Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ni de Eva ni de Adán

By

Publisher: Anagrama

3.8
(2329)

Language:Español | Number of Pages: 176 | Format: Softcover and Stapled | In other languages: (other languages) French , Italian , English , Catalan , Chi traditional , Polish , German , Czech

Isbn-10: 8433975013 | Isbn-13: 9788433975010 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Others

Category: Biography , Fiction & Literature , Travel

Do you like Ni de Eva ni de Adán ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Amélie Nothomb se sube en Tokio a la montaña rusa de una hilarante educación sentimental en brazos del muy delgado y muy oriental Rinri, un ávido lector que sueña con entrar en la orden del Temple. Amélie, decidida a aprender japonés enseñando francés a los autóctonos, conoce a Rinri en un bar. Pero, pocos días después, la relación entre maestra y alumno dará paso a una hermosa historia de amor. Distintos episodios nos sitúan, una vez más, ante una rica y peculiar visión de Japón, la de alguien nacido allí pero cuyos orígenes son occidentales, y donde la percepción de la alteridad cobra los más variopintos matices. Nothomb analiza sus experiencias desde una perspectiva casi antropológica, nunca exenta de ironía. La diversión está asegurada, pero también la ternura e incluso la melancolía…, porque cuando Nothomb escribe en primera persona fascina, divierte, hace pensar y hace reír. «Los lectores de Amélie no se quejarán ante tan espléndida cosecha Nothomb» (Marianne Payot, L’Express).
Sorting by
  • 3

    Letto in lingua originale, semplice, scorrevole e abbastanza interessante. Mi è servito più come "esercizio linguistico" che come lettura di piacere, ma tutto sommato è un libro discreto. I passaggi p ...continue

    Letto in lingua originale, semplice, scorrevole e abbastanza interessante. Mi è servito più come "esercizio linguistico" che come lettura di piacere, ma tutto sommato è un libro discreto. I passaggi più interessanti quelli che parlano del Giappone e della cultura giapponese.

    said on 

  • 5

    L'ho finito in due giorni,non so perchè mi sono sempre rifiutata di leggere qualcosa di questa scrittrice. L'ho trovato magnifico! Sarà il mio amore per l'Asia, ma tutta la storia mi ha incantata. Non ...continue

    L'ho finito in due giorni,non so perchè mi sono sempre rifiutata di leggere qualcosa di questa scrittrice. L'ho trovato magnifico! Sarà il mio amore per l'Asia, ma tutta la storia mi ha incantata. Non è solo una storia d'amore, è un cammino lento e mentre leggevo l'ho sentito tutto!

    said on 

  • 3

    Forse non ero nel mood giusto, ma non sono riuscita ad apprezzare completamente questo racconto, sopratutto la fine. Si, lo ammetto...in questo caso mi aspettavo il "..e vissero tutti felici e content ...continue

    Forse non ero nel mood giusto, ma non sono riuscita ad apprezzare completamente questo racconto, sopratutto la fine. Si, lo ammetto...in questo caso mi aspettavo il "..e vissero tutti felici e contenti". Bellissime le descrizioni dei paesaggi, del Fuji-san e dell'isola paradisiaca, forse un po' troppo idealizzate alla stregua di un racconto dei viaggi di Gulliver. Mi sarei aspettata più descrizioni anche per tutto il resto: i personaggi, i luoghi. Certo, non è una cartina geografica, ma ho sentito un Giappone distante, quasi non reale, che sicuramente appartiene ad altri tempi che in fondo non sono così lontani. Avrò bisogno di leggere qualcos'altro dell Nthomb per approfondire le sue esperienze.

    said on 

  • 4

    Viva l'abbraccio del samurai...

    Decisamente originale ma abbastanza inverosimile questa dolce storia d'amore fra due cuori di culture così diverse fra loro: in incontro nippo-belga. Piacevole, ironico e curioso, mi ha tenuto buona c ...continue

    Decisamente originale ma abbastanza inverosimile questa dolce storia d'amore fra due cuori di culture così diverse fra loro: in incontro nippo-belga. Piacevole, ironico e curioso, mi ha tenuto buona compagnia.

    said on 

  • 4

    Se stai morendo, scappa. Se stai soffrendo, datti una mossa. Non esiste altra legge che il movimento.

    https://valeriademattei.wordpress.com/2015/05/13/se-stai-morendo-scappa-se-stai-soffrendo-datti-una-mossa-non-esiste-altra-legge-che-il-movimento/

    said on 

  • 4

    E’ la prima volta che leggo un romanzo di Amélie Nothomb, l’ho sempre scansata temendo che scrivesse libri stravaganti e surreali.
    Invece almeno in questo caso mi sono dovuta ricredere. “né di Eva né ...continue

    E’ la prima volta che leggo un romanzo di Amélie Nothomb, l’ho sempre scansata temendo che scrivesse libri stravaganti e surreali.
    Invece almeno in questo caso mi sono dovuta ricredere. “né di Eva né di Adamo”, nonostante il titolo quantomeno incomprensibile, mi è molto piaciuto.

    L’autrice narra la sua relazione, quando era appena ventenne, con un bellissimo ragazzo di nome Rinri.

    A Tokyo, Amélie si trova nella necessità di impartire delle lezioni di lingua francese per guadagnare qualcosa. In questo modo incontra Rinri, un giovane giapponese benestante, che a sua volta la aiuta ad esercitare la lingua giapponese. Presto i due giovani iniziano una relazione amorosa. I sentimenti dei due ragazzi non sono però gli stessi: per l’autrice, il giovane è una piacevole compagnia, talvolta anche bizzarra, considerato che la cultura giapponese è profondamente diversa da quella Occidentale. Le intenzioni di Rinri, al contrario, sono molto serie e improntate ad un possibile matrimonio.

    La protagonista può apparire a tratti seccante, una specie di super donna quando, ad esempio, si vanta di scalare da sola il Fujiyama e quasi ci lascia le penne. a tratti pare invece una sradicata canzonata dai genitori di Rinri, nata a Kobe ma originaria del Belgio, un Paese che i giapponesi non riescono a individuare sulle mappe. A parte questo, il libro è ricco di aneddoti e informazioni sul Giappone ( sono andata a cercarmi cosa fosse un kotatsu e ho scoperto un sacco di cose interessanti) ed è molto scorrevole.

    Penso che proseguirò con “Stupore e tremori” di Amélie Nothomb, questa autrice non mi mette più soggezione :-)

    Consiglio di Lorena del gruppo Bookaholic per marzo 2015

    said on 

Sorting by