Niceville

Di

Editore: Longanesi (La Gaja Scienza)

3.0
(484)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Polacco

Isbn-10: 8830431826 | Isbn-13: 9788830431829 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: M. Fiume

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Mistero & Gialli

Ti piace Niceville?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Benvenuti a Niceville, una piccola cittadina del Sud degli Stati Uniti, circondata dal verde delle colline, popolata di alberi e di antiche ville coloniali... E abitata dal male. Nelle sue strade deserte, illuminate dalla luce seppiata del pomeriggio che inonda prati perfettamente curati, da anni ormai troppa gente sparisce nel nulla.
Come Rainey Teague, di appena dieci anni, che la madre aspetta invano di veder spuntare lungo il vialetto di casa, strascicando i piedi come ogni giorno dopo la scuola. Quando scatta l’allarme della sua scomparsa, la polizia si mobilita in massa, anche se non c’è nessun indizio da seguire. O quasi.
Perché a Niceville ogni famiglia nasconde un segreto.
La scomparsa di Rainey è soltanto il primo anello di una catena di avvenimenti che nel giro di sole trentasei ore travolgeranno la vita di molte persone. Soprattutto quella di Nick Kavanaugh, un poliziotto con un lato oscuro, e di sua moglie Kate, appartenente a una delle più antiche famiglie di Niceville.
Una realtà agghiacciante sta per riemergere, e nessuno può far nulla per impedirlo. Perché a Niceville niente rimane sepolto per sempre.
Ordina per
  • 4

    All'improvviso il Nulla

    Scoppiettante, pregno, adrenalinico esordio della trilogia di Niceville. Un po' di soprannaturale di troppo che strizza l'occhiolino al Re.
    Inatteso o forse fin troppo annunciato Niceville irrompe nel ...continua

    Scoppiettante, pregno, adrenalinico esordio della trilogia di Niceville. Un po' di soprannaturale di troppo che strizza l'occhiolino al Re.
    Inatteso o forse fin troppo annunciato Niceville irrompe nel panorama della letteratura Thriller come un Rinoceronte. Carica a testa bassa con la potenza e l'irruenza di una lettura tutta muscoli, benzina e polvere da sparo. E con la medesima tracotanza cavalca l'onda dell'ignoto, del male assoluto, dello scontro tra forze che travalichino il reale per sconfinare nel metafisico.
    Spettacolari i personaggi, soprattutto i cattivi, serrato il ritmo, infiniti i colpi di scena. Una lettura "facile" per chi non ha tempo da perdere e richieda ad ogni capitolo una fine, una emozione e una promessa.

    ha scritto il 

  • 4

    4-
    Mi ha ricordato un po le ambientazioni kinghiane e devo dire che la storia in se mi è piaciuta molto e anche lo spessore dei personaggi, soprattutto i cattivi ;) Forse non ha retto il paragone col ...continua

    4-
    Mi ha ricordato un po le ambientazioni kinghiane e devo dire che la storia in se mi è piaciuta molto e anche lo spessore dei personaggi, soprattutto i cattivi ;) Forse non ha retto il paragone col grande King ma è stato comunque un bel libro!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Un misto di giallo e poliziesco che ti incolla alle pagine tenendoti con il fiato sospeso, accompagnandoti lentamente alla scoperta di cosa si cela veramente dietro il mistero. L'ho letto tutto d'un f ...continua

    Un misto di giallo e poliziesco che ti incolla alle pagine tenendoti con il fiato sospeso, accompagnandoti lentamente alla scoperta di cosa si cela veramente dietro il mistero. L'ho letto tutto d'un fiato

    ha scritto il 

  • 3

    Storia carina con vaghi (molto vaghi) richiami alle atmosfere di Stephen King ma senza la decadenza tipica delle sue cittadine di provincia e con la mancanza del buio profondo dell’anima di alcuni suo ...continua

    Storia carina con vaghi (molto vaghi) richiami alle atmosfere di Stephen King ma senza la decadenza tipica delle sue cittadine di provincia e con la mancanza del buio profondo dell’anima di alcuni suoi personaggi e l’accurata introspezione di tutti gli altri.
    Il male descritto da Stroud Carsten è solo in superfice, non raggiunge gli abissi del re.
    Stranamente mi ha ricordato anche I peccati di Peyton Place.
    L’uso dei continui cambi di POV alimenta il mistero e svela i segreti piano piano, intrecciandoli gli uni agli altri.
    A volte si dilunga un po’ troppo in inutili scene descrittive che rischiano di farlo diventare noioso.
    Alla fine di questo capitolo rimangono irrisolti diversi misteri, però s’intravede dove vuole andare a parare e ciò mi fa chiedere: erano necessari tre capitoli?
    Non mi resta che vedere.

    ha scritto il 

  • 3

    Bisogna precisare che questo è il primo libro della trilogia e non il secondo o addirittura terzo come erroneamente qualche utente ha scritto nelle recensioni.
    In effetti concordo con altri utenti che ...continua

    Bisogna precisare che questo è il primo libro della trilogia e non il secondo o addirittura terzo come erroneamente qualche utente ha scritto nelle recensioni.
    In effetti concordo con altri utenti che il libro richiama molto le atmosfere dei libri di Stephen King, specialmente nel paese che fa da sfondo alle vicende, al passato oscuro che alleggia nella comunità, nel mistero che avvolge alcuni fatti di cronaca e ambientazioni, e nella variegata rappresentazioni dei personaggi molto caratterizzati.
    La vicenda si dipana in modo scorrevole con anche dei picchi di suspence, intrecciando varie storie, anche se più che altro rimane quella centrale interessante, cioè quella riguardante la scomparsa delle varie persone e cosa c'è dietro a tutto questo.
    Alla fine tutte le varie vicende in qualche modo si canalizzano verso una loro conclusione anche se una fine non c'è proprio, perché il libro richiama ad un inevitabile seguito per dare una possibile conclusione al tutto. Forse a volte si rischia di perdere il filo del racconto, anche per i numerosi personaggi che si affacciano, e le varie storie ci si chiede dove vadano a parare, ma comunque è un libro che consiglio agli amanti del genere mistero e della narrativa fantastica.

    ha scritto il 

  • 3

    mix di poliziesco, soprannaturale, horror, thriller piuttosto ben riuscito. Un bel calderone di storie e personaggi che si intersecano in modi violenti.
    Bella lettura in conclusione, anche se, essendo ...continua

    mix di poliziesco, soprannaturale, horror, thriller piuttosto ben riuscito. Un bel calderone di storie e personaggi che si intersecano in modi violenti.
    Bella lettura in conclusione, anche se, essendo il primo voluime di una trilogia, la conclusione è parziale :)
    Lascia con la voglia di continuare, e questo è sempre un bel segnale.
    Gran bei cattivi e buoni di spessore, cosa rara in questo genere.

    ha scritto il 

  • 3

    Gli specchi? meglio romperli!

    Profondo sud degli Stati Uniti dove ancora non sono del tutto sopiti usi, idee e situazioni che risalgono alla guerra di secessione americana; in una cittadina dal nome simpatico accadono dei fatti in ...continua

    Profondo sud degli Stati Uniti dove ancora non sono del tutto sopiti usi, idee e situazioni che risalgono alla guerra di secessione americana; in una cittadina dal nome simpatico accadono dei fatti inspiegabili che si intrecciano con al vita di routine di tutta la comunità degli abitanti.
    All’apparenza ci troviamo di fronte a ville con sentieri alberati, negozi, strade e appartamenti tipici di una qualsiasi città di uno stato del Sud, ma in realtà sono tanti i lati oscuri che coinvolgono, in uno strano puzzle, molte persone più o meno stimate che intrecciano le loro vicissitudini facendone scaturire delitti a volte misteriosi e non immediatamente percepibili dalla mente umana. Molta gente nasconde, al riparo della sua vita privata, terribili ossessioni compulsive e scheletri nei propri armadi tali da indurli a perpetrare malvagità e sconcezze di ogni tipo; un mistero, inoltre, avvolge la “graziosa” cittadina: l’elevato numero di persone scomparse nel corso di quasi un secolo per la maggior parte della quale non emerge soluzione alcuna. Queste persone, che hanno in comune lontane parentele e fatti risalenti a epoche passate, scompaiono in maniera anomala come volatilizzate o come disintegrate all’improvviso.
    Un romanzo con molti personaggi protagonisti che miscela thriller, poliziesco, spionaggio e fantasy – horror con risultati non proprio esaltanti…il puzzle potrebbe essere completato ma mancano delle tessere e alcune di loro appartengono ad altri schemi di gioco. L’eccesso di protagonisti e le storie che spesso sono impregnate di surreale, tende a confondere il lettore, almeno il sottoscritto, e rende la lettura un po’ pesante. Si può leggere ma bisogna avere molta pazienza e memoria interpretativa.

    ha scritto il 

  • 4

    Nic evil le

    I personaggi che si muovono in questa trama horror giallo thriller sono tanti ma tutti abbastanza ben caratterizzati. Essendo una trilogia (l'ennesima) il finale rimanda alla lettura del secondo capit ...continua

    I personaggi che si muovono in questa trama horror giallo thriller sono tanti ma tutti abbastanza ben caratterizzati. Essendo una trilogia (l'ennesima) il finale rimanda alla lettura del secondo capitolo.

    ha scritto il 

  • 2

    Molta suspance. Su questo niente da dire. Ma la vicenda non mi ha appassionata per il genere . L'ho voluto leggere senza documentarmi con le recensioni e sinceramente non era ciò che mi sarei aspettat ...continua

    Molta suspance. Su questo niente da dire. Ma la vicenda non mi ha appassionata per il genere . L'ho voluto leggere senza documentarmi con le recensioni e sinceramente non era ciò che mi sarei aspettata di trovare. Soprattutto l'inclinazione "fantasy" della storia.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per