Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nessun dove

Di

Editore: Fanucci

4.2
(4297)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Russo , Ceco , Giapponese , Polacco , Danese , Indonesiano

Isbn-10: 8834714474 | Isbn-13: 9788834714478 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Elisa Villa

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Paperback , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Nessun dove?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Richard Mayhew è un giovane uomo d'affari: un singolo atto di generosità lo catapulta fuori da una vita tranquilla e prevedibile e lo proietta in un mondo che gli appare al tempo stesso stranamente familiare e incredibilmente bizzarro. Incontra una ragazza di nome Porta, perseguitata da persone che vogliono ucciderla, un angelo che vive in un salone illuminato dalle candele, un signore, Old Bailey, che abita sui tetti. Scopre che esistono ratti intelligenti e un Conte, il cui seguito vive su una carrozza di un treno della metropolitana; che un ponte nella notte fa la guardia alla pericolosa via che conduce a Knightsbridge, dove vive il Popolo delle Fogne; che esiste una Bestia in quel mondo sotterraneo dove è possibile sperimentare pericoli e piaceri che superano la più fervida immaginazione...
Ordina per
  • 4

    Il fantasy tipico di Gaiman

    Leggo pochissimi fantasy ma questo è un romanzo moderno, bello, avvincente e divertente. Un fantasy tipico di Gaiman (se avete apprezzato American Gods , godrete pure con questo).
    Fenomenale la descri ...continua

    Leggo pochissimi fantasy ma questo è un romanzo moderno, bello, avvincente e divertente. Un fantasy tipico di Gaiman (se avete apprezzato American Gods , godrete pure con questo).
    Fenomenale la descrizione di Londra, atmosfere e quartieri della City ben caratterizzati e capacità di immedesimazione altissima.
    Personaggi stupendi e particolari (mi divertirò a leggere la graphic novel per vedere se li ho "immaginati" come realmente sono) soprattutto i "cattivi", Croup e Vanderar su tutti.
    Il protagonista Richard è un assoluto antieroe, fifone, neutrale, succube del proprio lavoro e della propria compagna... cosa c'è di meglio per un antieroe simile farsi un viaggio nella Londra di Sotto fatta di fate, orchi, bestie, topi parlanti etc etc!? La Londra di Sotto cosi lontana e diversa dalla City che è sopra, tutto lavoro, confusione e vita reale?
    Finale scontato ma non troppo a parer mio bellissimo.

    Ora sotto con la graphic novel per godermi altre 3-4 orette di puro godimento in fantasy di Gaiman.

    In poche parole, non consigliato, di più. Deve essere nella libreria di ognuno di noi :)

    ha scritto il 

  • 4

    GAIMAN AL SUO MEGLIO

    Bellissimo romanzo, che non si fa mancare nulla: ambientazione urban fantasy affascinante, ottimi personaggi (a partire dal protagonista ai vari comprimari), trama intrigante, stile scorrevole ma mai ...continua

    Bellissimo romanzo, che non si fa mancare nulla: ambientazione urban fantasy affascinante, ottimi personaggi (a partire dal protagonista ai vari comprimari), trama intrigante, stile scorrevole ma mai banale, titpico dell'autore.
    Avventura, divertimento, drammaticità, poesia, romanticismo, non manca nulla, perfino alcune riflessioni sul nostro stile di vita.

    ha scritto il 

  • 4

    Solo dopo aver terminato la lettura ho scoperto che Neverwhere è nato prima come serie tv che come romanzo. In effetti lo stile è così “visivo” che pare quasi di leggere una sceneggiatura, è facile im ...continua

    Solo dopo aver terminato la lettura ho scoperto che Neverwhere è nato prima come serie tv che come romanzo. In effetti lo stile è così “visivo” che pare quasi di leggere una sceneggiatura, è facile immaginare di assistere alla storia chi si svolge su di uno schermo. A giudicare dagli spezzoni presenti su YouTube, i telefilm devono essere belli come il libro, che è un vero prodigio dell’immaginazione. La vicenda si svolge in una città familiare a molti quale Londra, a partire da alcuni luoghi molto noti della capitale inglese Gaiman ne disegna una mappa ed una storia parallele, aprendo vertiginose prospettive fantastiche sul “mondo di sotto”, una bizzarra dimensione che scopriamo insieme al protagonista, un imbranato impiegato che conduce una vita molto ordinaria, e col quale non è difficile immedesimarsi. Gaiman ritrae con tinte vivaci una galleria memorabile di personaggi (mister Croup e mister Vandermar sono fra le figure più malvage ed abbiette che un lettore possa incontrare), narra con piglio veloce ed avvincente. Le pagine sono illuminate dalla fantasia e la suspense è tale che le si divora, dimenticandosi facilmente degli altri impegni ed incombenze che ci attendono nella giornata.

    ha scritto il 

  • 5

    Nessun Dove di Neil Gaiman

    Questo è il primo libro che leggo di questo autore.
    Ne avevo sentito parlare tanto e mi sono convinta a leggerlo.

    Il libro è ambientato a Londra, dove troviamo il nostro protagonista Richard un uomo c ...continua

    Questo è il primo libro che leggo di questo autore.
    Ne avevo sentito parlare tanto e mi sono convinta a leggerlo.

    Il libro è ambientato a Londra, dove troviamo il nostro protagonista Richard un uomo che ha la sua routine con lavoro, la sua casa e la sua fidanzata Jessica.....
    Tutto procede "bene" fino ad una sera nella quale Richard salva una ragazza comparsa dal nulla che sta ferita su un marciapiede.
    La ragazza si chiama Porta e vive a Londra-di-sotto.........

    Non voglio dire troppo della trama perchè è fantastico poterla scoprire mentre si legge il legge il libro.
    Verrete trasportati in un modo strano e pericoloso che vi farà stare incollati al libro per sapere come finirà la storia.

    E' anche un libro di crescita personale e di amicizia. Un libro che fa ridere, fa commuovere e fa anche storcere il naso.

    Se si potessero dare 6 stelle a questo libro io le darei.......

    ha scritto il 

  • 0

    Non è un brutto libro; mi piace Gaiman, perchè scrive in modo chiaro e divertente, e a tratti mi ricorda il mio amato Roahl Dahl. Però questo Neverwhere...sarà che lo leggevo tra un libro e un altro, ...continua

    Non è un brutto libro; mi piace Gaiman, perchè scrive in modo chiaro e divertente, e a tratti mi ricorda il mio amato Roahl Dahl. Però questo Neverwhere...sarà che lo leggevo tra un libro e un altro, sarà che alcune parti sono noiose e altre interessanti...l'ho abbandonato. Magari lo riprenderò in futuro, e cercherò di leggerlo in una volta sola.

    ha scritto il 

  • 4

    Salta subito all'occhio ciò di cui vuole parlare Gaiman in questo romanzo, anche se sarebbe più corretto scrivere "di chi vuole parlare".
    Gli abitanti della Londra sotterranea sono i reietti della so ...continua

    Salta subito all'occhio ciò di cui vuole parlare Gaiman in questo romanzo, anche se sarebbe più corretto scrivere "di chi vuole parlare".
    Gli abitanti della Londra sotterranea sono i reietti della società: barboni, senza tetto, emarginati, chiamateli come vi pare, sono loro che popolano questa magica città e che posseggono capacità fuori dal normale.
    Sono loro, le persone a cui nessuno da importanza, quelle a cui Neil da un ruolo centrale nella vicenda.
    Persone che raramente diventano i protagonisti di un romanzo, qui lo sono.
    La recensione completa sul mio blog: http://capitolonero.blogspot.it/2015/06/nessun-dove-neil-gaiman.html

    ha scritto il 

  • 3

    meh. ci ho messo oltre un mese a finirlo, perchè in realtà non mi prendeva abbastanza. certo gaiman è un ottimo scrittore, ma questo libro mi è sembrato un po' troppo scontato, un po' banale. forse ci ...continua

    meh. ci ho messo oltre un mese a finirlo, perchè in realtà non mi prendeva abbastanza. certo gaiman è un ottimo scrittore, ma questo libro mi è sembrato un po' troppo scontato, un po' banale. forse ci mette un po' troppo a ingranare davvero, forse il protagonista impiega troppo tempo a passare da inetto ad eroe, forse la magia è troppo poco particolare... non lo so, non mi ha entusiasmato anche se ha recuperato molto nella seconda metà del libro.

    ha scritto il 

  • 5

    Cadere tra le fessure

    E d'un tratto la tua vita, inconsapevolmente poco significativa, cade in un'altra dimensione, da tutti rifuggita al punto da diventare invisibile...
    In perfetto stile Gaiman, la sfida alle convenzioni ...continua

    E d'un tratto la tua vita, inconsapevolmente poco significativa, cade in un'altra dimensione, da tutti rifuggita al punto da diventare invisibile...
    In perfetto stile Gaiman, la sfida alle convenzioni e alle TRAPPOLE pirandelliane del mondo sociale diventa una realtà altra in cui la povertà diventa magia, l'orrore cannibalismo.
    Sarò forse l'unica, ma lo ritengo il capolavoro di Gaiman.

    ha scritto il 

Ordina per