Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Ni de Eva ni de Adán

By Amélie Nothomb

(142)

| Softcover | 9788433975010

Like Ni de Eva ni de Adán ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Amélie Nothomb se sube en Tokio a la montaña rusa de una hilarante educación sentimental en brazos del muy delgado y muy oriental Rinri, un ávido lector que sueña con entrar en la orden del Temple. Amélie, decidida a aprender japonés enseñando francé Continue

Amélie Nothomb se sube en Tokio a la montaña rusa de una hilarante educación sentimental en brazos del muy delgado y muy oriental Rinri, un ávido lector que sueña con entrar en la orden del Temple. Amélie, decidida a aprender japonés enseñando francés a los autóctonos, conoce a Rinri en un bar. Pero, pocos días después, la relación entre maestra y alumno dará paso a una hermosa historia de amor. Distintos episodios nos sitúan, una vez más, ante una rica y peculiar visión de Japón, la de alguien nacido allí pero cuyos orígenes son occidentales, y donde la percepción de la alteridad cobra los más variopintos matices. Nothomb analiza sus experiencias desde una perspectiva casi antropológica, nunca exenta de ironía. La diversión está asegurada, pero también la ternura e incluso la melancolía…, porque cuando Nothomb escribe en primera persona fascina, divierte, hace pensar y hace reír. «Los lectores de Amélie no se quejarán ante tan espléndida cosecha Nothomb» (Marianne Payot, L’Express).

465 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Uno zig zag tra la Dacia (Maraini) e la Duras

    Ci sono capitata per caso. Né di Eva né di Adamo, il titolo non l'ho capito. La storia un po' banale, una storia d'amore ambientata in Giappone negli anni 90, in realtà in vero protagonista della storia. Il libro è stato scritto però molti anni anni ...(continue)

    Ci sono capitata per caso. Né di Eva né di Adamo, il titolo non l'ho capito. La storia un po' banale, una storia d'amore ambientata in Giappone negli anni 90, in realtà in vero protagonista della storia. Il libro è stato scritto però molti anni anni dopo, nel 2007 è stata pubblicata la versione originale e si nota lo scarto temporale dei ricordi, il lettore attento può percepire una specie di "discrasia" in certi momenti piuttosto accentuata.
    Il Giappone degli anni novanta il vero oggetto dello sguardo della scrittrice belga, "con le sue contraddizioni e il fascino inestinguibile, con la difficoltà di integrazione degli stranieri e l’incomprensione inevitabile che nasce dalla lingua (tanto distante da qualsiasi idioma occidentale) e interessa ogni ambito della vita." si legge su una recensione di Mangialibri, dove si suggerisce anche che per apprezzare totalmente questo raccontino autobiografico bisognerebbe leggere Metafisica dei tubi (Voland 2002, Guanda 2006), secondo la recensione "bellissimo racconto dei primi anni di vita di Amélie Nothomb, in cui la passione per il Giappone nasce e cresce furibonda, carnale, assoluta." che francamente a me non ha particolarmente colpito.
    Devo dire che anche questo racconto non mi ha preso più di tanto, un po' troppo ego, un po' tanto Nothomb al centro della storia. Un po' una brutta copia della Duras, infatti la cita ad un certo punto anche perché la storia (autobiografica) è ambientata in Giappone, come Hiroshima Mon Amour, ma più che altro per il paragone con l'Amante (e poi l'Amante cinese) della Duras. Ma il confronto non regge, questo "amante giapponese" è distante anni luce dagli "amanti" della Duras. Il modo di scrivere autobiografico mi ha ricordato anche la Maraini, nella prima parte di Bagheria, non tanto per i riferimenti al Giappone, ma per il modo di porsi in termini di narrazione autobiografica. Mi incuriosisce vedere come è stato costruito il film - in uscita in questi giorni in Belgio - dal titolo Tokyo Fiancée di Stefan Liberski.

    Is this helpful?

    Lella58 said on Oct 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nulla di particolare. Leggero, con qualche ambizione d'esser grandioso e in certi passaggi riesce ad attirare l'attenzione e il lettore. Perfetto per un viaggio in metro da capolinea a capolinea.

    Is this helpful?

    said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    http://noodlesjournal.wordpress.com/2008/11/26/ne-di-ev… Mesi fa la socia mi parlava molto bene di questa scrittrice belga che da un po’ di anni pare aver convinto orde di lettori in tutto il mondo. Dopo aver raccolto qua ...(continue)

    http://noodlesjournal.wordpress.com/2008/11/26/ne-di-ev…

    Mesi fa la socia mi parlava molto bene di questa scrittrice belga che da un po’ di anni pare aver convinto orde di lettori in tutto il mondo. Dopo aver raccolto qualche informazione sul web mi decisi a dare una sfogliata ai suoi libri, ed è stato un bel viaggetto in cinque tappe (ho perimetrato solo la sfera dei suoi romanzi autobiografici). A parte qualche prova non del tutto convincente (Sabotaggio d’amore, il primo approdo, rivelava già il suo stile squisito, ma l’intreccio era un po’ ripetitivo, e Biografia della fame che dava la sgradita sensazione di essere un po’ un bignami degli altri romanzi, che insomma la Nothomb ci marciasse un po’ troppo sulla sua biografia).
    Né di Eva né di Adamo, però, è delizioso. Non dico che sia un capolavoro, ma esprime al meglio, con uno stile ormai maturo, tutti i picchi dello stile della scrittrice belga: ironia, piacevole scorrevolezza che deriva anche da una certa padronanza della sintesi, oggi molto gradita (i suoi romanzi son sempre brevi, ma non inspidi come certe opere della Yoshimoto), una capacità di indagare le altre culture nazionali davvero eccellente, che le deriva indubbiamente dalla sua biografia di figlia di diplomatico. Al centro del romanzo una storia d’amore interculturale (appunto) tra Amélie e il suo giovane fidanzato Rinri, con effetti tragicomici derivanti dai fraintendimenti culturali.
    A elevare il piatto alcune indovinati paragrafi che inquadrano il Giappone con la forza e l’immediatezza di uno scatto fotografico sapientemente scelto e una lingua che predilige la citazione colta senza però farsi affossare da una boria intellettuale, avendo cura di costruirgli intorno un controcanto assai piacevole, dagli indubbi risultati ironici.

    Is this helpful?

    Noodles said on Jul 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'unico motivo per cui l'ho (in parte) gradito è il fatto che parla del Giappone, mia passione del momento. E poi scorre, e si aspetta di sapere la fine. Per il resto non mi ha dato granchè. E' anche autobiografico, forse, perchè la scrittrice sembra ...(continue)

    L'unico motivo per cui l'ho (in parte) gradito è il fatto che parla del Giappone, mia passione del momento. E poi scorre, e si aspetta di sapere la fine. Per il resto non mi ha dato granchè. E' anche autobiografico, forse, perchè la scrittrice sembra essere anche la protagonista. Protagonista assoluto è in realtà il suo ego, il suo enorme sè. Il fatto che si mostri saccente, presuntuosa, antipatica pare proprio reale, non la costruzione di un personaggio.

    Is this helpful?

    Brilz said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Confermata nuovamente la mia impressione iniziale: Amélie Nothomb dà il meglio nei suoi racconti autobiografici, mentre i vari romanzi a sfondo più o meno giallo sono di qualche spanna inferiori e assai ripetitivi.

    In questo agile volume si sente t ...(continue)

    Confermata nuovamente la mia impressione iniziale: Amélie Nothomb dà il meglio nei suoi racconti autobiografici, mentre i vari romanzi a sfondo più o meno giallo sono di qualche spanna inferiori e assai ripetitivi.

    In questo agile volume si sente tanto l'emozione di raccontare la sua prima storia d'amore importante con un ragazzo giapponese e non si può che apprezzare il coraggio con cui ne descrive ogni fase con disarmante sincerità e il linguaggio splendidamente evocativo, il suo vero marchio di fabbrica.

    Detto questo, il capitolo della montagna è la prova definitiva che questa donna è matta da legare.

    Is this helpful?

    Gardy said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book