Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Nix

By Elisabetta Ossimoro

(68)

| Paperback | 9788897040378

Like Nix ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nix non è un serial killer, non è un mago e nemmeno un vampiro. Nix ha diciannove anni, un fascino spiazzante e una fidanzata molto bionda. Ha due amici carissimi, Ermanno e Ottilia, con cui affronta le piccole tragedie quotidiane dell’ultimo anno di Continue

Nix non è un serial killer, non è un mago e nemmeno un vampiro. Nix ha diciannove anni, un fascino spiazzante e una fidanzata molto bionda. Ha due amici carissimi, Ermanno e Ottilia, con cui affronta le piccole tragedie quotidiane dell’ultimo anno di liceo. Ha incubi ricorrenti, che lo perseguitano ogni notte.
Nix sa moltissimo e parla poco, avanza verso la Maturità con un’eleganza talmente naturale da sembrare studiata, trova il bene e il male nei posti più improbabili, ha reazioni imprevedibili nei contesti più strani.
Intorno a lui si muove un mondo di scuola, compiti, gite scolastiche, supposti intellettuali, presunti idioti, parenti stretti, creature evanescenti, professori sull’orlo di una crisi di nervi, opere d’arte, oggetti inanimati, storie d’amore che iniziano e finiscono.
Le sue poche parole affilate dissacrano le istituzioni, cercano un’eternità possibile in quel circo di luoghi comuni che è la fine dell’adolescenza. Vano è ogni tentativo di comprendere il perché della sua inquietudine, del precoce disincanto e dell’immagine troppo sfocata che ha del suo domani. Ma chissà… forse, prima dell’ultimo atto, arriverà una risposta.

43 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo breve ma intenso, scritto molto bene con uno stile scorrevole ma ricercato. Racconta l'ultimo anno di liceo di alcuni ragazzi ma non è il solito romanzo adolescenziale. Mi è piaciuto molto anche il rapporto del protagonista con la sorellin ...(continue)

    Un romanzo breve ma intenso, scritto molto bene con uno stile scorrevole ma ricercato. Racconta l'ultimo anno di liceo di alcuni ragazzi ma non è il solito romanzo adolescenziale. Mi è piaciuto molto anche il rapporto del protagonista con la sorellina.

    Is this helpful?

    M Veronica said on Jun 23, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'ho letto durante un viaggio di ritorno da Milano, molto veloce e fresco, nel leggerlo è più che evidente la giovane età della scrittrice e la sua inesperienza, cosa che non pregiudica il mio giudizio. Carina la storia che mi riporta ...(continue)

    L'ho letto durante un viaggio di ritorno da Milano, molto veloce e fresco, nel leggerlo è più che evidente la giovane età della scrittrice e la sua inesperienza, cosa che non pregiudica il mio giudizio. Carina la storia che mi riporta indietro di vent'anni, anche se io non ho avuto la maturità in centesimi, ma in sessantesimi. Se ho ben interpretato la fine è proprio la fine.

    Is this helpful?

    tunas74 (scambio solo ebook) said on May 19, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo che, come mi succede sempre più spesso di dire, avrebbe meritato ben altra visibilità. Perché riesce a inserirsi in un genere, vogliamo chiamarlo young adult, toccandone i punti classici senza scadere nella banalità delle produzioni più g ...(continue)

    Un romanzo che, come mi succede sempre più spesso di dire, avrebbe meritato ben altra visibilità. Perché riesce a inserirsi in un genere, vogliamo chiamarlo young adult, toccandone i punti classici senza scadere nella banalità delle produzioni più gettonate. Nicodemo Orsini è un personaggio che resta nella memoria, che vorrebbe essere antipatico e respingente e, proprio per questo, affascina da subito. Perché è bello, ha successo con le donne, ma ha occhi e cuore e anima troppo sensibili per non andare oltre ed avere, di se stesso, un'opinione scarsa e disincantata. Nicodemo, Nix, ha amici speciali, Ottilia ed Ermanno, una fidanzata stupida e bellissima ma forse meno insensibile di quel che lui pensa e un'ammiratrice occulta che riesce a ritrarne la vera bellezza e a vederne, fino in fondo, la paura di vivere e l'incapacità di scorgere un futuro oltre la maturità. Molti di noi hanno avuto un Nix nella loro adolescenza, da amare, da odiare, da invidiare e da rimpiangere con tutte le nostre forze. Esattamente come accade a chi, giunto all'ultima pagina, si trova costretto ad abbandonarlo. Un libro che non troverete in libreria e, fidatevi, è un vero peccato.

    Is this helpful?

    Lauraetlory said on May 19, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Questo libro mi è stato consigliato da alcune mie amici lettrici, e grazie all’animo gentile dell’autrice sono riuscito a leggere il libro. Sin dalle prima pagine, ci si può creare un falsa idea della storia in generale, la si può marchiare come quel ...(continue)

    Questo libro mi è stato consigliato da alcune mie amici lettrici, e grazie all’animo gentile dell’autrice sono riuscito a leggere il libro. Sin dalle prima pagine, ci si può creare un falsa idea della storia in generale, la si può marchiare come quel genere per adolescenti, che ricalca il filone Moccia&Co, ma in realtà non è proprio così. Protagonista è Nix, propriamente Nicodemo, la storia viene raccontata dal suo punto di vista, lui è un diciannovenne, incarna le vesti di un adolescente modello, perfetto, con ogni cosa al suo posto, l’aspetto che lo contraddistingue rispetto agli altri coetanei è proprio il suo modo di analizzare, di pensare, di vivere la vita, di approcciarsi a essa, non con estrema superficialità, menefreghismo, sciatteria, banalità e altri insulsaggini varie, ma il viverla con ponderatezza, riflessione, concretezza che poi verranno a scontrarsi con l’idea e la domanda che il lettore si porrà: come mai sta con Giulia, contenitore di pochezze, stupidella, vuota e libera da ogni ricerca di qualcosa che abbia senso?
    Altri personaggi che ho apprezzato sono stati Ermanno che rappresenta un po’ la crisi che ogni adolescente è destinato ad affrontare, ed Ottilia donna dal carattere duro, sicura e intraprendente, entrambi migliori amici di Nix. Quest’ultimo aspetto del carattere di Ottilia viene a scontrarsi con quel profondo e smisurato, direi anche troppo enfatizzato nichilismo che attanaglia il protagonista, che non trova soddisfazione in niente, alcun gesto lo motiva, alcuna situazione è sintomo di intraprendenza, del vivere la vita con estrema passività; sembra quasi che lui si bei di porsi come osservatore del mondo da una postazione superiore, come la scelta di restar con Giulia, sembra tanto una macchinosa decisione che lo fa star bene, solo per poi osservare la sua vuotezza, il suo essere senza tanti contenuti, il poter essere dominatore di un tutto che appartiene ad un niente, vuoto, bianco, lineare, senza orpelli, privo di ogni colore e sfumatura.
    Ultimo personaggio che merita qualche parola è la ‘ragazza McEwan’, nome che viene dato dal protagonista dopo averla vista con in mano un libro dell’autore. Ho apprezzato molto il suo non farsi gioco delle idee che gli altri hanno di te, il suo andare avanti comunque, il suo essere indifferente a giudizi che in realtà poco hanno di fondatezza, l’essere sé stessi al di là di ogni vincolo morale, sociale, soprattutto rispettando il proprio essere.
    Il libro è scritto bene, anche se ci sono sviste in qualche punto, la lettura rimane un po’ statica perché il filo narrativo è troppo lineare, cioè quello di un percorso scolastico, ma questo non compromette il poter apprezzare appieno il libro, e il fare i complimenti a questa giovane autrice, che secondo me, ha voluto un po’ sfatare quel mito, quella spada di Damocle, che siamo destinati a sopportare noi adolescenti, visti sempre come portatori di ogni cosa che è lontana dal prendersi sul serio, da responsabilità, di saper affiancare in modo giusto tre parole che si conseguono, di essere promotori di sole futilità, baggianate, cose di poco conto.
    Grazie per aver provato a sfatare questo falso mito.

    Is this helpful?

    Jack said on Mar 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Una vita da liceali completamente diversa da quella che ho vissuto io vent'anni fa ma molto interessante. Ogni personaggio è unico e ha una sua storia che si intreccia perfettamente a quella degli altri. Un finale che potrebbe sembrare triste ma che ...(continue)

    Una vita da liceali completamente diversa da quella che ho vissuto io vent'anni fa ma molto interessante. Ogni personaggio è unico e ha una sua storia che si intreccia perfettamente a quella degli altri. Un finale che potrebbe sembrare triste ma che invece...non avrebbe potuto essere altrimenti; come se tutta la trama portasse verso quel momento.
    Nico, che dire di lui? Avrei davvero voluto avere un amico così sensibile e attento; persona silenziosa ma che quando parla vorresti trascrivere ogni sua frase perchè sembra una citazione fatta ad hoc.
    Stupendo l'amore di lui verso la sorella Isabella, un sentimento che impregna ogni pagina della loro vita in una famiglia di genitori oserei dire quasi assenti.
    Se avessi avuto un'amica come Giulia invece (a parte che non avremmo assolutamente potuto essere amiche) l'avrei presa a schiaffi.
    Un libro che mi è piaciuto davvero molto

    Is this helpful?

    Looka said on Feb 11, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (68)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 138 Pages
  • ISBN-10: 8897040373
  • ISBN-13: 9788897040378
  • Publisher: Sangel
  • Publish date: 2011-04-16
Improve_data of this book