Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Niente di grave

Di

Editore: Frassinelli

3.5
(100)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 183 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: 8876848282 | Isbn-13: 9788876848285 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Viale

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Niente di grave?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Justine Lévy, figlia del filosofo Bernard-Henry Lévy, ripercorre e trasfiguranella narrazione reali vicende autobiografiche: l'amore per Adrien (al secoloRafhaël Enthoven), nato nell'adolescenza e proseguito nell'età adulta,l'incontro di Adrien con la bellissima Paula, famosissima top-model e amantedel padre (Carla Bruni), la disperazione di chi ha perso l'amore della vita eche ora si lascia vivere senza vivere, attende sapendo che non c'è nulla daattendere.
Ordina per
  • 2

    Che lagna

    Eccerto deludente! Mi aspettavo i retroscena gustosi di uno dei celebri androscippi di Carlà e invece ho trovato un lungo, troppo lungo (e pensare che l'ho anche mollato a metà!) sfogo lagnoso e vendicativo. Vendicativo ci stava pure, così lagnoso no. Uno sfogo stile "Ah quanto ho sofferto, quant ...continua

    Eccerto deludente! Mi aspettavo i retroscena gustosi di uno dei celebri androscippi di Carlà e invece ho trovato un lungo, troppo lungo (e pensare che l'ho anche mollato a metà!) sfogo lagnoso e vendicativo. Vendicativo ci stava pure, così lagnoso no. Uno sfogo stile "Ah quanto ho sofferto, quanto soffro ancora, ma non badate a me, anche se lo sto scrivendo su un libro che venderà tantissimo!".

    ha scritto il 

  • 0

    Hé bien moi j'ai énormément aimé ce livre! Je l'ai même lu plusieurs fois.. Le style de cette fille est unique. Les phrases sont infiniment longues, pas le temps de prendre sa respiration, les pages se tournent les unes après les autres et chassent une quelconque envie d'arrêter de lire. Mes page ...continua

    Hé bien moi j'ai énormément aimé ce livre! Je l'ai même lu plusieurs fois.. Le style de cette fille est unique. Les phrases sont infiniment longues, pas le temps de prendre sa respiration, les pages se tournent les unes après les autres et chassent une quelconque envie d'arrêter de lire. Mes pages étaient recouvertes de crayon à papier pour tous les morceaux d'histoire à retenir. Eclats de beauté.. Non vraiment, magnifique!

    ha scritto il 

  • 2

    la scrittrice mi ha incuriosito. sicuramente una persona intelligente. Il libro è piuttosto drammatico in alcuni punti alquanto terribile. Parla di aborto terapeutico che la protagonista si deve fare perchè non si è accorta dell'avanzata gravidanza. Non mi è piaciuto però sono riuscita a finirlo< ...continua

    la scrittrice mi ha incuriosito. sicuramente una persona intelligente. Il libro è piuttosto drammatico in alcuni punti alquanto terribile. Parla di aborto terapeutico che la protagonista si deve fare perchè non si è accorta dell'avanzata gravidanza. Non mi è piaciuto però sono riuscita a finirlo

    ha scritto il 

  • 3

    Carlà, tiè!

    Letto in un'oretta in biblioteca. Lei è quasi un luogo comune vivente: francese, ricca, figlia e moglie di un filosofo, nevrotica, impasticcatissima, madre mancata. Il marito la molla per Carla Bruni, che poi lo mollerà per Sarkozy. Ubi maior...
    Lei scrive questo libro, vince premi, si sfog ...continua

    Letto in un'oretta in biblioteca. Lei è quasi un luogo comune vivente: francese, ricca, figlia e moglie di un filosofo, nevrotica, impasticcatissima, madre mancata. Il marito la molla per Carla Bruni, che poi lo mollerà per Sarkozy. Ubi maior...
    Lei scrive questo libro, vince premi, si sfoga. Lo stile è nevrotico e la conta delle anfetamine ingurgitate tiene banco per quasi tutto il libro. E poi c'è Pablo, il nuovo amore, azzerbinato abbestia. Chissà chi glielo fa fare...
    Che dire, avrà avuto ragione Musset: bisogna vivere male per scrivere bene. Certo è che la depressione ha dato a Justine lo slancio che le mancava per sfondare come scrittrice.

    ha scritto il 

  • 3

    Bello. La scrittura della Levy è ciò che soprattutto tiene con il fiato sospeso. Una narrazione autobiografica impostata come una conversazione, che a volte salta di palo in frasca ma sempre secondo logiche stringenti e che seguiamo incantati come fosse il Pifferaio magico. Si beve tutto d'un fia ...continua

    Bello. La scrittura della Levy è ciò che soprattutto tiene con il fiato sospeso. Una narrazione autobiografica impostata come una conversazione, che a volte salta di palo in frasca ma sempre secondo logiche stringenti e che seguiamo incantati come fosse il Pifferaio magico. Si beve tutto d'un fiato questo libriccino e se, a un certo punto, ti viene da pensare che l'autrice/protagonista si stia facendo un po' troppe "seghe mentali" subito trovi l'autoironia e l'autocritica che ti permettono di apprezzarla anche umanamente. Alla fine mi sono anche affezionata a questa "povera ragazza ricca". Non disprezzabile inoltre il risvolto gossip della storia dove Paula è Carla Bruni, Adrien è Raphael Enthoven, prima marito della Levy e poi della Bruni, e il padre della protagonista è il famoso Bernard-Henri Lévy, intellettuale francese di primo piano.

    ha scritto il