Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Niente di nuovo sul fronte occidentale

By Erich Maria Remarque

(47)

| Others

Like Niente di nuovo sul fronte occidentale ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

358 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Magistrale

    bellissimo libro su quella che è stata la "macelleria" della prima guerra mondiale...purtroppo sempre attuale

    Is this helpful?

    Stefano Nassetti said on Sep 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo

    La crudezza e lo sguardo di chi ha vissuto davvero e di chi ha capito l'annullamento del soldato in guerra.

    Is this helpful?

    Laura said on Sep 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non si può leggere "Niente di nuovo sul fronte occidentale" se non si é mai stati a Redipuglia, o in un luogo simile. Non sto pensando alla monumentale scalinata ricavata sul fianco di una montagna, che ospita i corpi di centomila caduti e che fa cos ...(continue)

    Non si può leggere "Niente di nuovo sul fronte occidentale" se non si é mai stati a Redipuglia, o in un luogo simile. Non sto pensando alla monumentale scalinata ricavata sul fianco di una montagna, che ospita i corpi di centomila caduti e che fa così impressione anche soltanto scivolandoci accanto in automobile: in questo momento ho in mente le trincee del Colle S. Elia, un luogo dove bisogna chiudere gli occhi e provare a immaginare i lampi dell'artiglieria, il fragore assordante delle bombarde, gli odori di una intera umanità macellata.

    Non é questione di retorica pacifista, non so se lo definirei - come é spesso accaduto - un "manifesto": é evidente che Remarque ha dato vita a personaggi che riescono perfettamente a esprimere l'assurdità e l'orrore di ogni conflitto, ma al centro di tutto, in questo romanzo come non mai, c'è l'Uomo. Gli eventi sono reali, certo, ma vengono raccontati dalla voce narrante in una prospettiva del tutto personale: una prospettiva che viene implicitamente criticata quando il protagonista ritorna a casa in licenza, ed un connazionale invasato gli fa notare che la sua non è una visione di insieme, che non gli è chiaro il contesto. Impossibile non pensare ad Ungaretti.

    È proprio così: soffriamo, ci indigniamo, stiamo male insieme al protagonista e ai suoi compagni d'arme, esattamente come ascoltavamo le storie del fronte dai nostri nonni, ed é uno struggimento che rende il racconto assolutamente personale, sganciato dai percorsi della storia che - Remarque é grande nel sottolinearlo - è composta da milione di piccole Storie.

    Asciutto, emotivamente intenso, ricchissimo di spunti di riflessione: "Niente di nuovo sul fronte occidentale" è un romanzo da leggere, anche soltanto per le ultime dieci righe, annoverabili fra i migliori finali di tutti i tempi della letteratura mondiale.

    http://www.masedomani.com/2014/09/08/recensione-niente-…

    Is this helpful?

    Alfonso76 said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nessuna valutazione. Troppo drammatico per definirlo solo bello. Erano anni che avrei dovuto leggerlo ma la lettura è arrivata nel tempo in cui si celebra il centenario dello scoppio della prima guerra mondiale. La voce narrante, Paolo di vent'anni, ...(continue)

    Nessuna valutazione. Troppo drammatico per definirlo solo bello. Erano anni che avrei dovuto leggerlo ma la lettura è arrivata nel tempo in cui si celebra il centenario dello scoppio della prima guerra mondiale. La voce narrante, Paolo di vent'anni, ti porta in trincea e quello che più colpisce oltre alla devastazione che la guerra è in sé, soprattutto agli occhi di un giovane, è che essa porta via con sè tutto, anche la vita interiore. Più volte ritorna nel libro questo aspetto. Prima la cultura imparata sui banchi di scuola appare inutile chiacchiericcio, poi le convenzioni e anche i valori insignificanti di una società che manda in trincea gli alunni di una classe, il proprio futuro, le proprie speranze.
    I sentimenti reggono, il cameratismo obbligato, le amicizie che rimangono sono l'ultima certezza prima della fine.

    La lettura è scorrevole perché il testo è scritto bene, ma il contenuto inchioda, abbatte, e mette di fronte all'assurdità della guerra, cosa che oggi nel mondo ancora non si capisce.

    La mia recensione è disponibile qui:

    http://www.criticaletteraria.org/2014/09/niente-di-nuov…

    Is this helpful?

    BetaFi said on Sep 1, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Stupenda, mite rappresentazione degli orrori della prima G.M., vista, narrata, cogli occhi di un giovanissimo coscritto, che racconta in modo realistico quell'orribile, inutile evento, alidila' di ogni retorica. Uno sguardo dal basso, che fa giustizi ...(continue)

    Stupenda, mite rappresentazione degli orrori della prima G.M., vista, narrata, cogli occhi di un giovanissimo coscritto, che racconta in modo realistico quell'orribile, inutile evento, alidila' di ogni retorica. Uno sguardo dal basso, che fa giustizia di ogni retorica e ipocrisia, attraverso un tessuto narrativo di grande effetto emotivo. Il sangue, i corpi dilaniati, l'impossibilita' di farsene una ragione. Si sente il cuore meravigliato degli ultimi , degli umili, mandati a morire per disvalori ammantati di retorica. La narrazione si mantiene salda su un livello descrittivo che mostra la realta' nella sua totale bruttura, senza rinunciare alla pieta' e all'ironia.

    Is this helpful?

    Romeomuratori said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ormai un classico

    Desideravo rileggere questo libro incontrato ormai molti anni fa alle scuole medie. Mi pare una lettura molto pertinente rispetto al centenario della Grande Guerra, e così è parso anche a radio3 che ha pensato di proporlo nella trasmissione "Ad alta ...(continue)

    Desideravo rileggere questo libro incontrato ormai molti anni fa alle scuole medie. Mi pare una lettura molto pertinente rispetto al centenario della Grande Guerra, e così è parso anche a radio3 che ha pensato di proporlo nella trasmissione "Ad alta voce". Ritratto disincantato di un giovane cui come molti altri fu rubata violentemente la spensieratezza. Stile secco e crudo, molto efficace. Emblematico l'incontro-scontro con il "nemico francese" durante la ricognizione.

    Is this helpful?

    Maestrolu said on Aug 18, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book