Nel segno della pecora

Di

Editore: Einaudi (Supercoralli)

4.0
(4457)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 298 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Portoghese , Giapponese , Francese , Tedesco , Russo , Olandese , Finlandese , Lettone , Sloveno , Polacco , Catalano

Isbn-10: 8806193368 | Isbn-13: 9788806193362 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Antonietta Pastore

Disponibile anche come: Altri , Paperback , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Nel segno della pecora?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Un pubblicitario trentenne, divorziato, che vive con una ragazza dalle orecchie bellissime (di solito le tiene coperte, per mostrarle solo nei momenti di intimità o quando è richiesta come modella), ha fatto una campagna pubblicitaria con la fotografia di un gregge di pecore immerso in un paesaggio montano. Una di quelle pecore avrebbe preso possesso di un uomo, il Maestro, il capo di un immenso impero politico e finanziario di estrema destra. Il Maestro è gravemente malato e il protagonista viene costretto ad andare alla ricerca di quella pecora fotografata da un suo amico inquieto e solitario, il Sorcio. È una pecora che si distingue dalle altre per il colore e per una macchia a forma di stella. Dovrà trovarla entro un mese. Il protagonista inizia così una caccia che da Tokyo lo porta a Sapporo, per finire in cima alle montagne freddissime a nord di Hokkaido. Dopo aver parlato con il Professor Pecora, incontra finalmente il Sorcio, che da alcuni anni era scomparso e si era rifugiato in una casa isolata.
Ordina per
  • 0

    traumreise

    an incomprehensive, dark and hopeless book. Describes loneliness and life absurdity. read up in a day, not beacause interesting but 'cause one day of unespected darkness is even too much

    ha scritto il 

  • 4

    Alla fine ok

    Il libro non mi stava piacendo. Nella sua totale assurdità però sono arrivato alla fine piuttosto appassionato e felice di essermi dedicato a questa lettura.
    Nessun passaggio è stato particolare.
    Tutt ...continua

    Il libro non mi stava piacendo. Nella sua totale assurdità però sono arrivato alla fine piuttosto appassionato e felice di essermi dedicato a questa lettura.
    Nessun passaggio è stato particolare.
    Tutto sommato, va bene così.

    ha scritto il 

  • 3

    Immergersi in un romanzo di Murakami significa sempre intraprendere un viaggio onirico dai risvolti inaspettati, questo è certo. "Nel segno della pecora", opera prima dell'autore, è - per citare la Di ...continua

    Immergersi in un romanzo di Murakami significa sempre intraprendere un viaggio onirico dai risvolti inaspettati, questo è certo. "Nel segno della pecora", opera prima dell'autore, è - per citare la Disney - un diamante allo stato grezzo. Il mio più grande rammarico è infatti averlo letto per ultimo, dopo aver assaporato gli scritti più maturi di questo autore. L'elemento caratteristico della scrittura di Murakami è però già presente: la storia, inizialmente lineare, si trasforma in un dipinto onirico. Il protagonista, un giovane pubblicitario senza nome, viene coinvolto nella bizzarra ricerca di un suo amico di infanzia e di una misteriosa pecora.
    Assolutamente consigliato a chi vuole approcciarsi per la prima volta a questo autore, in modo da poter apprezzare al meglio l'evoluzione e lo sviluppo del suo stile.

    Passate a trovarmi su Facebook: La piccola biblioteca dei libri dimenticati

    ha scritto il 

  • 0

    Non il Murakami che mi ha fatto innamorare con la sua prosa.
    Spero che mi sia sembrato così acerbo solo perchè è un romanzo d'esordio...
    Nell'attesa di leggere altri libri e ritrovare un incanto momen ...continua

    Non il Murakami che mi ha fatto innamorare con la sua prosa.
    Spero che mi sia sembrato così acerbo solo perchè è un romanzo d'esordio...
    Nell'attesa di leggere altri libri e ritrovare un incanto momentaneamente interrotto...

    ha scritto il 

  • 4

    Garanzia.

    Si, perchè seguire Murakami nei suoi viaggi onirici (qui sarebbe meglio dire: ovinici) è sempre una garanzia di sorpresa, essere spiazzati da un filo narrativo che non si interrompe mai grazie a mille ...continua

    Si, perchè seguire Murakami nei suoi viaggi onirici (qui sarebbe meglio dire: ovinici) è sempre una garanzia di sorpresa, essere spiazzati da un filo narrativo che non si interrompe mai grazie a mille divagazioni.

    ha scritto il 

Ordina per