Mystic City

Di

Editore: Mondadori (Chrysalide)

3.5
(142)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 390 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8852051554 | Isbn-13: 9788852051555 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giorgio Salvi

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Rosa , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Mystic City?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In una New York sommersa dall'acqua a causa del riscaldamento globale, i quartieri sono rigidamente divisi: Aire, la zona più elevata, è abitata dai ricchi, mentre la classe inferiore è costretta a vivere nel degrado del livello più basso, Abyss. La sopravvivenza della città è garantita dall'energia generata dai mystic, rappresentanti della classe inferiore dotati di poteri magici. Ma i mystic sono un potenziale pericolo, e per contenere la loro minaccia le due famiglie rivali che governano New York si alleano: Aria e Thomas, i rispettivi figli, dovranno sposarsi. Ma Aria si innamora di Hunter, un mystic ribelle e appassionato rivoluzionario, determinato a cambiare il destino del suo popolo. Un amore proibito è destinato a portare lutti e dolore, ma anche a travolgere per sempre la vita di Aria e del mondo stesso.
Ordina per
  • 0

    null

    A mio parere, romanzo che unisce il romance con il distopico in modo efficace; la scrittura è per nulla pesante ed anzi, scorrevole e curata. La trama può apparire scontata, prendendo comunque element ...continua

    A mio parere, romanzo che unisce il romance con il distopico in modo efficace; la scrittura è per nulla pesante ed anzi, scorrevole e curata. La trama può apparire scontata, prendendo comunque elementi classici dei generi che unisce, ma i vari eventi vengono amalgamati in modo curioso ed il punto di vista femminile che domina la storia mostra una protagonista per nulla frivola, anzi decisa e che sa cosa vuol dire amare. Bravissimo l'autore, che ha saputo immedesimarsi talmente bene da non dare minimamente l'impressione che i pensieri della protagonista venissero da un personaggio di finzione, ha saputo entrare nella psicologia femminile in modo dolce e capace.

    ha scritto il 

  • 3

    2,5 (Pasable)

    Como distopia fantástica juvenil, no está mal si es de los primeros libros que lees. Pero si eres una fanática de estas temáticas, resulta poquita cosa, sobre todo por ser tan predecible tanto en tram ...continua

    Como distopia fantástica juvenil, no está mal si es de los primeros libros que lees. Pero si eres una fanática de estas temáticas, resulta poquita cosa, sobre todo por ser tan predecible tanto en trama como en personajes. Por suerte tiene una narración sencilla y rápida, detallada en su justa medida, que no decae y anima a seguir leyendo. Todo lo relativo a los místicos me gusta y tiene potencial, quizás en sus continuaciones... Les daré una oportunidad.

    ha scritto il 

  • 2

    Che delusione...

    http://sparklefrombooks.blogspot.it/2014/12/recensione-mystic-city-di-theo-lawrence.html
    Ho iniziato questo libro con aspettative a mille e nei primi capitoli non era neanche tanto male. La delusione ...continua

    http://sparklefrombooks.blogspot.it/2014/12/recensione-mystic-city-di-theo-lawrence.html
    Ho iniziato questo libro con aspettative a mille e nei primi capitoli non era neanche tanto male. La delusione però non è tardata ad arrivare e più andavo avanti con le pagine e più essa aumentava. “Mystic city” è un libro con un’idea di base strepitosa ma che purtroppo, almeno per me, non è stata sfruttata quanto meritava. La concezione di questa società distopica è buona e mi è piaciuta molto, peccato però che non sia stata granché approfondita. Si fanno molti riferimenti al nostro presente (anche troppi, se devo essere puntigliosa), ma non c’è modo di capire la causa del cambiamento che ha portato da un mondo come lo conosciamo noi adesso a questa sorta di futuro apparentemente sconvolto da problemi atmosferici. Cos’è successo? Ne abbiamo solo una linea generale ma niente di approfondito e soprattutto non si sa niente sul come o perché siano nate queste figure eccezionali che caratterizzano tutto il libro: i mystic. Come sono nati i loro poteri? Per una mutazione genetica? Per esperimenti fatti sugli esseri umani o semplicemente per evoluzione della specie? E in questo caso, quanti anni e quante generazioni sono passate, da noi a loro, prima di giungere a questo?
    L’ossatura della trama poteva avere anche del potenziale: riprendendo le linee generali della storia d’amore più contrastata per eccellenza, trasportandola in un’ambientazione post apocalittica, le possibilità di creare una storia avvincente erano infinite. Il risultato che ne viene fuori alla fine però è molto banale. Terribilmente prevedibili sono anche i dialoghi, talmente scontati che non avevo nessuna difficoltà ad indovinare cosa avrebbero detto i personaggi già prima che aprissero bocca. La storia d’amore è inconsistente. Non fa che ripetere frasi del tipo: “ ti conosco appena, ma i sentimenti che provo per te sono così forti”. Ma quali sentimenti?! Non sono affatto nominati e quei pochi che sembrerebbero esserci (?!) non sono affatto approfonditi e non c’è niente, e sottolineo niente, che spieghi la loro esistenza o la loro origine. Vengo fuori praticamente dal nulla e l’unico sentimento che questo libro è riuscito a trasmettermi è stato “l’irritazione”. Stessa cosa vale per i personaggi. La protagonista, Aria, l’ho trovata semplicemente insulsa. Non faceva altro che farsi trasportare dagli eventi e anche se nei suoi pensieri l’idea di fare qualcosa di costruttivo c’era, questa volontà raramente si trasformava nella pratica. In generale ho trovato tutti i personaggi poco incisivi. Tutti mostrano del potenziale (forse tranne la protagonista) ma anche in questo caso non viene dovutamente sfruttato.
    Guardando in rete mi sono accorta che le opinioni su questo libro si spaccano in due, negative come la mia, ma ve ne sono tante anche positive, perciò vi consiglio di non fermarvi alle mie parole e provare a dare comunque un’opportunità a questo libro. Chissà, magari voi riuscirete ad apprezzarlo più di me

    ha scritto il 

  • 4

    Voglio il seguito!!!

    Copertina bellissima (mantenuta quella originale), scritto molto bene...se volete leggere la nostra recensione completa venite sul nostro blog (link qui sotto)!
    http://crazyforread.blogspot.it/2014/11 ...continua

    Copertina bellissima (mantenuta quella originale), scritto molto bene...se volete leggere la nostra recensione completa venite sul nostro blog (link qui sotto)!
    http://crazyforread.blogspot.it/2014/11/recensione-mystic-city-di-theo-lawrence.html

    ha scritto il 

  • 4

    Comprato perché mi piaceva la copertina, lo devo ammettere, al punto che non avevo nemmeno letto la frase che lo identificava come Romeo e giulietta moderni...devo dire che l'ho letteralmente divorato ...continua

    Comprato perché mi piaceva la copertina, lo devo ammettere, al punto che non avevo nemmeno letto la frase che lo identificava come Romeo e giulietta moderni...devo dire che l'ho letteralmente divorato. Mi è molto piaciuto perché alla fine rappresenta in modo fantasioso la realtà del mondo fatto dal potere. Sarà adolescenziale per molti, lo ammetto, ma io amo il genere fantasy...per cui lo consiglio a chi ama il genere!

    ha scritto il 

  • 3

    3 stelline e mezza

    Non è totalmente da buttare.

    L'idea e la trama in sé non sono male, così come l'ambientazione post-riscaldamento globale, che mi ha particolarmente interessata. Ma i personaggi - e ...continua

    3 stelline e mezza

    Non è totalmente da buttare.

    L'idea e la trama in sé non sono male, così come l'ambientazione post-riscaldamento globale, che mi ha particolarmente interessata. Ma i personaggi - e mi riferisco a quelli principali, Aria e Hunter - sono totalmente stereotipati. Di contro, risultano ben più credibili i personaggi di contorno: tutti i personaggi secondari sono molto più caratterizzati e coinvolgenti di quelli per cui, almeno in teoria, il lettore dovrebbe parteggiare. Mah.

    Poi ci sono i salti logici (o illogici), le inconguenze, la storia d'amore totalmente ridicola, il finale solo un pretesto lungo una manciata di pagine per far morire dei personaggi che a questo punto non risultano fondamenali per il prosieguo (a meno di scandalose resuscitazioni stile Beautiful).

    Ad ogni modo si tratta di un'opera prima, quindi malgrado le pecche mi sento di accordargli una seconda possibilità, andando avanti con la lettura del seguito - quando e se uscirà - perché il filo conduttore è quello che tiene su tutta la baracca e, strano a dirlo, mi piace.

    ha scritto il