Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Nexus

Perché la natura, la società, l'economia, la comunicazione funzionano allo stesso modo

By Mark Buchanan

(157)

| Others | 9788804512516

Like Nexus ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Può la geometria salvare l'enigma del comportamento umano? È possibile che unmodello matematico arrivi a spiegare il funzionamento della nostra società?Mark Buchanan illustra i principi fondamentali di un nuovo campo di studi: lateoria Continue

Può la geometria salvare l'enigma del comportamento umano? È possibile che unmodello matematico arrivi a spiegare il funzionamento della nostra società?Mark Buchanan illustra i principi fondamentali di un nuovo campo di studi: lateoria delle reti, la cui tesi fondamentale è che una stessa strutturanascosta è condivisa da tutti i network, e ne regola il comportamento e leinterazioni. E questo significa che Internet, il cervello umano, il sistemaaereoportuale, ma anche i rapporti di conoscenza e i legami di amiciziarispondono alle medesime leggi e si organizzano secondo "nexus", il modelloreticolare che tutte queste realtà hanno in comune.

28 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Davvero interessante. Analizzare il comportamento di un sistema, verificare l'applicazione della legge di potenza e scoprire che ogni sistema naturale, sia un ecosistema, una rete di amicizie, o i geni di un dna, sia una rete piccolo mondo di tipo ar ...(continue)

    Davvero interessante. Analizzare il comportamento di un sistema, verificare l'applicazione della legge di potenza e scoprire che ogni sistema naturale, sia un ecosistema, una rete di amicizie, o i geni di un dna, sia una rete piccolo mondo di tipo aristocratico è davvero stupefacente. E dopo aver scoperto l'architettura sottesa a tutti questi sistemi, pensare di poterne simulare il comportamento di fronte a determinati stress e sconvolgimenti è davvero incredibile.

    Is this helpful?

    Daniele75 said on May 7, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    In realtà darei come voto 2,5. Le prime 100 pagine sono affascinanti e coinvolgenti ma le altre cento si potevano evitare. Se doveva essere così specifico e approfondito l'autore doveva inserire i modelli matematici , così non ha alcun senso. Bastava ...(continue)

    In realtà darei come voto 2,5. Le prime 100 pagine sono affascinanti e coinvolgenti ma le altre cento si potevano evitare. Se doveva essere così specifico e approfondito l'autore doveva inserire i modelli matematici , così non ha alcun senso. Bastava la prima metà del libro a cui avrei dato 4 stelline su 5

    Is this helpful?

    Silvia Liberto said on May 13, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Si tratta di uno di quei libri di cui mi venga da chiedere perché non sia pubblicizzato ovunque, sia perché tratta di argomenti moderni come la teoria delle reti e accenni sulla teoria della complessità che si stanno rivelando le nuove frontiere dell ...(continue)

    Si tratta di uno di quei libri di cui mi venga da chiedere perché non sia pubblicizzato ovunque, sia perché tratta di argomenti moderni come la teoria delle reti e accenni sulla teoria della complessità che si stanno rivelando le nuove frontiere della scienza, sia perché permette di capire certe dinamiche di funzionamento sociale che ti fanno pensare. E oggi come oggi si è perso il gusto della riflessione. In ogni ambito.

    Is this helpful?

    Sendo said on Apr 4, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La teoria del Tutto

    Nemmeno l'atomo più insignificante vive senza rapporti con gli altri esseri creati.Niente è irrelato: niente è separato; tutto è connesso; e il legame tra l'uno e l'altro elemento è così saldo, che non c'è nemmeno la possibilità che qualcuno o ...(continue)

    Nemmeno l'atomo più insignificante vive senza rapporti con gli altri esseri creati.Niente è irrelato: niente è separato; tutto è connesso; e il legame tra l'uno e l'altro elemento è così saldo, che non c'è nemmeno la possibilità che qualcuno o qualcosa resti isolato, in disparte.
    Ermete Trismegisto

    Is this helpful?

    Anthropos Photeinos said on Oct 26, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Analizzare la complessità individuando la 'semplicità'

    Il libro analizza, all'interno della teoria della reti, il modello della rete 'piccolo mondo', introducendo la possibilità che esso colleghi ambiti molto diversi del vivere umano, dal World Wide Web alla struttura del sistema nervoso, dalla formazion ...(continue)

    Il libro analizza, all'interno della teoria della reti, il modello della rete 'piccolo mondo', introducendo la possibilità che esso colleghi ambiti molto diversi del vivere umano, dal World Wide Web alla struttura del sistema nervoso, dalla formazione e conservazione di un'equilibrio all'interno degli ecosistemi alle modalità di diffusione delle epidemie, fino all'elaborazione di spiegazioni della sperequazione economica dominante in tutto il mondo. La teoria è molto semplice e dimostrata da numerosi matematici e fisici, e successivamente messa alla prova da sociologi e psicologi: la struttura fondante la complessità del mondo (umano e non) che ci circonda è costituito da un tasso di aggregazione molto elevato, ossia dalla presenza di numerosi 'nodi' ossia gruppi di elementi appartenenti ad un preciso sistema che sono collegati tra di loro in maniera stretta. Oltre a questa rete cosiddetta lineare, in cui cioè i collegamenti tra un elemento e l'altro si instaura in base alla 'vicinanza' geografica o di altro tipo, esistono dei cd legami deboli, ossia delle relazioni a lunga distanza, solitamente casuali, che forniscono il collante delle relazioni all'interno di un preciso sistema. La presenza di questo modello è utile per comprendere le ragioni dello sviluppo del World Wide Web, e la sua struttura, la quale è organizzata come una rete cd 'aristocratica', ossia caratterizzata da pochi nodi o hub, che raccolgono una quantità elevata di connessioni, e da molti nodi che invece sono scarsamente connessi. Vi sono poi degli iperconduttori, ossia dei nodi che fungono da mediatori essenziali della rete, in quanto trasportano un'elevata quantità di informazioni da una parte all'altra della struttura, stabilendo però dei legami deboli, non forti, tra 'gli estremi' della rete. Tale modello viene poi applicato da Buchanan, sulla base di ricerche svolte da numerosi fisici e scienziati di diverso calibro, alla spiegazione dello sviluppo delle epidemie, come l'Aids, la cui analisi mi ha colpito profondamente per l'acutezza e la capacità di ricostruire la trama che ne ha determinato la diffusione ma anche la possibile 'soluzione' al perenne dilagare della malattia, ossia puntare le tecniche di prevenzione e di educazione sessuale non tanto e non solo su una quantità elevata di persone, ma soprattutto sui cosiddetti iperconnettori, cioè sugli individui che svolgono funzioni essenziali nella trasmissione sessuale del virus. Un altro aspetto particolarmente indagato è l'ambito ecologico, ossia come le continue 'violazioni' agli equilibri naturali, che privilegiano la complessità e la sopravvivenza di molteplici specie, potrebbero comportare numerosi squilibri nella composizione degli ecosistemi, conducendo ad estinzioni di numerose specie essenziali per la vita. Altri campi a cui la rete del piccolo mondo viene applicata sono l'economia, in cui si mette in questione la teoria dell'homo economicus, razionale tout court, ma si prospetta una modalità di interpretazione dell'accumulazione della ricchezza basata invece sulle diverse politiche miranti ad avvantaggiare o a svantaggiare la distribuzione della ricchezza e soprattutto il flusso di denaro all'interno di una società.
    Infine ciò che mi ha colpito molto è stata la necessità percepita da molti fisici di indagare, non in senso riduzionistico bensì onnicomprensivo ma non complicando la realtà che viviamo, la struttura che è alla base del comportamento umano - a livello neurologico, sociale, economico e culturale - per svelarne i meccanismi di base e quindi aiutare a migliorare la vita dell'uomo e la coesistenza tra noi e la natura che ci circonda.

    Is this helpful?

    Elisastrozzi said on Apr 25, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Libro chiaro e fondamentale sulla Teoria delle Reti, rende in grado di capire molte cose che ci circondano, a cui non facciamo caso e di cui ignoriamo ciò che le collega. Libro di apertura mentale.

    Is this helpful?

    Massive X said on Jan 18, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (157)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 275 Pages
  • ISBN-10: 8804512512
  • ISBN-13: 9788804512516
  • Publisher: Mondadori
  • Publish date: 2003-01-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book