Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Némesis

By

Publisher: Debolsillo

3.8
(1118)

Language:Español | Number of Pages: 464 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , French , German , Dutch , Portuguese , Swedish , Russian , Finnish

Isbn-10: 8497934350 | Isbn-13: 9788497934350 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Paperback

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Do you like Némesis ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 0

    Non pensate male

    Non l'ho abbandonato perché è brutto, ma semplicemente perché per me non è ancora arrivato il momento di leggerlo. Me ne sono accorto a pagina trenta.

    Più avanti lo leggerò di nuovo, magari tutto, perché ha un bell'incipit.

    said on 

  • 4

    L'inizio di tutto...

    Isaac Asimov ha creato un universo dove convivono gli eventi tra loro più disparati: le sue saghe percorrono millenni, così tanti da poter dire che l'intera sua produzione (o quasi) appartiene allo stesso grande universo. Difficile dire che questo sia un elemento che per Asimov non sia cosciente: ...continue

    Isaac Asimov ha creato un universo dove convivono gli eventi tra loro più disparati: le sue saghe percorrono millenni, così tanti da poter dire che l'intera sua produzione (o quasi) appartiene allo stesso grande universo. Difficile dire che questo sia un elemento che per Asimov non sia cosciente: una trama sempre più fitta si dipana dalla penna dello scrittore. "Nemesis" è il primo tratto...

    said on 

  • 2

    Probabilmente se non avessi letto decine e decine di opere di Asimov, e se non lo amassi così tanto, avrei apprezzato di più questo libro. Quando si è abituati ad avere sempre l'eccellenza, purtroppo, ci si accontenta malvolentieri di qualcosa di meno.
    In questo romanzo la storia segue due ...continue

    Probabilmente se non avessi letto decine e decine di opere di Asimov, e se non lo amassi così tanto, avrei apprezzato di più questo libro. Quando si è abituati ad avere sempre l'eccellenza, purtroppo, ci si accontenta malvolentieri di qualcosa di meno.
    In questo romanzo la storia segue due filoni: nel primo abbiamo una ragazzina con dei "poteri" mentali che ricordano un po' quelli della seconda fondazione, una mamma super-apprensiva, e altri due personaggi marginali assolutamente non interessanti, e un pianeta che interagisce in qualche modo con gli esseri umani che mi ha fatto venire in mente in qualche modo Aurora; nell'altro ci sono una storia d'amore buttata li così, personaggi di nuovo non interessanti sotto nessun punto di vista e (unica cosa secondo me degna di nota), gli studi che hanno portato all'invenzione del balzo nell'iperspazio. I temi sono sempre i soliti di Asimov, la trama però è piatta e prevedibile, e non ha quel "che" che rende i romanzi di Asimov non solo piacevoli ma unici. Per chi non conosce Asimov è un romanzo da leggere, per chi già invece lo apprezza e cerca sempre qualcosa di più...se ne può benissimo fare a meno!

    said on 

  • 3

    Che fatica finirlo! Non perchè pesante (anche se, come su "neanche gli dei", Asimov a volte si lascia andare in tecnicismi astrofisici che per un ignorante sono difficili da digerire), ma per una lentezza della trama, in cui i molteplici co-protagonisti (anche troppi) una volta si amano, un'altra ...continue

    Che fatica finirlo! Non perchè pesante (anche se, come su "neanche gli dei", Asimov a volte si lascia andare in tecnicismi astrofisici che per un ignorante sono difficili da digerire), ma per una lentezza della trama, in cui i molteplici co-protagonisti (anche troppi) una volta si amano, un'altra si odiano. Questo causa anche situazioni, dialoghi e comportamenti degli attori ripetuti, e alla lunga prevedibili (la madre di Marlene, con le sue ansie verso la figlia dopo l'ennesima volta la volevo strozzare). Ma quello che affossa il giudizio è il finale: la tensione che negli ultimi capitoli inizia a montare pare presagire a un finale ad effetto, e invece tutto finisce in una bolla di sapone. Sia chiaro, il tutto è perfettamente ragionevole, però non sopporto quando un autore ti illude così, lasciandoti quel senso di incompiutezza.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Molto interessante, sia per come la scienza viene applicata alla finzione, sia per come l'ambiente spaziale e il contesto fantascientifico vengono usati per trattare la psiche umana e il comportamento di caratteri diversi di fronte a situazioni insolite.
    In certi punti, è una lettura che ri ...continue

    Molto interessante, sia per come la scienza viene applicata alla finzione, sia per come l'ambiente spaziale e il contesto fantascientifico vengono usati per trattare la psiche umana e il comportamento di caratteri diversi di fronte a situazioni insolite.
    In certi punti, è una lettura che risulta quasi avvincente.
    Purtroppo però, quasi sempre la narrazione è fin troppo lineare, fin troppo impersonale, fin troppo scientifica. Questo libro non diventa mai un romanzo d'avventura, anche se avrebbe tutte le carte in regola per esserlo. E nel centro diventa anche un po' troppo ripetitivo: gli stessi tre concetti ritornano pagina dopo pagina, i personaggi continuano a ripetere le stesse cose...
    Il finale poi probabilmente si svolge troppo in fretta, sopratutto considerato come invece la storia proceda lenta per i tre quarti del libro. In quattro pagine finali si trova una soluzione in quattro e quattr'otto e ciascuno conquista il proprio lieto fine... mmm... non mi ha convinta del tutto questa positivissima svolta finale.
    Resta comunque una lettura molto piacevole e molto interessante.

    said on 

  • 4

    Hacía tiempo que no leía de nuevo a Isaac y me ha gustado este libro.
    Marlene es una chica con algun poder especial que vive en Rotor un Estacionamiento dentro del sistema solar y fuera del poder de la Tierra, todo empieza a complicarse cuando Rotor decide buscar un nuevo lugar donde instal ...continue

    Hacía tiempo que no leía de nuevo a Isaac y me ha gustado este libro.
    Marlene es una chica con algun poder especial que vive en Rotor un Estacionamiento dentro del sistema solar y fuera del poder de la Tierra, todo empieza a complicarse cuando Rotor decide buscar un nuevo lugar donde instalarse fuera del sistema solar.
    Novela independiente fuera de las sagas publicadas y que está muy bien ambientada con personajes interesantes, la historia del primer vuelo superlumínico y la conquista del espacio exterior por el hombre (fuera del sistema solar claro).
    Interesante y que como indiqué me gustó mucho

    said on 

  • 4

    Non male

    Dopo aver letto tutto il leggibile inerente la "Fondazione", mi sono rivolto a questo breve romanzo.
    Sicuramente un libro piacevole e tuttosommato scorrevole. A differenza dei romanzi della fondazione la storia del libro è centrata su vicende terrestri e dei primi coloni che da essa si sono ...continue

    Dopo aver letto tutto il leggibile inerente la "Fondazione", mi sono rivolto a questo breve romanzo.
    Sicuramente un libro piacevole e tuttosommato scorrevole. A differenza dei romanzi della fondazione la storia del libro è centrata su vicende terrestri e dei primi coloni che da essa si sono separati.
    Asimov non ci parla solo di una colonia che ha avuto il coraggio di emanciparsi dalla terra (sia psicologicamente che spazialmente), ma anche del razzismo, dei problemi che da sempre caratterizzano la società globale, della multiculturalità (forze e debolezze) ed infine, impossibile non notare il richiamo (chi ha detto Gaia?) del concetto di super-organismo, entità che popola un pianeta e che possiede un identità collettiva che va ben oltre la somma delle identità delle singole parti che la compongono.
    Da notare alcune brevi chicche che potrebbero integrare il "lore" della fondazione, come la nascita degli "Spaziali".

    said on 

  • 3

    La scorrevolezza e la gradevolezza sono le solite di Asimov, ma qui c'è un po' di piattezza in più nella descrizione dei personaggi e, soprattutto, dalla metà del libro in poi non succede praticamente più nulla prima dell'epilogo finale.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Discreto. Nonostante non si inserisca in nessuna delle piu' celebri saghe di Asimov ha un suo perche'. Ci sono comunque alcuni aspetti in comune con "cronache della galassia". L'idea dei microrganismi che compongono un'unica entita' tra 'altro e' stata ripresa in modo impressionante da Shatzing n ...continue

    Discreto. Nonostante non si inserisca in nessuna delle piu' celebri saghe di Asimov ha un suo perche'. Ci sono comunque alcuni aspetti in comune con "cronache della galassia". L'idea dei microrganismi che compongono un'unica entita' tra 'altro e' stata ripresa in modo impressionante da Shatzing ne "Il quinto giorno", mi pare. Forse lo stile un po' piatto tipico di Asimov, come detto dal'autore stesso nell'introduzione, e' un tantino esasperato e talvolta i personaggi mi e' parso che avessero delle reazioni un po' troppo "violente" per essere credibile come per esempio durante le discussioni nell'astronave terrestre. Puo' essere un buon inizio per chi vuole avere un assaggio di Asimov senza volersi impegnare nella lettura della piu' impegnativa "cronache della galassia"

    said on 

Sorting by