Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Napoleone

Un rivoluzionario alla conquista di un impero

Di

Editore: Mondadori

3.9
(160)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 560 | Formato: Paperback

Isbn-10: 880441829X | Isbn-13: 9788804418290 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Biography , History

Ti piace Napoleone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    “La sua mano felice sapeva come far attaccare la gente a sé e come plasmare gli uomini ai suoi voleri. Poteva sfoggiare tale charme come non ho mai visto da alcun uomo. Non si aveva difesa contro di lui. Dotato di immenso magnetismo poteva concentrare l’intensità del suo genio nel più piccolo com ...continua

    “La sua mano felice sapeva come far attaccare la gente a sé e come plasmare gli uomini ai suoi voleri. Poteva sfoggiare tale charme come non ho mai visto da alcun uomo. Non si aveva difesa contro di lui. Dotato di immenso magnetismo poteva concentrare l’intensità del suo genio nel più piccolo come nel più grande di suoi disegni.”
    “ Nonostante tutto il suo straordinario carisma, le qualità personali e la creatività, il regno di Napoleone fu un disastro per la Francia. In proporzione furono uccisi più uomini nelle sue guerre che in tutta la prima guerra mondiale. La crescita economica si fermò e ristagnò per una generazione.”
    “Fu un liberticida. Uccise la Rivoluzione Francese e ciò che ne era rimasto, ma la esportò e legittimò in tutto il mondo. Seppellì la Repubblica e si fece imperatore, ma le idee del 1789 sono arrivate dovunque per mezzo suo.”
    “In qualche misura siamo tutti suoi figli e non possiamo non dirci “napoleonici”.
    Ecco perché da sempre sono affascinata dalla figura di Napoleone, da quando al liceo la mia prof di storia correva veloce dalla rivoluzione francese al Congresso di Vienna saltando quasi tutto quanto era accaduto in mezzo: in vent’anni l’Europa fu spazzata dal più maestoso vento che la storia ricordi, i cui aliti ancora nel ventesimo secolo hanno soffiato nelle nazioni europee, in senso buono e cattivo. Ed è proprio l’ambiguità dell’uomo Napoleone che lo rende una figura immortale.

    ha scritto il 

  • 3

    Indubbiamente interessante, un po' troppo dettagliato forse nei particolari meno importanti della storia, sua e dell'umanita' ovviamente!
    Se e quando lo finisco potro' rivalutarlo, ma per ora l'impressione e' questa.

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura pesante per me: con tutti gli aspetti affascinanti della vita di Napoleone sembra che l'autore preferisca le battaglie e le atrocità.
    E per giunta senza un'immagine o uno schema che aiuti la comprensione della dinamica delle battaglie. Quindi ogni poche righe ci si ferma e si ridefi ...continua

    Lettura pesante per me: con tutti gli aspetti affascinanti della vita di Napoleone sembra che l'autore preferisca le battaglie e le atrocità.
    E per giunta senza un'immagine o uno schema che aiuti la comprensione della dinamica delle battaglie. Quindi ogni poche righe ci si ferma e si ridefinisce la mappa mentale, arrancando tra nomi di generali, eroi assortiti e località. Oppure si allunga il passo e si rimandano i dettagli ad un'altra fonte. Non un gran risultato per una biografia, non la consiglierei proprio

    ha scritto il 

  • 5

    Vive l'Empereur

    Il libro è scritto davvero bene, e trascina il lettore in quel turbinio incredibile che è stato la parabola della storia dell'imperatore.
    Solo le descrizioni delle battaglie mi hanno un po' affaticato, soprattutto per la grande quantità di dettagli aggiunti, a mio parere troppi per un testo ...continua

    Il libro è scritto davvero bene, e trascina il lettore in quel turbinio incredibile che è stato la parabola della storia dell'imperatore.
    Solo le descrizioni delle battaglie mi hanno un po' affaticato, soprattutto per la grande quantità di dettagli aggiunti, a mio parere troppi per un testo divulgativo.
    Però: la vicenda di quest'uomo è magnetica, come lo era del resto lui. Gerosa riesce a riaccendere l'eccitazione che i ragazzi, gli uomini europei del primo Ottocento devono aver provato quando seguivano le gesta del piccolo corso venuto dal nulla, che ha cambiato la Storia di Francia, d'Europa, del mondo.

    ha scritto il 

  • 3

    Una ricostruzione precisa della vita di Napoleone molto dettagliata, forse troppo, tanto che dopo un tentativo di lettura "tipo romanzo" ho abbandonato per eccessiva pesantezza (lo stile in sé è accattivante, ma la lettura è resa difficoltosa proprio per la dovizia di dettagli e per il frequente ...continua

    Una ricostruzione precisa della vita di Napoleone molto dettagliata, forse troppo, tanto che dopo un tentativo di lettura "tipo romanzo" ho abbandonato per eccessiva pesantezza (lo stile in sé è accattivante, ma la lettura è resa difficoltosa proprio per la dovizia di dettagli e per il frequente lancio di spunti ripresi anche qualche pagina dopo). Molto adatto, a mio avviso, per approfondimenti sui singoli periodi. Anch'io, come altri che hanno letto questo libro, sento decisamente la mancanza di qualche cartina.

    ha scritto il 

  • 1

    incoerente

    Biografia in cui si raccontano dettagli esagerati ( cosa ha detto Napoleone alla prima donna che ha avuto) e si sorvolano fatti salienti. La descrizone delle innumerevoli battaglie e' molto dettagliata ma senza una cartina non ci si capisce niente e si fa una gran fatica a capire. Napoleone e' fi ...continua

    Biografia in cui si raccontano dettagli esagerati ( cosa ha detto Napoleone alla prima donna che ha avuto) e si sorvolano fatti salienti. La descrizone delle innumerevoli battaglie e' molto dettagliata ma senza una cartina non ci si capisce niente e si fa una gran fatica a capire. Napoleone e' figura interessante, ma questo libro fa passare la voglia di leggerne un altro sull' Imperatore.C' ho messo tre mesi a leggerlo.....

    ha scritto il 

  • 5

    "On s'engage et puis on voit"

    Personaggio che mi lasciò indifferente al liceo, rivalutato grazie agli autori dell'ottocento e infine completamente apprezzato.
    Solo ora comprendo la reale importanza che quest'uomo, solo, ha avuto nella storia.
    Se fu vera gloria? Fu vera e grande Gloria.

    ha scritto il 

  • 4

    Si, fu vera gloria!! (ma...)

    Questo libro di Gerosa si legge come un vero e proprio romanzo più che una "sola" biografia: l'autore è bravissimo a spargere qua e là argomenti e aneddoti che tengono sempre alta l'attenzione. Consigliatissimo quindi non solo a chi è un grande amante della storia, ma anche a chi, semplicemente, ...continua

    Questo libro di Gerosa si legge come un vero e proprio romanzo più che una "sola" biografia: l'autore è bravissimo a spargere qua e là argomenti e aneddoti che tengono sempre alta l'attenzione. Consigliatissimo quindi non solo a chi è un grande amante della storia, ma anche a chi, semplicemente, vuole solo leggersi la bella (per usare un eufemismo) avventura di un uomo che ha cambiato il mondo in cui viviamo. Gli unici avvertimenti che vi faccio sono due:
    1-Buona parte del libro è dedicata al racconto delle battaglie e delle guerre di Napoleone, sappiatelo.
    2-Mancano delle mappe per rendersi realmente conto e apprezzare gli spostamenti, i trucchi e le mosse geniali dell'Imperatore..personalmente mi aiutavo con google maps :)

    ha scritto il 

  • 3

    L'autore, accuratissimo nelle descrizioni delle battaglie Napoleoniche, rende difficile la lettura non prevedendo colpevolmente mappe dei luoghi degli scontri. La figura di Napoleone è ben dipinta, meno l'epoca di Napoleone, quasi del tutto trascurati se si esclude il rapporto di questi con gli i ...continua

    L'autore, accuratissimo nelle descrizioni delle battaglie Napoleoniche, rende difficile la lettura non prevedendo colpevolmente mappe dei luoghi degli scontri. La figura di Napoleone è ben dipinta, meno l'epoca di Napoleone, quasi del tutto trascurati se si esclude il rapporto di questi con gli intellettuali. Il libro appare monco sul finale, non dicendo nulla di quanto succede alla morte di Napoleone, anzi trattando piuttosto distrattamente l'intero periodo post Lipsia.
    Efficace è invece la descrizione dei rapporti fra il Corso e i politici Francesi dell'apoca, così come quello con i monarchi europei.

    ha scritto il