Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Narciso e Boccadoro

By Hermann Hesse

(1083)

| Others

Like Narciso e Boccadoro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nel Medioevo leggendario del cattolicesimo monastico si snoda la storia dell'amicizia fra il dotto e ascetico Narciso, destinato a una brillante carriera religiosa al riparo dalle insidie del mondo e della storia, e Boccadoro, l'artista geniale e vag Continue

Nel Medioevo leggendario del cattolicesimo monastico si snoda la storia dell'amicizia fra il dotto e ascetico Narciso, destinato a una brillante carriera religiosa al riparo dalle insidie del mondo e della storia, e Boccadoro, l'artista geniale e vagabondo, tentato dall'infinita ricchezza della vita e segretamente innamorato anche della sua caducità. Hermann Hesse torna a riflettere sul tema, centrale nella sua poetica, del contrasto fra natura e spirito, fra eros e logos, fra arte e ascesi, alla ricerca di una loro possibile integrazione.

645 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Personalmente tendo sempre ad assumere un atteggiamento scettico e sospettoso nei confronti di libri come questo, che cavalcano l'onda dei Nobel svuota-librerie e dagli strombazzanti giudizi a cinque stelle. Sicché, sono giunto solo adesso a leggere ...(continue)

    Personalmente tendo sempre ad assumere un atteggiamento scettico e sospettoso nei confronti di libri come questo, che cavalcano l'onda dei Nobel svuota-librerie e dagli strombazzanti giudizi a cinque stelle. Sicché, sono giunto solo adesso a leggere uno dei (almeno) due capolavori di Hermann Hesse.
    Non posso nascondere il piacere della lettura che subito mi ha rapito, l'abilità mimetica con cui l'autore mi ha fatto immergere nella storia e nel suo mondo storicamente distante, l'empatia fortissima e alterna con Narciso e Boccadoro.
    Ma non posso tacere, anche, la sensazione che... se non ci fosse stato il Nobel, Narciso e Boccadoro non sarebbe quel che è, probabilmente sarebbe stato derubricato a romanzetto di formazione con una mimesi letteraria più da narrativa di genere storico che altro.
    Ci sono, insomma, tutti i motivi per lodarlo come un capolavoro e contemporaneamente per smontarlo e dissacrarlo.
    Per quanto il rapporto Narciso-Boccadoro appaia affascinante e oltremodo carico di temi e spunti di riflessione, non può far a meno di restituire una certa artificiosità, che trasfigura i due personaggi in contenitori metaforici. Anche la bella scrittura, a voler assumere un atteggiamento cinico, potrebbe rivelarsi come artificiosa e maliziosa, ingegnata ad hoc per attirare un certo tipo di pubblico, né più né meno di certi prodotti della narrativa di genere.
    Com'è possibile che un grande romanzo come questo mi appaia come un capolavoro e allo stesso tempo come una grossa mistificazione? Un quesito che dice molto sul ruolo giocato, nell'esperienza di lettura, dalla precomprensione soggettiva, dalle aspettative personali. Ma se c'è un dato che posso rivestire di pretesa di oggettività, è la mancanza di non-detto. Ci si aspetterebbe da un libro simile che abbia una gran dose di non-detto, di chiaroscuro, che abbondi di un non-so-che che sfugga alla lettura superficiale. Così non è, perché il contenuto di Narciso e Boccadoro è immediatamente evidente, e la sua esperienza di lettura, a parte un grazioso ma fugace senso di nostalgia, si esaurisce voltata l'ultima pagina.

    Is this helpful?

    Tancredi said on Oct 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ha avuto un significato particolare in un momento particolare della mia vita.

    Is this helpful?

    Astronave 73 said on Sep 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Questo libro mi è piaciuto molto soprattutto l'inizio, a metà del libro (quando Boccadoro si reca dal maestro Niklaus) e il finale. Una grande contrapposizione tra questi due personaggi sulle riflessioni profonde sulla vita, sul senso dell'esistenza. ...(continue)

    Questo libro mi è piaciuto molto soprattutto l'inizio, a metà del libro (quando Boccadoro si reca dal maestro Niklaus) e il finale. Una grande contrapposizione tra questi due personaggi sulle riflessioni profonde sulla vita, sul senso dell'esistenza. Boccadoro cerca questo senso a contatto con la natura, con le persone e con il suo vagobondare a tal punto da diventare una persona ricca di esperienze. Dall'altro canto Narciso, persona dottissima, è ''povero'' di vita e per questo che lo induge ad ammirare lo spirito ribelle di Boccadoro, a guardarlo come un suo modello. E' proprio un bel libro e lo consiglio vivamente perchè il linguaggio è davvero chiaro e semplice da poter così indurre a riflettere. L'unica cosa che non mi è piaciuto è il continuo amoreggiare da parte di Boccadoro con le donne che era fin troppo noioso.

    Is this helpful?

    Ekta said on Aug 26, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Letto anni fa, eppure mi ritrovo ancora a pensarci talvolta. Tante volte avrei voluto riprenderlo in mano per rinfrescarmi la memoria! Sarà che mi piacciono le amicizie improbabili come quella tra Narciso e Boccadoro!

    Is this helpful?

    Francesca said on Aug 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Narciso e Boccadoro, due personalità opposte, due amici... molto bello

    Is this helpful?

    Simona said on Jul 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I percorsi dei personaggi sono simili ai precedenti romanzi letti di Hesse, Siddharta e il gioco delle perle di vetro, forse per questo sono rimasta un po' delusa.

    Is this helpful?

    Linda T said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book