Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ne tirez pas sur l'oiseau moqueur

By ,

Editeur: LGF

4.4
(9770)

Language:Français | Number of pages: 447 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Chi traditional , German , Spanish , Italian , Portuguese , Dutch , Swedish , Catalan , Korean , Polish , Indonesian

Isbn-10: 2253115843 | Isbn-13: 9782253115847 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , History , Social Science

Aimez-vous Ne tirez pas sur l'oiseau moqueur ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    un argomento duro trattato con grande sensibilità

    far raccontare la storia a una bambina, e risultare credibili, eleva il libro a grande lettura.
    se poi il tema trattato è alquanto duro, ma lo sviluppo e il finale sono stemperati da un messaggio di s ...continuer

    far raccontare la storia a una bambina, e risultare credibili, eleva il libro a grande lettura.
    se poi il tema trattato è alquanto duro, ma lo sviluppo e il finale sono stemperati da un messaggio di speranza, allora il libro prende un valore in più.
    soprattutto quando il " looser" della storia è quello che ti fa innamorare.
    leggetelo.

    dit le 

  • 5

    Fra i miei libri del cuore. Bellissimo, da leggere assolutamente. E non solo, il film con Gregory Peck e Robert Duvall è altrettanto "obbligatorio". Infanzia, giustizia, amicizia, amore, razzismo...ca ...continuer

    Fra i miei libri del cuore. Bellissimo, da leggere assolutamente. E non solo, il film con Gregory Peck e Robert Duvall è altrettanto "obbligatorio". Infanzia, giustizia, amicizia, amore, razzismo...caspita, c'è proprio tutto!

    dit le 

  • 4

    molto, molto bello

    “ Volevo che imparassi una cosa: volevo che tu vedessi che cosa è il vero coraggio, tu che credi che sia rappresentato da un uomo con il fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfi ...continuer

    “ Volevo che imparassi una cosa: volevo che tu vedessi che cosa è il vero coraggio, tu che credi che sia rappresentato da un uomo con il fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare sino in fondo, qualsiasi cosa succeda. È raro vincere in questi casi, ma qualche volta succede”.

    dit le 

  • 5

    E dire che per le prime 90 pagine non riusciva ad acchiapparmi! Poi da lì la storia entra nel vivo e si fa meravigliosa! La vicenda principale e tutto il contorno della vita quotidiana dei due ragazzi ...continuer

    E dire che per le prime 90 pagine non riusciva ad acchiapparmi! Poi da lì la storia entra nel vivo e si fa meravigliosa! La vicenda principale e tutto il contorno della vita quotidiana dei due ragazzini protagonisti, raccontati dal punto di vista della piccola Scout, acquistano una sfumatura di delicatezza nonostante il tema centrale sia molto duro e doloroso. Ho amato tantissimo il personaggio di Atticus che tanto sa ascoltare, spiegare e consolare.

    dit le 

  • 5

    E poi ci sono quei libri che ti entrano dentro. Ci sono dei personaggi che hai sempre cercato e che finalmente trovi tra le pagine che sfogli lentamente. Ci sono frasi in cui ti riconosci.

    E poi ci s ...continuer

    E poi ci sono quei libri che ti entrano dentro. Ci sono dei personaggi che hai sempre cercato e che finalmente trovi tra le pagine che sfogli lentamente. Ci sono frasi in cui ti riconosci.

    E poi ci sono libri che quando finisci ti senti un po' più solo.
    Grazie Atticus, Jem, Boo ma soprattutto Scout. E' stato un vero piacere incontrarvi.

    dit le 

  • 5

    Capolavoro della letteratura d'impegno, è prima di tutto un romanzo di formazione estremamente gradevole, ben scritto, scorrevole e appassionante. Il mondo degli adulti visto con gli occhi di una raga ...continuer

    Capolavoro della letteratura d'impegno, è prima di tutto un romanzo di formazione estremamente gradevole, ben scritto, scorrevole e appassionante. Il mondo degli adulti visto con gli occhi di una ragazzina dal carattere spigoloso di un autentico maschiaccio, mette bene in evidenza le contraddizioni e le ingiustizie della società della segregazione ma riesce a raccontare altrettanto bene e con uguale efficacia mantenendo un mirabile equilibrio tra i due piani, il mondo dell'infanzia, con i suoi giochi spensierati, gli obblighi scolastici, le sfide insensate e le scoperte di ogni giorno.
    Non che sia un romanzo perfetto: la parte del processo è trattata un po' sbrigativamente e oggi l'uso disinvolto e paternalistico del termine "negro" risulta alquanto disturbante, ma son difetti di poco conto di fronte alla costruzione compatta ed efficace, alla scrittura svelta ed evocativa, ai personaggi tagliati un po' spessi ma ben rappresentativi e soprattutto considerando il coraggio che deve aver chiesto alla sua autrice all'epoca della prima edizione, tre anni prima della marcia su Washington di Martin Luther King.
    Insomma, giudizio finale: libro ottimo e immancabile.

    dit le 

  • 5

    Conoscevo la trama a grandi linee, quindi sapevo che questo libro parlava del razzismo, ma non mi aspettavo così tante altre cose.. Attraverso la semplicità dello sguardo di Scout ci viene mostrata tu ...continuer

    Conoscevo la trama a grandi linee, quindi sapevo che questo libro parlava del razzismo, ma non mi aspettavo così tante altre cose.. Attraverso la semplicità dello sguardo di Scout ci viene mostrata tutta l'ipocrisia di una società pronta a condannare un uomo per il colore della pelle, ma anche il vero coraggio di battersi per quello in cui si crede giusto, anche se le speranze di riuscita sono ben poche.

    dit le 

  • 4

    Sempre attuale

    Direi sempre attuale questo romanzo! Ho deciso di rileggerlo, non ricordo nemmeno cosa mi abbia ispirato di nuovo ma - ancora una volta - mi ha fatto riflettere, intenerire, condannare e apprezzare pe ...continuer

    Direi sempre attuale questo romanzo! Ho deciso di rileggerlo, non ricordo nemmeno cosa mi abbia ispirato di nuovo ma - ancora una volta - mi ha fatto riflettere, intenerire, condannare e apprezzare persone. Alla fine, il vero protagonista del libro, secondo me, è proprio il coraggio. Come dice Atticus Finch, "Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare sino in fondo, qualsiasi cosa succeda." E su questo si svolgono le altre vicende che riguardano Boo, Dill, Jem, Scout, Cal, la zia Alexandra, Tom e tutta la cittadina. Un libro che descrive bene la discriminazione ma anche la solidarietà e l'amore. Bellissimo. Attendo con ansia il secondo, che mi pare essere il seguito.

    dit le 

  • 4

    Bello! Scrittura in apparenza semplice, ma splendida nella costruzione delle frasi. La traduzione italiana mi sembra essere ridotta rispetto a quella originale inglese. Per questo solo 4 stelle, ho l' ...continuer

    Bello! Scrittura in apparenza semplice, ma splendida nella costruzione delle frasi. La traduzione italiana mi sembra essere ridotta rispetto a quella originale inglese. Per questo solo 4 stelle, ho l'impressione che abbiano tagliato parecchio. Storia affascinante e agghiacciante. Bellissimi personaggi.
    Prima o poi devo leggere l'originale per togliermi questo tarlo.

    dit le 

Sorting by