Neuromante

Di

Editore: Mondadori (Oscar Classici Moderni, 191)

3.9
(3518)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 278 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Chi semplificata , Francese , Giapponese , Svedese , Lettone , Ceco , Catalano , Polacco , Chi tradizionale , Olandese , Ungherese

Isbn-10: 8804516445 | Isbn-13: 9788804516446 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Sandro Sandrelli , Giampaolo Cossato ; Contributi: Bruce Sterling ; Illustrazione di copertina: Giacomo Callo

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Computer & Tecnologia , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Neuromante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In un mondo in cui le mafie della finanza e dell'elettronica possono tutto, un mondo attraversato da autostrade informatiche e hacker dai poteri neuromantici, si svolge l'avventura violenta e disperata di Case, l'uomo che ha avuto il torto di mettersi contro l'organizzazione sbagliata. Per vendetta lo hanno privato della capacità di connettersi al cyberspazio, isolandolo nella prigione di carne del suo corpo materiale. Ora qualcuno è disposto a offrirgli un'alternativa, a ricostruirgli le sinapsi bruciate. A patto che Case porti a termine un'ultima missione, oltre i limiti del conosciuto...
Ordina per
  • 4

    Molto impegnativo, tutto ciò che serve è del tempo

    è un romanzo allucinante, infinitamente intricato, con sottolivelli di realtà che spesso lasciano spiazzati i lettori meno esperti come me. Serve del tempo per ambientarsi nel cyberspazio, per riuscir ...continua

    è un romanzo allucinante, infinitamente intricato, con sottolivelli di realtà che spesso lasciano spiazzati i lettori meno esperti come me. Serve del tempo per ambientarsi nel cyberspazio, per riuscire ad ascoltarlo e a muoversi in esso senza lasciare troppi pezzi di sé alle spalle. Per me è stata una vera sfida, ammetto di non averlo capito bene< ; non l'ho amato, non nella classica accezione di amore letterario. Lo rileggerò sicuramente, ma richiede impegno e attenzione; ci sono dettagli che non vanno letti frettolosamente, c'è il rischio di venire espulsi dalla rete senza possibilità (né voglia) di ritornarci sfogliando le pagine.
    Lo consiglio vivamente, per piacere o per sfida.

    ha scritto il 

  • 2

    Che fatica!
    Mi ha ricordato qualcosa di Blade runner e qualcosa di Matrix....ma almeno quelli dopo averli visti 2 o 3 volte li ho trovati comprensibili. Non lo rileggerò
    Blade runner &Matrix ...continua

    Che fatica!
    Mi ha ricordato qualcosa di Blade runner e qualcosa di Matrix....ma almeno quelli dopo averli visti 2 o 3 volte li ho trovati comprensibili. Non lo rileggerò
    Blade runner &Matrix

    ha scritto il 

  • 2

    Si prende due stellette e votazione "sufficiente" solo perché l'idea generale e l'ambientazione sono buone e, quando uscì, innovative. Per il resto a me è risultato parecchio noioso e per nulla avvinc ...continua

    Si prende due stellette e votazione "sufficiente" solo perché l'idea generale e l'ambientazione sono buone e, quando uscì, innovative. Per il resto a me è risultato parecchio noioso e per nulla avvincente (x capirci: è più interessante la "Dichiarazione" finale allegata al volume, di Bruce Sterling, del romanzo stesso....).
    Però boh.... visto che è stato parecchio osannato, forse sono io che non l'ho capito. Salvo alcune espressioni descrittive che a volte l'autore inserisce, delle metafore che sono poesia. Ma non bastano a salvare il libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Difícil hablar de Neuromante. No por los ríos de tinta que ha derramado desde 1983, fecha en que su publicó. Lo reconozco. No me he enterado de mucho (la traducción o mi propia incapacidad). No solo d ...continua

    Difícil hablar de Neuromante. No por los ríos de tinta que ha derramado desde 1983, fecha en que su publicó. Lo reconozco. No me he enterado de mucho (la traducción o mi propia incapacidad). No solo durante la lectura, cuando terminé no tuve más remedio que recurrir a resúmenes, a opiniones… Necesitaba conocer qué había leído. Me quedé un poco más tranquilo. La confusión forma parte del estilo de William Gibson. Pese a ello, mi ego de lector se ve tocado. Me he impuesto la obligación de volver a leer, pasado un tiempo, Neuromante. Porque, - aquí viene lo más sorprendente- me ha gustado. Sensaciones hasta ahora solo experimentadas en la poesía y en la lectura de David Foster Wallace (cómo no). No comprender gran parte de lo leído y pese a ello disfrutarlo. Lo poco que he entendido junto a las lecturas complementarias me han permitido encontrarme ante un visionario. Ciberespacio, por ejemplo, es un término que se estima utilizado por vez primera en Neuromante. Una obra de la que todo el ciberpunk es heredera. Matrix inclusive.

    Así que sí, que volveré a leerla

    ha scritto il 

  • 4

    Nutro l'idea che questo romanzo possa essere capito solo da Gibson fino in fondo. Introduce ad un mondo che non esiste senza però aiutare il lettore nel comprendere a fondo tecnologia e strumenti di c ...continua

    Nutro l'idea che questo romanzo possa essere capito solo da Gibson fino in fondo. Introduce ad un mondo che non esiste senza però aiutare il lettore nel comprendere a fondo tecnologia e strumenti di cui non si ha la benché minima comprensione. Nell'ottocento gli scrittori descrivevano ampiamente anche solo un pianoforte perché non erano certi che chi leggesse ne avesse visto uno di quel tipo, in questo romanzo, bè, non è esattamente questa la strada intrapresa.
    A me comunque è piacituo, nel leggerlo mi ha dato proprio l'idea della confusione, del controsenso, che solo un epoca dove ogni logica di natura e di etica vengono stravolte può concretizzare. Forse un romanzo addirittura attuale per certi aspetti. Un capolavoro del genere, senza dubbio, ma per apprezzarlo credo sia davvero necessario amare il Cyberpunk.

    ha scritto il 

  • 0

    Giuro che ce la...

    ... ho messa tutta.
    Quasi 100 pagine su 298, ma davvero non ci capisco niente.
    Ammasso informe di termini cyber, di personaggi che entrano ed escono senza capirne ruoli e importanza, trama confusa, am ...continua

    ... ho messa tutta.
    Quasi 100 pagine su 298, ma davvero non ci capisco niente.
    Ammasso informe di termini cyber, di personaggi che entrano ed escono senza capirne ruoli e importanza, trama confusa, ambientazioni futuristiche di improbabile immaginazione.
    Ammetto la mia inadeguatezza, forse dovuta alla mia età... divento vecchio, sigh !

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Indubbiamente un pilastro del genere, la seconda metà mi ha interessata molto più della prima che, a mio parere, era un tantino lentina. Complesso, ma a volte forse un po' troppo pretenzioso. Ho comun ...continua

    Indubbiamente un pilastro del genere, la seconda metà mi ha interessata molto più della prima che, a mio parere, era un tantino lentina. Complesso, ma a volte forse un po' troppo pretenzioso. Ho comunque amato determinati concetti, come i pupazzi di carne, che mi hanno inquietata in modo profondo.

    "Il corpo era carne. Case era precipitato nella prigione della propria carne"
    "Ma lì, nella notte giapponese, i sogni arrivavano come in un rituale vudù in diretta, e lui urlava, urlava nel sonno, e si svegliava da solo nel buio, raggomitolato nella sua capsula in uno di quegli alberghi bara, con le mani che artigliavano le piastre del letto, la termopiuma serrata tra le dita, cercando di raggiungere una consolle che non c'era"

    ha scritto il 

  • 3

    Meriterà una rilettura

    Ho intrapreso la lettura di questo libro in un periodo piuttosto impegnativo, che non mi ha permesso di leggere più di due o tre pagine per volta e neanche tutte le sere.

    Non sono riuscito così a gode ...continua

    Ho intrapreso la lettura di questo libro in un periodo piuttosto impegnativo, che non mi ha permesso di leggere più di due o tre pagine per volta e neanche tutte le sere.

    Non sono riuscito così a godermi in pieno l'incredibile complessità della scrittura e le variegate sfaccettature date alla trama dal suo visionario autore.

    Spero di rileggerlo in futuro, se mai troverò il tempo di farlo.

    ha scritto il 

Ordina per