.
    Troppo didascalico, in genere preferisco che il significato profondo rimanga più celato, accessibile attraverso l'intuito, secondo la strada delle emozioni personali che ognuno riesce o ha piacere di seguire.
    E invece l'ho trovato fresco, delicato, rassicurante come certe fiabe dell'infanzia e in sintonia con alcune mie esperienze e modi di sentire.
    Cosa rara è, tra l'altro, che possa essere letto e apprezzato da lettori giovani e meno giovani, ognuno in grado di trovarci il proprio punto di osservazione.

    ha scritto il 

  • 5

    L'incontro tra Karl, giovane scontroso e un vecchio, solitario scrittore, non promette nulla di buono all'inizio. La cocciutaggine di Karl, deciso a conquistare la giovane di cui è innamorato scrivend ...continua

    L'incontro tra Karl, giovane scontroso e un vecchio, solitario scrittore, non promette nulla di buono all'inizio. La cocciutaggine di Karl, deciso a conquistare la giovane di cui è innamorato scrivendole lettere romantiche dallo stile impeccabile, mette alla prova lo scrittore, ingaggiato per correggere le lettere con un tocco di stile. La scrittura compie il miracolo, mette a nudo e confonde i due personaggi, li allontana e infine li svela nella loro disarmante umanità.

    ha scritto il 

  • 4

    Bel romanzo, basato sull’incontro tra un anziano
    scrittore e un giovane adolescente un pochino
    impacciato e molto innamorato di una sua coetanea.
    E’ una bella storia basata sull’amicizia e sulla scope ...continua

    Bel romanzo, basato sull’incontro tra un anziano
    scrittore e un giovane adolescente un pochino
    impacciato e molto innamorato di una sua coetanea.
    E’ una bella storia basata sull’amicizia e sulla scoper-
    ta di molti lati in comune tra i due protagonisti,
    Un’amicizia che porta i due a conoscersi talmente
    bene da scoprire cose che nemmeno sapevano
    di se stessi.
    Entrambi alla ricerca di approvazione per ciò che
    desiderano ancora realizzare, entrambi alla ricerca
    di stimoli per ciò che vogliono continuare a fare.
    Alla fine capiscono davvero che la vita non è come
    un romanzo ma può essere lo spunto per realizzare
    un romanzo di vita vissuta, vera e molto reale.

    ha scritto il 

Ordina per