Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nekega dne jaz govoriti lepo

By

Publisher: Didakta

3.8
(1351)

Language:Slovenščina | Number of Pages: 217 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , German , Italian , French , Spanish , Portuguese , Dutch

Isbn-10: 9616646044 | Isbn-13: 9789616646048 | Publish date: 

Category: Biography , Fiction & Literature , Humor

Do you like Nekega dne jaz govoriti lepo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
David Sedaris je eden najboljših ameriških humoristov. Več njegovih knjig se je uvrstilo na prvo mesto najbolje prodajanih knjig revije New York Times. Naslov avtobiografskega dela Nekega dne jaz govoriti lepo namiguje na obupne avtorjeve napore, da bi se naučil francoščine, potem ko se je s svojim partnerjem Hughom preselil v Normandijo. Na začetku se tam sporazumeva z edinim izrazom, ki ga pozna - ozko grlo - zato se sistematično loti bogatenja besednjaka z novimi izrazi: eksorcizem, klavnica, vrač, otekanje obraza. Žal mu to v vsakdanjem življenju ne pomaga kaj prida, zato večino časa v Parizu preživi ob gledanju ameriških filmov.

Na svojem petem obisku Francije sem se omejil na besede in izraze, ki jih ljudje zares uporabljajo. Od lastnikov psov sem se naučil: »Lezi,« »Utihni« in »Kdo se je podelal na to preprogo?« Par čez cesto me je naučil pravilno postavljati vprašanja, prodajalec v trgovini z živili pa šteti. Stvari so se začele jasniti in nisem več govoril kot hudobni dojenček, ampak kot kmetavzar. »Ali so oni misli od krava?« sem vprašal mesarja in kazal telečje možgane, razstavljene v izložbi.

V knjigi spoznamo tudi dogodivščine iz njegovega otroštva in mladosti. Spoznamo njegovo številno problematično družino, očetove obsedenosti, težave v šoli, umetniške ambicije, selitev v New York, začetke kariere. Vidno vlogo v knjigi ima avtorjeva mlajša sestra Amy Sedaris, znamenita komedijantka, ki je med drugim posodila glas eni od princes v tretjem Shreku. Nekega dne jaz govoriti lepo je zabavna zbirka utrinkov iz življenja inteligentnega pisatelja z velikim darom za opazovanje in velikim občutkom za humor.

Hugh me je tolažil z besedami: »Naj ti to ne gre do živega. Veliko stvari je, pri katerih si dober.« Ko sem ga vprašal, naj navede nekaj primerov, je naštel sesanje in dajanje imen nagačenim živalim. Pravi, da se bo verjetno spomnil še česa, da pa potrebuje nekaj časa za razmislek.

Sorting by
  • 4

    Si può rischiare di annegare nelle proprie lacrime per il troppo ridere? Si può? Io so tenermi a galla discretamente, ma per sicurezza il prossimo libro di Sedaris me lo leggo indossando un giubbotto ...continue

    Si può rischiare di annegare nelle proprie lacrime per il troppo ridere? Si può? Io so tenermi a galla discretamente, ma per sicurezza il prossimo libro di Sedaris me lo leggo indossando un giubbotto di salvataggio.

    said on 

  • 3

    Divertente ma non memorabile

    Un insieme di racconti autobiografici graziosi e a tratti molto divertenti, con qualche buona osservazione di critica sociale, anche se non mi sono sembrati così straordinari come li descrivono le mol ...continue

    Un insieme di racconti autobiografici graziosi e a tratti molto divertenti, con qualche buona osservazione di critica sociale, anche se non mi sono sembrati così straordinari come li descrivono le molte citazioni riportate all'inizio. Mi è sembrato ancora un po' acerbo rispetto a scritti successivi.

    said on 

  • 3

    Quando mi dicono: "Ti racconto una barzelletta" m'irrigidisco perchè la maggior parte di persone non sa raccontarle e diventa un tormento.
    Sedaris ironizza sulla propria famiglia e sulla propria vita ...continue

    Quando mi dicono: "Ti racconto una barzelletta" m'irrigidisco perchè la maggior parte di persone non sa raccontarle e diventa un tormento.
    Sedaris ironizza sulla propria famiglia e sulla propria vita raccontando aneddoti divertenti. Direi una bugia se affermassi di aver riso dall'inizio alla fine ma, insomma, a tratti è riuscito a fare sorridere anche un pezzo di legno come la sottoscritta.

    said on 

  • 4

    Racconti buffi, slegati tra loro, sulla vita personale dell'autore. Non si eleva particolarmente al di sopra dei libretti dei comici nostrani. Non che ci sia niente di male in questo, per carità, bast ...continue

    Racconti buffi, slegati tra loro, sulla vita personale dell'autore. Non si eleva particolarmente al di sopra dei libretti dei comici nostrani. Non che ci sia niente di male in questo, per carità, basta saperlo. Considerato che non si sta leggendo un libro di più alto respiro, gli si possono dare quattro stelline perchè Sedaris scrive bene e fa abbastanza ridere.

    ...probabilmente se cercate il gay-simpatico stile telefilm questo autore fa decisamente per voi. Io non cercavo niente del genere e alcuni siparietti a là Will & Grace li ho trovati piuttosto fastidiosi e ho saltato un paio di pagine. ...avrò un'omofobia letteraria??

    In generale, comunque, niente nel libro supera il titolo, fenomenale e sfortunatamente non connesso a qualche aspetto rilevante della storia, se non ai due o tre episodi sulla difficoltà del Nostro a parlare il francese.

    said on 

  • 3

    altalenante

    Libro per me altalenante, a tratti molto divertente, a tratti molto noioso, composto di tante microstorie non sempre legate tra di loro.

    said on 

  • 4

    David Sedaris can make the mundane interesting. I laughed out loud a few times even when I was on the public transit. His style reminds me of George Carlin but not as much edge. The funniest chapte ...continue

    David Sedaris can make the mundane interesting. I laughed out loud a few times even when I was on the public transit. His style reminds me of George Carlin but not as much edge. The funniest chapter is Jesus Shaves...trying to explain what Easter is to a Muslim, in French, by some beginner level students learning French.

    Now I am a Fan!

    said on 

Sorting by