Naokos Lächeln

Nur eine Liebesgeschichte

By

Verleger: Btb

4.2
(20519)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 416 | Format: Mass Market Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Chi simplified , Chi traditional , Spanish , Portuguese , Italian , Russian , Catalan , French , Swedish , Latvian , Slovenian , Dutch , Croatian , Danish , Korean , Finnish , Polish , Czech

Isbn-10: 3442730503 | Isbn-13: 9783442730506 | Publish date: 

Auch verfügbar als: Hardcover , Others , Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Naokos Lächeln ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 0

    "Ma non ho capito bene se poi l'analisi arrivi a semplificare il mondo o solo a scomporlo in parti piccolissime"

    Leggere questo romanzo di Murakami è come accarezzare lievemente delle lame affilate come bisturi: è dolce, ma duole.
    Direi eros e thanatos, con lo sfondo del sol levante.
    M'è piaciuto enormemente. ...weiter

    Leggere questo romanzo di Murakami è come accarezzare lievemente delle lame affilate come bisturi: è dolce, ma duole.
    Direi eros e thanatos, con lo sfondo del sol levante.
    M'è piaciuto enormemente.

    gesagt am 

  • 3

    看了會憂鬱和濕潤的一本書

    我一直不懂村上為何那麼紅,於是我硬深深地把這本也是超紅小說看完。
    會說「硬深深」,正是因為前半段真他媽的超無聊,要不是作者是村上,我可能早就闔書了。

    沒錯,這是本很日本風的小說。劇情超不連貫,很難進入狀況,加上村上春樹寫了一堆哲理性的東西穿插其中,真的讓人閱讀越入睡。

    此外,這還是一本超濕潤的小說。
    男主角不斷地跟一對女人做愛,不然就是在房裡打手槍。女主角也不段挑逗男主角,還幫他口交。第二女主角則 ...weiter

    我一直不懂村上為何那麼紅,於是我硬深深地把這本也是超紅小說看完。
    會說「硬深深」,正是因為前半段真他媽的超無聊,要不是作者是村上,我可能早就闔書了。

    沒錯,這是本很日本風的小說。劇情超不連貫,很難進入狀況,加上村上春樹寫了一堆哲理性的東西穿插其中,真的讓人閱讀越入睡。

    此外,這還是一本超濕潤的小說。
    男主角不斷地跟一對女人做愛,不然就是在房裡打手槍。女主角也不段挑逗男主角,還幫他口交。第二女主角則是跟男主角大談性愛,然後帶他去看色情電影。
    我都不知道日本女性這麼開放,在街上或當眾大談肉體與性慾。

    貫穿本書的除了濕透透的性以外,就是鬱卒了。
    女主角本身就是個精神病患,從頭到尾未出場的第二男主角也是個精神病患、第一女配角玲子等,整本都是精神病患。而男主角本身就相當沉鬱頓挫,因此我這麼個陽光的人看著看著,竟也突然憂鬱起來,心情低落。

    總而言之,我對此書的印象就是,大家一直不斷地做愛,不斷地有人自殺,不斷地陷入沉鬱,然後一本極青春的小說也就蒙上了暗黑的死亡與淫慾了。

    我是不大喜歡村上春樹這本書,但這不代表我給予負評。畢竟這其中有諸多可討論的空間,角色都相當透明、立體,關於生與死的哲理......等。

    gesagt am 

  • 4

    Un altro bel libro di Murakami (è ufficiale, la scimmia che mi ha preso per questo autore difficilmente se ne andrà presto...). Un altro libro che parla di solitudine, lento, da assaporare. L'unica di ...weiter

    Un altro bel libro di Murakami (è ufficiale, la scimmia che mi ha preso per questo autore difficilmente se ne andrà presto...). Un altro libro che parla di solitudine, lento, da assaporare. L'unica differenza con gli altri, per quanto mi riguarda, è data dal fatto che l'autore è riuscito a creare un personaggio parecchio fastidioso, cioè una delle due ragazze di cui è innamorato il protagnista: inevitabilmente mi sono ritrovata a fare il tifo per Midori, l'altra ragazza. Questo però non è un difetto, ma un pregio: Murakami crea dei personaggi così tanto caratterizzati che non soltanto sono riuscita a preferire una ragazza all'altra (semplicemente perchè la prima è pesante come un piatto di peperonata alle due di notte, e avrà anche tutti i problemi psicologici del mondo ma, come si dice dalle mie parti, ad un certo punto mi devi mollare), ma se mi si dicesse qual è la caratteristica principale del protagonista, non lo saprei indicare. Perchè? Perchè il protagonista è il ragazzo più anonimo e mediocre che esista: lui stesso dice che non è bravo a fare nulla in particolare, che studia giusto perchè bisogna andare all'Università, è appassionato di tutto e di niente. Credo che in queste persone, ognuna sola a suo modo e che non riescono mai a compensare le proprie solitudini per l'intera durata della storia, sia da ricercare il punto di forza di questo bel libro.

    gesagt am 

  • 4

    alla fine del romanzo quella monotonia che a metà libro mi stava assalendo si è dipanata. E' vero, in alcuni momenti la costruzione può apparire lenta e prevedibile, ma è tutto necessario per modellar ...weiter

    alla fine del romanzo quella monotonia che a metà libro mi stava assalendo si è dipanata. E' vero, in alcuni momenti la costruzione può apparire lenta e prevedibile, ma è tutto necessario per modellare dei personaggi che al lettore a poco a poco sembrano essere quasi familiari.
    Il romanzo più "terreno" di Murakami, quasi europeo per la scrittura. E' un romanzo di formazione e poco ha a che fare con i libri onirici che seguiranno. Comunque da leggere se si è in cerca di un Murakami "normalizzato"

    gesagt am 

  • 5

    Il protagonista di questo romanzo è Toru Watanabe, un trentasettenne giapponese ed è anche la voce narrante. Nelle prime pagine, lo troviamo in viaggio in aereo verso la Germania . In fase di atterra ...weiter

    Il protagonista di questo romanzo è Toru Watanabe, un trentasettenne giapponese ed è anche la voce narrante. Nelle prime pagine, lo troviamo in viaggio in aereo verso la Germania . In fase di atterraggio sente diffondersi dagli altoparlanti le note di Norwegian Wood ”in un’annacquata versione orchestrale. E come sempre mi bastò riconoscerne la melodia per sentirmi turbato. Anzi, questa volta ne fui agitato e sconvolto come non mi era mai accaduto” .
    Inizia così un viaggio nei ricordi, trasportandoci indietro di vent’anni, nel 1969 con un Toru appena diciottenne.
    Toru Watanabe è un ragazzo introverso, privo di qualsiasi ambizione e passione che trascina la sua vita alla giornata. Il suo migliore amico è Kizuki, un ragazzo all’apparenza allegro e scherzoso; grazie a lui conosce la sua fidanzata, Naoko, riservata e silenziosa con cui non è capace di scambiare nemmeno una parola. L’equilibrio di un’apparente vita sociale viene interrotto dall’improvviso suicidio di Kizuki e nei ”dieci mesi dalla morte di Kizuki alla licenza liceale, non sapevo più qual era il mio posto rispetto al mondo che mi circondava.". Si fa trascinare dalla vita senza alcuna ambizione e passione e finisce per farsi iscrivere dai suoi in un collegio che lo lascia indifferente; perde anche qualsiasi contatto con Naoko e si abbandona ad elucubrazioni sulla vita e la morte:
    ” La morte[…] sentivo che noi vivevamo inspirandola nei polmoni come una finissima polvere. Fino ad allora avevo considerato la morte come una realtà indipendente, completamente separata dalla vita. Come a dire”Un giorno prima o poi la morte allungherà le sue mani su di noi. Ne consegue che fino a quando ciò non avverrà essa non potrà toccarci in nessun modo”. Questo mi sembrava un ragionamento assolutamente onesto e logico. La vita di qua, la morte di là.[…]Ma a partire dalla notte in cui morì Kizuki, non riuscii più a vedere in modo così semplice la morte (e la vita). La morte non era più qualcosa di opposto alla vita. La morte era già intrinsecamente nel mio essere, e questa era una verità che, per quanto mi sforzassi, non potevo dimenticare. Perché la morte che in quella sera di maggio, quando avevo diciassette anni aveva afferrato Kizuki, in quello stesso momento aveva afferrato anche me”.
    La sua vita nel collegio procede metodicamente quando improvvisamente ritrova Naoko per caso nella metropolitana e iniziano a frequentarsi. E’ però un rapporto sofferto a causa delle paure che attanagliano Naoko che lui non è capace di capire fino in fondo e che la condurranno a rinchiudersi in un istituto di cura per persone depresse. La loro frequentazione diventa prettamente epistolare, a parte due volte in cui Toru andrà a trovarla e passerà dei giorni relativamente sereni con lei.
    Nella vita di Toru, all’improvviso irromperà una ragazza dalla personalità singolare ed esplosiva, Midori, da cui si sentirà fortemente attratto, nonostante l'intenso sentimento che prova per Naoko.
    La confusione dei suoi sentimenti e l’incapacità di prendere qualsiasi decisione, lo renderanno semplice osservatore della sua vita. Ma ancora una volta sarà la vita (o la morte) a prendere una decisione per lui.
    Norwegian Wood è un libro in cui ritengo che Murakami , nonostante l’assenza delle tipiche atmosfere surreali e oniriche, sia stato in grado di creare con uno stile intimo e soave, che si sofferma delicatamente anche su piccoli dettagli, (come un fermaglio per capelli a forma di farfalla o la descrizione di una camicia da notte) delle situazioni che riportano ad immagini impalpabili e simboliche. Le descrizioni di scene sessuali abbastanza esplicite sebbene all’inizio mi abbiano infastidito perché sembrano cozzare con la levità dello stile, successivamente le ho trovate azzeccate perché hanno reso con maggior forza la confusione del protagonista diviso tra la forza di questi momenti di passione e la pigrizia esistenziale che lo ha carpito con i suoi artigli.
    Murakami ha saputo descrivere bene la sofferenza e i tormenti di un animo adolescenziale lacerato dal desiderio di entrare a far parte del mondo degli adulti e affermare il proprio io, incapace però di staccarsi dalla spirale della routine che appiattisce ogni individualità.

    gesagt am 

  • *** Dieser Kommentar enthält Spoiler! ***

    3

    Norwegian wood

    bello, eh. però insomma, non memorabile. diciamo che, personalmente, non riesco a capire quelli che lo leggono e lo rileggono fino a consumarlo. bello lo stile, belle le atmosfere pesanti, malinconich ...weiter

    bello, eh. però insomma, non memorabile. diciamo che, personalmente, non riesco a capire quelli che lo leggono e lo rileggono fino a consumarlo. bello lo stile, belle le atmosfere pesanti, malinconiche, pensierose, amare, nostalgiche che vengono descritte. se mi passate la banalità, lo trovo un libro molto giapponese, col clichè dei post-adolescenti confusi, che faticano a fare chiarezza nei loro sentimenti, spregiudicati e poi subito dopo pentiti, morbosi eppure innamorati, il sesso quando troppo e quando niente. si fa leggere, incuriosisce, vuoi sapere cosa succederà dopo, anche se lo sai cosa succederà dopo... presumibilmente morirà qualcuno. ahimè, è così, a un certo punto è un'ecatombe, e ti viene da chiederti se sia il protagonista che porta sfortuna o se tutti gli adolescenti giapponesi superino in modo così drastico le loro crisi esistenziali. insomma, si può leggere, ma non entrerà nello scaffale dei miei libri preferiti.

    gesagt am 

Sorting by
Sorting by
Sorting by