Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Musica dentro

Di

Editore: Feltrinelli

3.7
(104)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 185 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807171791 | Isbn-13: 9788807171796 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biography , Musica , Philosophy

Ti piace Musica dentro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Ajò

    Se fossi amico di uno come Paolo Fresu mi sentirei privilegiato.
    Non solo è un uomo dotato di un notevole talento musicale: è pure dotato di 'talento umano', perché è consapevole delle sue capacità ma non guarda dall'alto in basso nessuno. Ho avuto la fortuna di vederlo/sentirlo a time in j ...continua

    Se fossi amico di uno come Paolo Fresu mi sentirei privilegiato.
    Non solo è un uomo dotato di un notevole talento musicale: è pure dotato di 'talento umano', perché è consapevole delle sue capacità ma non guarda dall'alto in basso nessuno. Ho avuto la fortuna di vederlo/sentirlo a time in jazz in quelle tre estati consecutive che ho passato in Sardegna: per la musica è capace di imprese che vanno al di là di qualsiasi buonsenso. Ma per onorare la musica, questo ed altro. Fresu diviene un tramite di tutti i suoni che compongono quella splendida isola che è la Sardegna. Li introietta, li cuoce, li medita dentro di sè e poi attraverso la sua tromba li ritrasmette al suo pubblico con la sua allegria ma pure con la sua profondità di animo.
    Questo libro -posso dirlo?- è scritto con la sua tromba.

    Grazie Paolo

    ha scritto il 

  • 4

    Forse scrivere non gli viene bene come suonare ma si capisce che è un'attività che lo appassiona e attraverso cui riesce comunque a far passare la sua personalità e sensibilità.
    Dall'infanzia a Berchidda fino al successo internazionale, lo stesso Fresu ripercorre le tappe della sua biografi ...continua

    Forse scrivere non gli viene bene come suonare ma si capisce che è un'attività che lo appassiona e attraverso cui riesce comunque a far passare la sua personalità e sensibilità.
    Dall'infanzia a Berchidda fino al successo internazionale, lo stesso Fresu ripercorre le tappe della sua biografia con assoluta naturalezza e meraviglia, senza nessun tipo di supponenza confermando l'impressione che si ha dell'artista quando interviene dl palco o per chi ne segue un poco anche le attività non solo concertistiche, come il Festival Time in Jazz, grande dono per una Sardegna che non si identifica solo con un turismo da Costa Smeralda.
    Mi rimane soprattutto la nostalgia per un'esperienza che non ho avuto l'opportunità di vivere ma che mi sarebbe piaciuta moltissimo: ovvero la banda come prima possibilità per apprendere a suonare uno strumento e sperimentare la gioia di fare musica.

    ha scritto il 

  • 0

    Conosco personalmente Paolo e ogni giorno m'innamora il suo amore per la musica("la musica il mio sangue") e per le scoperte del cuore che le sue note (e quelle dei miei amici fraterni che con lui collaborano)regalano ogni volta!! il libro racconta gli occhi dell'artista Fresu, con la semplicità ...continua

    Conosco personalmente Paolo e ogni giorno m'innamora il suo amore per la musica("la musica il mio sangue") e per le scoperte del cuore che le sue note (e quelle dei miei amici fraterni che con lui collaborano)regalano ogni volta!! il libro racconta gli occhi dell'artista Fresu, con la semplicità disarmante che contraddistingue l'uomo Paolo! :)

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, il libro di Fresu. Bello, perché intreccia un singolare racconto autobiografico (la scoperta del mondo attraverso la musica) con la costruzione di una particolarissima idea musicale, che nel jazz trova il proprio contenitore ideale. Un percorso che coniuga la concretezza, il rapporto solid ...continua

    Bello, il libro di Fresu. Bello, perché intreccia un singolare racconto autobiografico (la scoperta del mondo attraverso la musica) con la costruzione di una particolarissima idea musicale, che nel jazz trova il proprio contenitore ideale. Un percorso che coniuga la concretezza, il rapporto solido con la terra da cui l’artista proviene (lingua, paesaggio, relazioni), con l’astrazione della ricerca musicale. «Raccontare senza le parole». Questa è la musica secondo Paolo Fresu. Ma lungo e faticoso è stato il percorso che gli hanno consentito di mettere a punto la propria grammatica e la propria sintassi. Un percorso che, letto a posteriori, non a caso parte da Thelonious Monk, nella cui musica il silenzio ha lo stesso peso del suono. Belle sono anche le pagine dedicate agli incontri, ai viaggi, all’esperienza del conservatorio, alla musica suonata con gli amici, alla realizzazione del festival di Berchidda, dove, ancora una volta, musica e paesaggio, terra e suono, sembrano raggiungere l’equilibrio perfetto.

    ha scritto il 

  • 3

    si legge facile.
    il bel messaggio del libro è che dietro il successo ed il genio una parte molto grande, 70? 80? 90 per cento è sudore e fatica.
    è una autobiografia per amanti del jazz e dell'autore, per conoscerlo e capirlo.
    non proprio un libro.

    ha scritto il