Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nessuno si salva da solo

Di

Editore: A. Mondadori (Scrittori italiani e stranieri)

3.0
(3525)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 880460865X | Isbn-13: 9788804608653 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Nessuno si salva da solo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Delia e Gaetano erano una coppia. Ora non lo sono più, e stasera devono imparare a non esserlo. Si ritrovano a cena, in un ristorante all’aperto, poco tempo dopo aver rotto quella che fu una famiglia. Lui si è trasferito in un residence, lei è rimasta nella casa con i piccoli Cosmo e Nico. Delia e Gaetano sono ancora giovani – più di trenta, meno di quaranta, un’età in cui si può ricominciare. La loro carne è ancora calda e inquieta. Sognano la pace ma sono tentati dall’altro e dall’altrove. Ma dove hanno sbagliato? Il fatto è che non lo sanno. La passione dell’inizio e la rabbia della fine sono ancora pericolosamente vicine. Cresciuti in un’epoca in cui tutto sembra già essere stato detto, si scambiano parole che non riescono a dare voce alle loro solitudini, alle loro urgenze, perché nate nelle acque confuse di un analfabetismo affettivo. Eppure parole capaci di bagliori improvvisi, che sanno toccare il nucleo ustionante dei ricordi, mettere in scena sul palcoscenico quieto di una sera d’estate il dramma senza tempo dell’amore e del disamore. Margaret Mazzantini ci consegna un romanzo che è l’autobiografia sentimentale di una generazione. La storia di cenere e fiamme di una coppia contemporanea con le sue trasgressioni ordinarie, con la sua quotidianità avventurosa. Una coppia come tante, come noi. Contemporaneamente a noi.
Ordina per
  • 5

    Sindrome da risarcimento perenne

    Una frase che mi ha letteralmente "stesa". Ancora una volta leggere un libro di Margaret mi ha portata via. Libro divorato in poche ore. Libro che racconta una storia, come e meglio di un film. Libro ...continua

    Una frase che mi ha letteralmente "stesa". Ancora una volta leggere un libro di Margaret mi ha portata via. Libro divorato in poche ore. Libro che racconta una storia, come e meglio di un film. Libro dedicato al marito che ha reso indimenticabili le storie di Non ti muovere e Venuto al mondo. Ma lei, ancora una volta lei è stata capace di incollarmi all' amore di Delia e Gae. Un fiume in piena ecco cos'è stato questo libro. E mi sono sentita parte di questa cena, un pò come se fossi il portasale in mezzo al tavolo, messo lì a percepire ogni sensazione, ogni pensiero arrabbiato, ogni parola urlata in silenzio. Ho letto pareri discordanti su questo libro, ma sinceramente me ne sono fregata. Io so cos'è per me questa autrice, so cosa aspettarmi e anche questa volta non sono rimasta affatto delusa. Mi ha emozionata, mi ha fatta piangere, mi ha fatto ritrovare me stessa e il mio passato in alcuni punti. Mi ha fatto sentire amata, mi ha regalato un pomeriggio speciale. Ho ritrovato lei e altri personaggi di altre storie sue. Posso dire con certezza che Margaret è in assoluto la mia scrittrice preferita. Unico piccolo neo, il finale che mi ha lasciata un pò perplessa. Ma poi l'ho analizzato insieme a chi l' ha letto con me e abbiamo capito. Perchè nessuno si salva da solo.

    ha scritto il 

  • 1

    Puah!

    Per una stella mi dice "mediocre"? Speravo fosse "pessimo", la prossima volta che deciderò di togliermi la vita, leggerò la Mazzantini invece che buttarmi sotto un treno!
    Ma che gli è successo per ess ...continua

    Per una stella mi dice "mediocre"? Speravo fosse "pessimo", la prossima volta che deciderò di togliermi la vita, leggerò la Mazzantini invece che buttarmi sotto un treno!
    Ma che gli è successo per essere tanto pessimista, creando personaggi che avresti vouto solo strozzare!!!!!

    ha scritto il 

  • 3

    angoscia pura

    angoscia per una storia finita, angoscia per un matrimonio naufragato, angoscia per la mancanza di comunicazione, angoscia per l'angoscia che ognuno prova..

    ha scritto il 

  • 1

    Se ci fosse stata l'opzione avrei messo mezza stellina

    Gaetano e Delia hanno due figli e un matrimonio fallito alle spalle. Si trovano a cena, una sera, per parlare della loro situazione. Così comincia una serie infinita di racconti di "quello che è stato ...continua

    Gaetano e Delia hanno due figli e un matrimonio fallito alle spalle. Si trovano a cena, una sera, per parlare della loro situazione. Così comincia una serie infinita di racconti di "quello che è stato e ora non è più", tra ricordi belli, ricordi pessimi, amore e rinfacci. A parte la noia, ho fatto proprio fatica a stare dietro ai dialoghi e spesso mi sono trovata costretta a tornare indietro per capire chi diceva cosa.
    Insomma, non lo consiglio e non so se leggerò gli altri della Mazzantini. Almeno non per ora.

    ha scritto il 

  • 0

    'Perché la merda parla nei suoi canali sotterranei e si consulta. Tutte le coppie che si lasciano s'involano nello stesso buco......E tu nemmeno li guardi i tuoi figli, perché semplicemente non li vuo ...continua

    'Perché la merda parla nei suoi canali sotterranei e si consulta. Tutte le coppie che si lasciano s'involano nello stesso buco......E tu nemmeno li guardi i tuoi figli, perché semplicemente non li vuoi tra le palle. Perché non vorresti avercele mai portate le tue palle nel mondo.'

    ....'Aveva sentito Gae sbattere la porta e andarsene. Ma sì vattene, crepa. Finisci sotto un tram . Uno dei due deve togliersi di mezzo da questo mondo. Semplicemente non sappiamo viverci insieme.
    Poi invece lo aveva aspettato. Le bastava che Gae si allontanasse per tornare ad amarlo un po'. Aveva guardato i bambini addormentati, li aveva carezzati , e lo aveva aspettato.
    Possiamo farcela. Dobbiamo farcela. Per loro.
    Ma non ce la fai mai per i bambini.
    E loro lo sanno che non contano, s'industriano. Mettono le tazze per colazione, spiano gli sguardi, i silenzi. Danno il bacio di qua e di là, con il terrore di sbagliare momento, di sbagliare guancia. Aspettano anche loro.
    Che l'amore torni.'

    ha scritto il 

  • 3

    "E' inutile indagare le occasioni mancate. Non sai mai se ti sei salvato dalla morte o ti sei perso la vera vita."

    http://therestlessreadersroom.blogspot.it/2015/05/recensione-nessuno-si-salva-da-solo-di.html

    ha scritto il 

Ordina per