Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Never Let Me Go

By

Publisher: Vintage

3.9
(5665)

Language:English | Number of Pages: 304 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , Japanese , German , French , Italian , Catalan , Latvian , Portuguese , Russian , Swedish

Isbn-10: 1400078776 | Isbn-13: 9781400078776 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Mass Market Paperback , eBook , Others

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Never Let Me Go ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
From the Booker Prize-winning author of The Remains of the Day comes a devastating new novel of innocence, knowledge, and loss. As children Kathy, Ruth, and Tommy were students at Hailsham, an exclusive boarding school secluded in the English countryside. It was a place of mercurial cliques and mysterious rules where teachers were constantly reminding their charges of how special they were.

Now, years later, Kathy is a young woman. Ruth and Tommy have reentered her life. And for the first time she is beginning to look back at their shared past and understand just what it is that makes them special?and how that gift will shape the rest of their time together. Suspenseful, moving, beautifully atmospheric, Never Let Me Go is another classic by the author of The Remains of the Day [예스24 제공]
Sorting by
  • 4

    Delicato, intrigante, suscita interrogativi etici non da poco; e inevitabilmente toccante, anche, perché non lo siamo poi tutti, "donatori" destinati ad esaurire il proprio ciclo, prima o poi questuan ...continue

    Delicato, intrigante, suscita interrogativi etici non da poco; e inevitabilmente toccante, anche, perché non lo siamo poi tutti, "donatori" destinati ad esaurire il proprio ciclo, prima o poi questuanti per un rinvio che non ci verrà concesso?

    said on 

  • 4

    Il cielo è grigio. È sempre grigio. In ogni parola, in ogni gesto, il cielo è grigio. Ogni cosa non detta aleggia nel cielo grigio. È smossa da un vento di inquietudine, di domande, di sensazioni ines ...continue

    Il cielo è grigio. È sempre grigio. In ogni parola, in ogni gesto, il cielo è grigio. Ogni cosa non detta aleggia nel cielo grigio. È smossa da un vento di inquietudine, di domande, di sensazioni inespresse, sentimenti senza il diritto di esplodere. Ho pensato un po' a Blade Runner. Ho pensato alle mille questioni etiche ed esistenziali che questo libro solleva nel suo modo ovattato, lento, come di ricordo lontano. Continuerò a sentire le nuvole ed il vento ancora a lungo, credo.

    said on 

  • 5

    Questo libro mi ha emotivamente distrutto. Credo che i 5minuti che ho passato al termine dell'ultima riga siano stati i più tormentati della mia "vita letteraria".
    Sarà il periodo, sarà la delicatezza ...continue

    Questo libro mi ha emotivamente distrutto. Credo che i 5minuti che ho passato al termine dell'ultima riga siano stati i più tormentati della mia "vita letteraria".
    Sarà il periodo, sarà la delicatezza con cui è scritto, sarà che non lo so...vorrei consigliare a tutti di leggerlo, e magari da domani lo farò, ma il sapere dei suoi effetti collaterali un po' mi frena dal farlo ora. (FATELO!!!!)
    Sconvolgente.

    said on 

  • 2

    A metà tra Murakami (per l’ambientazione e lo stile) e Huxley (per la dimensione etica e fantapolitica) Non lasciarmi è un'allegoria dell'attraversamento della linea d’ombra tra adolescenza ed età adu ...continue

    A metà tra Murakami (per l’ambientazione e lo stile) e Huxley (per la dimensione etica e fantapolitica) Non lasciarmi è un'allegoria dell'attraversamento della linea d’ombra tra adolescenza ed età adulta, un passaggio non a caso raffigurato come una luttuosa perdita di se (il se infantile) e dei compagni (che crescono e quindi, simbolicamente, muoiono). Il titolo originale, non lasciarmi andare via, è una sorta di muta preghiera indirizzata alla divinità che possa concedere la grazia di restare per sempre nel microcosmo dell'adolescenza risparmiandoci il futuro minaccioso in cui il mondo ci farà a pezzi (non solo metaforicamente, in questo caso) assieme ai nostri piccoli e grandi rimpianti.

    Tutto il libro si gioca sulla contrapposizione tra un dentro (la vita ombelicale della scuola di Hailsham) e un fuori vago e nebuloso (ma palesemente letale) di cui niente o quasi viene svelato in ossequio ad una rivelazione finale non così sorprendente da costruirci sopra l'intera narrazione (l’espediente di lasciare a mollo il lettore in un’acqua scura per tutto il libro è piuttosto pericoloso se il finale non ha in serbo un adeguato colpo di scena). Ishiguro indugia troppo sulle sfumature dei sentimenti ma, d'altra parte, la chiave del libro sta proprio nel raccontare l'infinita attesa prima del grande salto, nello studio di tutti gli impercettibili ed enormi moti dell'anima, nell'inutile ricerca della microscopica fessura attraverso la quale svignarsela nuovamente nel proprio guscio d’uovo primordiale.

    said on 

  • 4

    Intenso ma un po' lento

    Di certo il libro ha una buona idea di base, originale e ben sviluppata, ma a mio parere la lettura fatica sempre un po' a prendere il volo.

    said on 

  • 5

    Un romanzo incredibile, intenso e commovente, misterioso e inquietante dall’inizio alla fine! Un intreccio che verrà svelato poco a poco e si rivela sempre più agghiacciante..
    Personaggi palpitanti, s ...continue

    Un romanzo incredibile, intenso e commovente, misterioso e inquietante dall’inizio alla fine! Un intreccio che verrà svelato poco a poco e si rivela sempre più agghiacciante..
    Personaggi palpitanti, struggenti nella loro fragilità… “Forse ognuno di noi a Hailsham nascondeva dei piccoli segreti come quello - minuscoli rifugi fatti di niente dove rimanere soli con le nostre paure e i nostri desideri.”

    scritto il 4 lug 2009

    said on 

  • 2

    Storia di Kathy,Tommy e Ruth prima bimbi e poi giovani,la loro vita prima in un collegio poi in comunità,senza famiglia,ma non perchè orfani,ma perchè creati per la donazione degli organi....e questo ...continue

    Storia di Kathy,Tommy e Ruth prima bimbi e poi giovani,la loro vita prima in un collegio poi in comunità,senza famiglia,ma non perchè orfani,ma perchè creati per la donazione degli organi....e questo lo si comprende man mano che si prosegue la lettura,un po' alla volta si scopre cosa vuol dire "donatore","assistente"parole che compaiono spesso......"siete stati portati in questo mondo con uno scopo preciso,e il vostro futuro,il futuro di ognuno di voi,è già stato deciso..." "...Tra poco lascerete Hailsham,e il giorno in cui dovrete prepararvi per la vostra donazione non è poi così lontano..." Personalmete l'ho trovato un po' noioso

    said on 

  • 4

    不知是不是我比較不浪漫,
    心裡老是想著這些複製人怎麼這麼安於既定的命運,
    既無人逃亡,
    也無人反抗,
    甚至組織軍隊革命,
    為複製人創造新樂園。

    said on 

Sorting by