Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

No et moi

By

Editeur: Editions Feryane

3.8
(1813)

Language:Français | Number of pages: | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) Catalan , Italian , Spanish , Dutch , German , English

Isbn-10: 284011819X | Isbn-13: 9782840118190 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Hardcover

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Aimez-vous No et moi ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    Amaro. Amaro, forte e insoluto. Come la strada. La strada in cui appare e scompare la trama intessuta dalla De Vigan. É possibile toccare con mano le stazioni, le solitudini, i pensieri, il dolore di ...continuer

    Amaro. Amaro, forte e insoluto. Come la strada. La strada in cui appare e scompare la trama intessuta dalla De Vigan. É possibile toccare con mano le stazioni, le solitudini, i pensieri, il dolore di uno sguardo intriso di vodka . Ti prende con forza e ti lascia come un addio.

    dit le 

  • 4

    "Gli effetti secondari dei sogni" è l'incontro di due solitudini, il racconto garbato e semplice di un'amicizia che sfida la diversità e l'incomprensione, riempiendo una distanza a prima vista incolma ...continuer

    "Gli effetti secondari dei sogni" è l'incontro di due solitudini, il racconto garbato e semplice di un'amicizia che sfida la diversità e l'incomprensione, riempiendo una distanza a prima vista incolmabile. La tematica è affrontata con vigore ma senza troppo compiacimento e, del resto, più che un'opera incentrata sul sociale, quello di Delphine De Vigan è un vero e proprio romanzo di formazione. Dinanzi ai nostri occhi Lou, una ragazzina solitaria e insicura, impara a crescere, a conoscere se stessa e il mondo, a combattere le proprie battaglie, a mettersi in gioco accettando le sconfitte e, più di tutto, abbracciando le vittorie. Quelle a cui ha diritto, a dispetto del suo continuo nascondersi, negarsi, sminuirsi, anzitutto con se stessa; nell'affermarsi, finalmente Lou prende atto di sé come persona, come donna, capace di prendersi l'affetto di chi l'ama e di vivere assaporando il momento. Tra le pagine di questo scorrevole romanzo, elegantissimo ed essenziale, ci si ricorda come smettere di pensare per riuscire a esporsi, ricordare, essere ricordati: un inno dolce a chi nel bene e nel male "ci prova", a chi non si limita ad esistere ma si appassiona a vivere.

    dit le 

  • 5

    GLI EFFETTI SECONDARI DEI BUONI INSEGNAMENTI

    LETTO IN EBOOK
    _____________

    “Il Colombo divergente” si basa sul presupposto che basta mutare un singolo gesto per mutare l’intera storia dell’umanità. Nel romanzo, quando il navigatore approda sulla ...continuer

    LETTO IN EBOOK
    _____________

    “Il Colombo divergente” si basa sul presupposto che basta mutare un singolo gesto per mutare l’intera storia dell’umanità. Nel romanzo, quando il navigatore approda sulla prima isola al largo dell’America viene indirizzato verso sud anziché verso nord, verso gli aztechi anziché verso popoli meno civilizzati e da lì cambia tutto.
    Questo stesso concetto ucronico viene applicato da Delphine de Vigan nel suo libro “Gli effetti secondari dei sogni”(2007) a un microcosmo di persone e rapporti umani.
    Basta un compito assegnato da un insegnante esigente e scrupoloso a trasformare la timida protagonista tredicenne Lou Bertignac e questa trasformazione si estenderà con effetto domino su alcune persone che le stanno attorno.
    La ragazzina, con problemi relazionali, è terrorizzata di presentarsi davanti alla classe per presentare la sua relazione, ma la scelta quasi inconsapevole di un tema sui senzatetto, la porterà a intervistare Nolween (detta No), una ragazza poco più grande di lei, diciottenne, a diventarne prima amica e poi a legarle strettamente l’una all’altra (per descrivere la loro amicizia Lou cita il piccolo principe: addomesticare significa che la volpe è diventata speciale per il bambino e il bambino per la volpe). Da qui riuscirà a trovare il coraggio per attraversare e affrontare il mondo dei clochard parigini, dei diseredati e degli emarginati, il coraggio di rispondere ai professori, il coraggio di chiedere ai suoi genitori di poter aiutare quella ragazza, riuscendo a convincerli a portarla in casa (“I cani li possiamo prendere in casa, i senzatetto no”).
    La madre, crollata in un’apatia profonda per la morte dell’altra figlia, si riprende. Lucas, il compagno di classe diciasettenne pluribocciato e ribelle si lega a lei, prima della classe ed emarginata tra i suoi compagni, e la aiuta a proteggere la senzatetto, divenendo un po’ più maturo. Tre ragazzi ai limiti della società, in modo diverso e per motivi diversi, si uniscono e si ritrovano amici. Due mondi paralleli, che sempre si incrociano ignorandosi, nelle strade di Parigi, come in quelle di ognuna delle nostre città, quello dei senza tetto e quello degli altri, scoprono di poter dialogare e di poter avere ciascuno qualcosa da offrire all’altro.
    L’autrice non immagina, insomma, un’autentica rivoluzione, ma mostra come possa bastare poco per fare del bene, migliorare le persone, rendere tutti più umani.
    “Gli effetti secondari dei sogni” è un libretto snello, che scorre veloce ma i suoi personaggi hanno una bella intensità, l’amicizia tra la giovane e la ragazzina è forte e bella, così come dimostra anche il finale, in cui si vede come il vero amore aiuta a sacrificarci per gli altri. In poche pagine vengono affrontati e segnalati grandi temi come l’emarginazione sociale, la depressione, i problemi nei rapporti tra genitori e figli, la solitudine, i disturbi relazionali, i limiti e le potenzialità dell’educazione e della formazione scolastica, l’altruismo e il suo opposto, il senso dell’amicizia.
    La protagonista ha problemi relazionali, ma il romanzo ha poco a che fare con “Il silenzio dei numeri primi”, “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte”, “Oltre il giardino” o “Rain man”.
    Lettura anche assai diversa da altri romanzi adolescenziali in voga di questi tempi (“Hunger games”, “Il labirinto”, “La via di fuga”, “Divergent”, “Twilight” e altre storie di vampiri innamorati), consigliata ad adolescenti e adulti.

    dit le 

  • 3

    Un libro piacevole nonostante la storia malinconica.

    È un libro molto piacevole; racconta una storia particolare, un po' triste, ma con numerosi spunti dai quali partire per delle riflessioni sulla vita.
    Ho trovato l'autrice de "Gli effetti secondari de ...continuer

    È un libro molto piacevole; racconta una storia particolare, un po' triste, ma con numerosi spunti dai quali partire per delle riflessioni sulla vita.
    Ho trovato l'autrice de "Gli effetti secondari dei sogni" molto abile nel descrivere i sentimenti e le sensazioni delle protagoniste, soprattutto perché è riuscita a mantenersi in equilibrio, senza eccedere con la sdolcinatezza ma neppure con l'eccessiva freddezza. Si vede che è stato scritto da una donna; c'è un'estrema delicatezza che attraverso tutto il libro.

    http://www.mr-loto.it/recensioni/effetti-secondari-dei-sogni.html

    dit le 

  • 2

    Il libro è destinato a un pubblico di ragazzi e di famiglie. Parla di una ragazzina con un QI superiore alla media, probabilmente Asperger, con alcuni problemi relazionali non gravi. Il fatto di non c ...continuer

    Il libro è destinato a un pubblico di ragazzi e di famiglie. Parla di una ragazzina con un QI superiore alla media, probabilmente Asperger, con alcuni problemi relazionali non gravi. Il fatto di non conoscere bene come ci si comporta fa sì che riesca a stringere amicizia con una ragazzina senza tetto fino a portarla a vivere a casa sua. L'argomento è molto interessante anche se molte pagine sono fin troppo edulcorate e piene di buoni sentimenti. In ogni caso è un libro che si può tranquillamente regalare ai figli adolescenti. Molti sono i riferimenti al piccolo principe e alla sua volpe, anche lei difficile da addomesticare.

    dit le 

  • 4

    Ariboh

    Non mi ricordo esattamente che sensazioni mi abbia lasciato questo libro. Non ho scritto la recensione subito dopo averlo finito e questo è il risultato. IL brutto è che anche per questo non ho segnat ...continuer

    Non mi ricordo esattamente che sensazioni mi abbia lasciato questo libro. Non ho scritto la recensione subito dopo averlo finito e questo è il risultato. IL brutto è che anche per questo non ho segnato le date di lettura. Quindi non so nemmeno quanto possano essere affidabili le 4 stelline. Mi fido del fatto che ho comprato un altro libro della stessa autrice. Può bastare?

    dit le 

  • 5

    Romanzo bellissimo.
    La storia di una ragazzina iperintelligente, vive con padre e madre.
    La madre è reduce da un fortissimo esaurimento nervoso a causa della perdita della seconda figlia.
    La protagoni ...continuer

    Romanzo bellissimo.
    La storia di una ragazzina iperintelligente, vive con padre e madre.
    La madre è reduce da un fortissimo esaurimento nervoso a causa della perdita della seconda figlia.
    La protagonista racconta della sua amicizia con una ragazza senzatetto di nome No.
    No viene accolta dai genitori della protagonista, sembra che tutto porti a un futuro radioso, tutti insieme.. ma qualcosa inizia a non funzionare.

    Raccontato con rapidità, essenzialità. La lettura è scorrevolissima.
    Vengono sfiorate tematiche importantissime con leggerezza, ma anche incredibile profondità.
    Una profondità raggiunta grazie proprio alla voce della giovanissima protagonista, che riesce a dire le cose con rara efficacia e precisione e con poche parole dipingere stati d'animo in cui non si può non ritrovare il proprio inspiegabile disagio e alienazione.

    dit le 

  • 4

    Libro scritto molto bene,scorrevole e intenso.Mi ha ricordato "La solitudine dei numeri primi" per la tristezza di fondo,il disincanto nei confronti della vita e per la caratterizzazione dei due perso ...continuer

    Libro scritto molto bene,scorrevole e intenso.Mi ha ricordato "La solitudine dei numeri primi" per la tristezza di fondo,il disincanto nei confronti della vita e per la caratterizzazione dei due personaggi principali,Lou e No,che,per differenti motivi,sono dei "diversi".

    dit le 

  • 4

    Una storia di amicizia fra adolescenti molto particolare: mondi estremamente lontani che si toccano, ognuno porta all'altro la propria diversità a suo modo.

    Lo stile è molto scorrevole, incalzante, ai ...continuer

    Una storia di amicizia fra adolescenti molto particolare: mondi estremamente lontani che si toccano, ognuno porta all'altro la propria diversità a suo modo.

    Lo stile è molto scorrevole, incalzante, aiuta a bere la storia tutta d'un fiato.

    dit le 

Sorting by