Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Never Let Me Go

By Kazuo Ishiguro

(258)

| Paperback | 9780571224142

Like Never Let Me Go ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Kathy, Ruth and Tommy were pupils at Hailsham - an idyllic establishment situated deep in the English countryside. The children there were tenderly sheltered from the outside world, brought up to believe they were special, and that their personal wel Continue

Kathy, Ruth and Tommy were pupils at Hailsham - an idyllic establishment situated deep in the English countryside. The children there were tenderly sheltered from the outside world, brought up to believe they were special, and that their personal welfare was crucial. But for what reason were they really there? It is only years later that Kathy, now aged 31, finally allows herself to yield to the pull of memory and try to make sense of the past. What unfolds is an extraordinarily powerful story in which Kathy, Ruth and Tommy slowly come to realise that it is their seemingly happy childhood that has haunted them ever since, even tainting their adult lives. Part love story, part mystery, "Never Let Me Go" is a uniquely beautiful and troubling novel, charged throughout with a profound emotional depth.

1182 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Identità

    Anni '90. Gran Bretagna.
    Kathy rievoca l'infanzia e la gioventù trascorsa alla scuola Hailsham con Tommy, Ruth e tanti altri ragazzi e ragazze.
    Ma non sono gli anni '90 che abbiamo conosciuto noi (ucronia); qui si parla di assistenti e donatori.
    Co ...(continue)

    Anni '90. Gran Bretagna.
    Kathy rievoca l'infanzia e la gioventù trascorsa alla scuola Hailsham con Tommy, Ruth e tanti altri ragazzi e ragazze.
    Ma non sono gli anni '90 che abbiamo conosciuto noi (ucronia); qui si parla di assistenti e donatori.
    Con la lentezza propria di un ricordo che affiora il racconto è strutturato per analessi .
    Ci sono tanti punti oscuri nel percorso di crescita di questi ragazzi speciali.
    Questa è la storia della consapevolezza di un'identità a lungo tenuta nascosta.

    “A ripensarci, mi rendo conto che stavamo vivendo proprio quell'età in cui cominciavamo ad acquisire una certa consapevolezza- su chi eravamo, su quanto fossimo diversi dai nostri tutori, dalla gente del mondo fuori-ma non avevamo ancora capito cosa significasse.”

    Is this helpful?

    Dagio Maya (scambio solo ebook!) said on Aug 31, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Non è che mi abbia fatto impazzire questo libro. È molto inquietante innanzitutto. Bello in alcuni pezzi, originale senza dubbio, un po' pesante. Bambini allevati solo con lo scopo di donare organi. Bambini che nonostante siano cloni hanno anche lo ...(continue)

    Non è che mi abbia fatto impazzire questo libro. È molto inquietante innanzitutto. Bello in alcuni pezzi, originale senza dubbio, un po' pesante. Bambini allevati solo con lo scopo di donare organi. Bambini che nonostante siano cloni hanno anche loro un anima, dei sogni e delle aspirazioni nella vita. Sognano di avere un lavoro di Avere dei figli, semplicemente di stare più tempo con il loro amore. Ad un certo punto ti offre la speranza che almeno per i due protagonisti ci sia un prolungamento di tempo. Ma poi bruscamente ti toglie ancora quella. Esseri umani come animali da macello. Voto : 3

    Is this helpful?

    Giulia Bett said on Aug 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro meravigliosamente terribile

    Terribile, perché aldilà della storia in sè, evidenzia come basta poco, anche in democrazia, per trasformare un paese in un covo di mostri eugeneticamente meravigliosi quanto disumani. Per me, è un elogio alla democrazia vigile e attenta, oltre ad un ...(continue)

    Terribile, perché aldilà della storia in sè, evidenzia come basta poco, anche in democrazia, per trasformare un paese in un covo di mostri eugeneticamente meravigliosi quanto disumani. Per me, è un elogio alla democrazia vigile e attenta, oltre ad un libro che si legge soffrendo nella sua bellezza.

    Is this helpful?

    Paolopoi said on Aug 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo senza dubbio particolare, parte da un'idea che definirei agghiacciante, ma l'autore te la rappresenta in una maniera delicatissima. Non ci sono grandi svolte nel romanzo e dissentisco da chi lo definisce un romanzo distopico, non c'è disil ...(continue)

    Un romanzo senza dubbio particolare, parte da un'idea che definirei agghiacciante, ma l'autore te la rappresenta in una maniera delicatissima. Non ci sono grandi svolte nel romanzo e dissentisco da chi lo definisce un romanzo distopico, non c'è disillusione nè personaggi che vogliono sovvertire l'ordine delle cose, anzi, tutto sembra scorrere con una naturalezza tale da non stravolgere i sentimenti del lettore, viene in rilievo la delicatezza tipica dei romanzi nipponici, ma si vede anche la nota occidentale dell'autore. L'ho trovato carino, scorrevole, ma non di più di questo

    Is this helpful?

    Adriana said on Aug 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    È difficile scrivere una recensione per libri come questo, che annullano tutto ciò che hai attorno. Come 1984, il libro lascia poco spazio alla speranza.
    Il romanzo è raccontato come flashback dal punto di vista di Kathy. Kathy, insieme a Rut ...(continue)

    È difficile scrivere una recensione per libri come questo, che annullano tutto ciò che hai attorno. Come 1984, il libro lascia poco spazio alla speranza.
    Il romanzo è raccontato come flashback dal punto di vista di Kathy. Kathy, insieme a Ruth, Tommy e tanti altri bambini considerati "speciali" è cresciuta in un istituto immerso nella campagna inglese. Fin da subito capiamo che sì, sono bambini come gli altri, ma hanno un destino già prefissato. Parlare di destino sembra anche sbagliato, visto che il tutto è già stato deciso prima della loro nascita. Li vediamo crescere, da bambini diventare adolescenti e infine giovani adulti. Vivono le stesse esperienze dei loro coetanei ma allo stesso tempo è come se vivessero ogni esperienza della loro vita in modo più intenso, come per prepararsi all'inevitabilità del loro futuro. Per molte pagine pagine non si parla mai del loro futuro, come se ci fosse un tacito accordo, ma quelle parole non dette restano lì e aleggiano sopra di loro.
    Al lettore non viene mai detto nulla troppo chiaramente, e per essere un genere distopico ci sono molte cose non spiegate apertamente e spetta a noi capire quanto macabra sia la società in cui è ambientato il romanzo.
    Non riesco nemmeno a puntare il dito contro perché, forse tra tutti i distopici letti, è quello che si potrebbe avvicinare di più al nostro mondo. Di fronte alla fatidica domanda "quale prezzo saresti disposto a pagare per salvare coloro che ami?" non si può rispondere così alla leggera.
    Sono pagine intense, l'azione è quasi zero ma sono rimasta lo stesso affascinata e commossa da questo modo di raccontare, dalle relazioni personali che si sono create. Le persone "normali" non appaiono praticamente mai, incentrando praticamente tutta la scena su questo mondo.
    Non mi ha lasciato di ottimo umore, effetto collaterale dei romanzi in cui già dall'incipit si capisce che tutto è inutile, però mi ha lasciato giorni interi a meditarci su. Anche per chi non è amante del genere consiglierei di dargli una possibilità.

    Is this helpful?

    Laura said on Aug 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi è piaciuto veramente tanto questo romanzo: non è decollato immediatamente e poi quando lo si finisce si capisce il perché.
    In realtà il lettore sa già come andrà a finire: non ci sono sorprese, non ci sono espedienti che in un qualche modo possano ...(continue)

    Mi è piaciuto veramente tanto questo romanzo: non è decollato immediatamente e poi quando lo si finisce si capisce il perché.
    In realtà il lettore sa già come andrà a finire: non ci sono sorprese, non ci sono espedienti che in un qualche modo possano portare a un finale diverso.
    Neanche l'ultima speranza, quella di allontanare l'inevitabile, risulterà possibile.
    Ed è proprio questa la bellezza del libro: un viaggio psicologico nell'inevitabile con lo sfondo di un futuro agghiacciante.

    Is this helpful?

    Ncy It said on Aug 7, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book