Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Niente di vero tranne gli occhi

Di

Editore: Mondolibri su licenza Baldini Castoldi Dalai

3.5
(7983)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 431 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo , Francese , Inglese

Isbn-10: A000224809 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Copertina morbida e spillati , Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Niente di vero tranne gli occhi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Due stelline e mezzo... ma solo perché continuo a confrontarlo con Io uccido.

    Seguendo la scia dell'entusiasmo che mi ha lasciato la lettura di "Io uccido" ho pensato di leggere anche questo libro. E' ben scritto ed è molto originale e allo stesso tempo inquietante l'idea di ut ...continua

    Seguendo la scia dell'entusiasmo che mi ha lasciato la lettura di "Io uccido" ho pensato di leggere anche questo libro. E' ben scritto ed è molto originale e allo stesso tempo inquietante l'idea di utilizzare i Peanuts. Anche l'intervento di situazioni paranormali mi e' piaciuto, lo scrittore non era di certo obbligato ad essere completamente realista. Tuttavia non posso dire che mi sia piaciuto come "Io uccido", non l'ho trovato molto diverso rispetto ad altri thriller americani. ma soprattutto non mi hanno convinto particolarmente i personaggi principali. Il compianto Faletti si è messo l'impegno a creare personaggi che rasentano la perfezione. bellissimi intelligentissimi con un conto in banca niente male. Sembrano usciti da una soap opera Californiana e come tali non è sempre facile ritenerli simpatici. Per chi ama il genere è un romanzo godibile.

    ha scritto il 

  • 5

    Appoggiò la testa alla sua spalla e rimase a odorare e adorare quel piccolo miracolo rappresentato dalla propria pelle contro quella di lui. Le piaceva immaginare che qualcuno, forse un alchimista gen ...continua

    Appoggiò la testa alla sua spalla e rimase a odorare e adorare quel piccolo miracolo rappresentato dalla propria pelle contro quella di lui. Le piaceva immaginare che qualcuno, forse un alchimista geniale e ruffiano, avesse fabbricato di proposito le loro epidermidi con elementi fatti apposta per funzionare l'uno da richiamo per l'altro. Poi, aveva atteso paziente il loro incontro per avere la conferma del successo della sua opera. Il suo sorriso di trionfo era diventato il loro sorriso. Fra lei e Connor c'erano parole e rispetto e ammirazione e talvolta una forma di pudore di fronte alle rispettive collocazioni nel mondo, però Maureen non poteva fare a meno di rabbrividire di piacere a ogni abbraccio, che aveva dentro di sé quella perfezione che solo la casualità può creare.

    ha scritto il 

  • 4

    Avevo sempre adocchiato Faletti in libreria, ma ogni volta avevo rimandato.
    A dire il vero, avrei voluto cominciare con "Io uccido", ma mi è capitato prima questo tra le mani, e visto che la questione ...continua

    Avevo sempre adocchiato Faletti in libreria, ma ogni volta avevo rimandato.
    A dire il vero, avrei voluto cominciare con "Io uccido", ma mi è capitato prima questo tra le mani, e visto che la questione 'Peanuts' mi aveva sempre incuriosita un sacco (adoro i Peanuts!!!), ho deciso di non lasciarmelo sfuggire!
    E devo dire che lo stile di Faletti mi è piaciuto molto più di quanto mi aspettassi! **
    Il libro si lascia leggere facilmente, Faletti è bravo a creare personaggi, a farli muovere e a dare loro una storia, riuscendola a intrecciare a chilometri e chilometri di distanza, con tanto di oceano nel mezzo.
    Mi spiace un po' per il finale, a dire il vero, che secondo me non è al livello del resto del libro. Ci sono passaggi e sequenze - così come tutto lo spiegone - che potevano essere resi meglio, anche perché non avrei mai indovinato l'assassino e quindi il fattore sorpresa era iniziato benissimo.
    Ma ciò che mi spiace di più è di aver scoperto tardi questo scrittore. Troppo tardi.
    Però, come si dice? Scripta manent. E vedrò di recuperare di sicuro "Io uccido".

    ha scritto il 

  • 3

    Bello.
    è il primo romanzo di Faletti che leggo e mi è piaciuto molto.
    molto coinvolgente, incalzante, uno stile narrativo facile e accattivante .
    Qualche perplessità sulla storia che è poco verosimile ...continua

    Bello.
    è il primo romanzo di Faletti che leggo e mi è piaciuto molto.
    molto coinvolgente, incalzante, uno stile narrativo facile e accattivante .
    Qualche perplessità sulla storia che è poco verosimile però ricca di spunti di riflessione

    ha scritto il 

  • 4

    Per quanto ambientato tra la gente "bene" e sempre senza problema di soldi, e con un massiccio apporto di riferimenti sessuali all'inizio (ma niente di volgare, tutto leggibilissimo, ma non lo consigl ...continua

    Per quanto ambientato tra la gente "bene" e sempre senza problema di soldi, e con un massiccio apporto di riferimenti sessuali all'inizio (ma niente di volgare, tutto leggibilissimo, ma non lo consiglierei ad adolescenti) il giallo regge bene, è scritto benissimo e si divora. La tematica e la logica possono non piacere a tutti, ma a me si. Mi ha convinto davvero!

    ha scritto il 

Ordina per