Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

No pasarán

Una storia di Max Fridman Edizione integrale

Di

Editore: Rizzoli Lizard

4.4
(62)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817042412 | Isbn-13: 9788817042413 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Francesco Satta

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , History

Ti piace No pasarán?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Autunno del 1938. Max Fridman affronta un viaggio in una Spagna dilaniata dalla guerra civile, alla ricerca di un amico che da tempo non dà più sue notizie. Mentre i combattimenti infuriano, spettri del passato portano Fridman a seguirne le tracce fino al fronte, nell'ultima battaglia prima della fine: un sanguinoso crescendo di rischio e tensione che condurrà alla scoperta di un'amara, incancellabile verità.
Ordina per
  • 4

    Ambientato durante la guerra civile spagnola (1936) precisamente in Catalogna.
    Ammetto che sapevo ben poco di questa guerra e che le note di apertura mi hanno aiutato a gustarmi meglio questa graphic novel.
    Storia interessante ed appassionante, disegni ben fatti.

    ha scritto il 

  • 4

    Le quattro stelle sono il risultato, faticoso, di una media tra la storia e i disegni di questa, comunque interessante, graphic novel.
    Parto dalla storia ma senza dir nulla, perché questa volta l’eroe di Giardino, Max Fridman, non è il protagonista principale (dal mio personale punto di vis ...continua

    Le quattro stelle sono il risultato, faticoso, di una media tra la storia e i disegni di questa, comunque interessante, graphic novel.
    Parto dalla storia ma senza dir nulla, perché questa volta l’eroe di Giardino, Max Fridman, non è il protagonista principale (dal mio personale punto di vista). Il plot spionistico – avventuroso non è brillante, punto.
    Passo subito ai disegni. Questi sono una “goduria” vera e propria per il lettore. La minuziosa ricerca storica e la “wonderfull” immagine di Barcellona che esce dalle tavole, valgono il “prezzo del biglietto”. Forse è questo il punto. Giardino ha usato dieci anni della sua vita a raccogliere informazioni, foto, giornali d’epoca, a fare viaggi e prendere appunti, a limare figure, a cassare intere tavole o parti di esse. Un lavoro enorme, che sì traspare sfogliando l’albo, ma in cui la vicenda narrata perde vigore narrativo.
    Il gusto per gli occhi rimane, ogni tavola si lascia contemplare, e per chi ha già visto Barcellona, è un piacere riconoscere piazze, incroci, scorci di paesaggio. Davvero imperdibile.
    La storia nella storia: solo leggendo questo albo ho capito bene, davvero bene, gli eventi della guerra spagnola. Il fumetto insieme alla parte finale dell’albo (una raccolta di fotografie dell’epoca, degli schizzi preparatori, di stralci di sceneggiatura e degli storyboard di Giardino) sono stati il pezzo del puzzle che mi mancava per “capire” (contraddizione in termini) questa “guerra”.
    Non lasciarsi sfuggire l’ultima pagina dell’albo: l’espressione degli occhi di Fridman (e di Giardino) e sullo sfondo una famosissima “casa” barcellonese sfregiata dall’esplosione di un ordigno.

    ha scritto il 

  • 5

    Che qualità

    Grande qualità nel disegno, nell'ambientazione, nella cura dei dettagli e nell'edizione (ricca di schizzi, bozze e varianti). Un pochino meno ricco è il testo, ma il libro trasporta nella Spagna del 1938!

    ha scritto il 

  • 5

    Come un cronista di guerra

    Qualcuno conosce Frank Capa? Qualcuno ha mai letto Hemingway e il suo "per chi suona la campana" ? Ecco, questo fumetto mescola entrambi e ci fa conoscere alcuni frammenti della cruenta guerra civile spagnola. Il fronte, le retrovie, l'attesa in città con il fiato sospeso per capire chi vincerà. ...continua

    Qualcuno conosce Frank Capa? Qualcuno ha mai letto Hemingway e il suo "per chi suona la campana" ? Ecco, questo fumetto mescola entrambi e ci fa conoscere alcuni frammenti della cruenta guerra civile spagnola. Il fronte, le retrovie, l'attesa in città con il fiato sospeso per capire chi vincerà. Un tratto grafico pulito, testi gradevoli, un quasi eroe, molto normale e spesso vittima degli eventi. Ottimo libro.

    ha scritto il 

  • 5

    Sono appassionato di fumetti, della storia degli anni' 30, dei disegni di Vittorio Giardino. Libro veramente bellissimo, comprese l'appendice finale sulla sceneggiatura, sugli schizzi preparatori e sulle ricerche storiche e iconografiche.

    ha scritto il 

  • 5

    Se c'è un erede di Hugo Pratt, questo è senza dubbio Vittorio Giardino.
    In 'No pasarán', uscito a puntate e raccolto in versione integrale in questo volume, troviamo l'eroe giardiniano Max Fridman impegnato nella Guerra di Spagna e in particolare nel microcosmo delle forze repubblicane, tr ...continua

    Se c'è un erede di Hugo Pratt, questo è senza dubbio Vittorio Giardino.
    In 'No pasarán', uscito a puntate e raccolto in versione integrale in questo volume, troviamo l'eroe giardiniano Max Fridman impegnato nella Guerra di Spagna e in particolare nel microcosmo delle forze repubblicane, tra le quali si riscontrano tutte le divergenze e i problemi che portarono alla loro sconfitta definitiva da parte delle forze nazi-fasciste.
    Tornando al paragone con Hugo Pratt, come Corto Maltese Max Fridman non è mai protagonista della Storia, ma sfiora i grandi eventi vivendo delle sue storie personali, che gli permettono di citare Hemingway, Capa e Dos Passos come suoi amici personali e di avere delle opinioni sulla Guerra Civile non troppo diverse da quelle di Orwell.

    ha scritto il