Sperduto nelle Ande, Nunez viene accolto da una comunità i cui membri sono tutti ciechi. Confuso dalla vita laboriosa e dai sensi finissimi dei suoi ospiti, dovrà destreggiarsi fra il proprio senso di superiorità e la loro remota saggezza: anche ...Continua
Ha scritto il 20/11/16
La diversità
Sperduto nelle Ande, Nuñez viene accolto da una comunità i cui membri sono tutti ciechi. Confuso dalla vita laboriosa e dai sensi finissimi dei suoi ospiti, dovrà destreggiarsi fra il proprio senso di superiorità e la loro remota saggezza: anche ...Continua
Ha scritto il 10/09/16
Cinque stelle a questo racconto molto breve (ma intenso), soprattutto per le descrizioni indimenticabili. Ma in fondo se le merita anche la trama che fa riflettere sulla diversità senza scadere in triti luoghi comuni, che si sviluppa senza una ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 01/08/16
Questione di punti di "vista"...
Herbert George Wells era uno scrittore e scienziato, allievo di Thomas Huxley, scienziato evoluzionista, nonno dello scrittore Aldous Huxley de "Il mondo nuovo", che casualmente ho appena terminato di leggere in questi giorni.Wells scrisse nel 1904 ...Continua
  • 49 mi piace
  • 23 commenti
Ha scritto il 19/06/16
”Trecento miglia e più dal Chimborazo, un centinaio dalle nevi del Cotopaxi, tra le più selvagge solitudini delle Ande ecuadoriane, giace, separata dal mondo degli uomini, quella misteriosa vallata montana, il Paese dei Ciechi.”Uno strano ...Continua
  • 12 mi piace
  • 6 commenti
Ha scritto il 18/11/15
ORA CHE HO PERSO LA VISTA... CI VEDO DI PIU'?
Un bellissimo romanzo breve polisemico, ovvero con diversi livelli di lettura: sociologico, filosofico, scientifico! Un elogio a Wells, che ha saputo condensare riflessioni complesse in questa sua storia di un centinaio di pagine.

Ha scritto il Oct 19, 2010, 21:07
"Il bagliore del tramonto si spense, e scese la notte, ed egli giacque contento, pacificato, sotto le fredde stelle."
Pag. 49
  • 1 commento
Ha scritto il Oct 19, 2010, 21:03
"Cominciava a capire che con creature situate su un pianto mentale diverso non si può nemmeno fare a botte come si deve"
Pag. 34
  • 1 mi piace
Ha scritto il Oct 19, 2010, 05:09
"Ma Nunez si fece avanti col passo sicuro di un giovane che entra nella vita. Le antiche storie sulla valle perduta e sul Paese dei Ciechi gli erano tornate in mente, e nei suoi pensieri si rincorreva come un ritornello il vecchio proverbio < ...Continua
Pag. 22
Ha scritto il Dec 15, 2009, 00:12
«Perchè non vieni quando ti chiamo?» disse il cieco. «Bisogna guidarti come un bambino? Non senti il sentiero mentre cammini?».Nuñez rise. «Io lo vedo» disse.«Vedo è una parola che non esiste» disse il cieco, dopo un silenzio. «Cessa ...Continua
Pag. 29
Ha scritto il Dec 15, 2009, 00:11
" E sei venuto nel mondo?" domandò Pedro. "Dal mondo..."
Pag. 23

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi