Nessuno si salva da solo

Voto medio di 3914
| 1.031 contributi totali di cui 795 recensioni , 236 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Delia e Gaetano erano una coppia. Ora non lo sono più, e stasera devono imparare a non esserlo. Si ritrovano a cena, in un ristorante all'aperto, poco tempo dopo aver rotto quella che fu una famiglia. Lui si è trasferito in un residence, lei è rimast ...Continua
Sillau
Ha scritto il 30/07/18
Mai letto un libro più brutto!
Mi sono fermamente imposta di finirlo, perchè volevo vedere a che livello di idiozia potevano arrivare i protagonisti! Non capisco il senso di un libro del genere, brutto, ma veramente brutto! Frasi ad effetto di una grettezza unica, ma soprattutto i...Continua
cinzia
Ha scritto il 18/07/18
Questo libro mi è piaciuto moltissimo, molto intrigante lo stile narrativo, riesce a far immedesimarsi il lettore nei pensieri dei protagonisti, spietato nella sincerità in cui vengono delineati i flussi di coscienza sia della donna che dell'uomo. St...Continua
Eri 2sb
Ha scritto il 22/05/18
evocativo

il lacerarsi di un amore, di tutti gli amori

Flo
Ha scritto il 05/02/18
Non ci siamo proprio!!

Stavolta la Mazzantini ha toppato. Storia deprimente, quasi da tagliarsi le vene. Abbandonato a metà non sono riuscita a finirlo.

Psboz
Ha scritto il 15/01/18
Io della Mazzantini...

...leggerei anche la lista della spesa, perché scrive troppo bene...
Forse il libro non merita 4 stelle in assoluto.
Ma per me sì.... Toccante.


Debora Piergiovanni
Ha scritto il Mar 13, 2018, 13:49
– Lei pensa di poter pregare per me? – Sì, certo. Ha preso una mano a entrambi, le stringe. Le scuote. – Nessuno si salva da solo.
Pag. 183
Irene
Ha scritto il Jul 17, 2017, 08:46
- Ti ho salvato mille volte, Gaetano. - E io? Non ho mai fatto niente per te? - Hai fatto, a modo tuo. - Ti andava bene quel modo, prima.
Irene
Ha scritto il Jul 17, 2017, 08:43
Non bisognerebbe mai conoscere così bene le persone, sapere la loro provenienza emotiva. Perché tutto si impasta in un uragano di delusione, di senso di morte che si ripete.
Irene
Ha scritto il Jul 17, 2017, 08:27
Mettere a tavola sempre le stesse cose. Basterebbe quello. Per capire che non c'è salvezza. Dovrebbero essere i sapori dei ricordi, sono solo i sapori della noia.
Irene
Ha scritto il Jul 16, 2017, 17:17
Magari fossero riusciti a fermarsi come in quegli scatti. Come si dice? Il ritratto della felicità, ecco, quello. Stampato.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi