Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nobody

Di

Editore: Corbaccio

3.7
(383)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 522 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8863800561 | Isbn-13: 9788863800562 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Umberto Gandini

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Nobody?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A Scarborough, una località di mare dello Yorkshire, viene trovato il corpo di una studentessa brutalmente assassinata. Per mesi la polizia brancola nel buio alla ricerca non solo di un autore, ma anche di un movente. Fino a quando un nuovo omicidio scuote gli abitanti della cittadina. Questa volta la vittima è una donna anziana. Le modalità dell'assassinio, tuttavia, sono le stesse e la poliziotta incaricata delle indagini si convince che il nesso fra gli omicidi sia da ricercare nel passato delle due famiglie. E, con l'aiuto di un diario trovato per caso, si imbatte in una vicenda accaduta più di mezzo secolo prima, quando in paese era arrivato, insieme agli sfollati da Londra durante i bombardamenti, un bambino di cinque anni apparentemente orfano, ritardato e che si era subito attaccato a una ragazzina di poco maggiore. Brian era il suo nome: questo era tutto ciò che si sapeva di lui. Da tutti era stato "battezzato" Nobody e da tutti era stato maltrattato per anni, atrocemente. Che fine abbia fatto nessuno lo sa e a Scarborough tutti hanno cercato di dimenticare questa brutta storia. Ma ognuno in cuor suo sapeva che un giorno o l'altro sarebbe saltata fuori.
Ordina per
  • 3

    Peccato il finale.

    La prima parte del libro mi era piaciuta molto, ero incuriosita di sapere di più. La seconda, invece, troppo veloce, si sofferma su dettagli inutili, troppi personaggi, e alla fine: chi ha ucciso la s ...continua

    La prima parte del libro mi era piaciuta molto, ero incuriosita di sapere di più. La seconda, invece, troppo veloce, si sofferma su dettagli inutili, troppi personaggi, e alla fine: chi ha ucciso la studentessa??

    ha scritto il 

  • 2

    Ma signora Link, cosa mi combina, qui sta iniziando a decadere! E poi basta con questi cliché: di nuovo parliamo delle Guerre Mondiali (e di nuovo, in scritti che raccontano il passato) e della vita n ...continua

    Ma signora Link, cosa mi combina, qui sta iniziando a decadere! E poi basta con questi cliché: di nuovo parliamo delle Guerre Mondiali (e di nuovo, in scritti che raccontano il passato) e della vita nelle campagne inglesi (sempre lo Yorkshire) in grandi case-fattorie, di nuovo abbiamo il bellone-maledetto-e-scapestrato (che si ripete in tutti i suoi libri che ho letto finora) e di nuovo abbiamo un’anziana signora arcigna e anticonvenzionale (già vista nella Casa delle Sorelle e nella Donna delle Rose). Un po’ di varietà non guasterebbe…e basta con queste protagoniste che si sciolgono in moine di fronte al bellone-scapestrato-occasionalmente alcolista- di turno! Per essere una donna che scrive di donne, mi aspetterei dei personaggi un po’ più intelligenti.

    ha scritto il 

  • 2

    E' il primo libro della Link che leggo, la lettura è abbastanza scorrevole anche se in alcuni casi l'ho trovata lunga e ripetitiva....forse troppi personaggi, alcuni dei quali a mio avviso superflui.. ...continua

    E' il primo libro della Link che leggo, la lettura è abbastanza scorrevole anche se in alcuni casi l'ho trovata lunga e ripetitiva....forse troppi personaggi, alcuni dei quali a mio avviso superflui....Mi sono persa un po' la questione legata all'omicidio della studentessa Amy Mills e sulla sua conclusione...per il resto un buon lettore di gialli capisce già dai primi capitoli chi è il responsabile degli omicidi...

    ha scritto il 

  • 3

    Non male ma un po' prevedibile

    Libro che parte molto bene con avvenimenti e personaggi interessanti... Poi però inizia a perdere tono diventando in alcuni punti troppo lungo e prolisso e rendendo tutti così più noioso ... Anche il ...continua

    Libro che parte molto bene con avvenimenti e personaggi interessanti... Poi però inizia a perdere tono diventando in alcuni punti troppo lungo e prolisso e rendendo tutti così più noioso ... Anche il finale secondo me, Lascia un po' a desiderare, stavolta l'ho trovato davvero prevedibile... Questo nn ho glie comunque che sia un buon libro scritto bene, ma dalla link ci si aspetta di più, confido nel prossimo che leggerò!!

    ha scritto il 

  • 5

    Molto molto avvincente!

    E' il secondo romanzo che leggo di quest'autrice e,come il primo, mi è piaciuto molto. I gialli mi attirano un sacco e ho scoperto la Link praticamente per caso ma credo di essermene innamorata. Quest ...continua

    E' il secondo romanzo che leggo di quest'autrice e,come il primo, mi è piaciuto molto. I gialli mi attirano un sacco e ho scoperto la Link praticamente per caso ma credo di essermene innamorata. Questo libro è avvincente,affascinante e ti coinvolge un casino. Durante il corso della lettura ti sembra che la storia proceda in un certo modo,abbia un certo ordine e quando credi di aver scoperto tutto,lei ti stravolge tutto verso la fine ed è lì che tutto viene collegato a poco a poco,quindi tanti colpi di scena e tanti momenti in cui trattieni il fiato,è così che dovrebbe essere. Quindi lo consiglio e spero di leggerne altri così.

    ha scritto il 

  • 4

    è il terzo libro che leggo di questa autrice. Secondo me il più bello è stato "la casa delle sorelle". "Nobody" mi è piaciuto all'inizio, ma poi si è un pò troppo dilungato nelle descrizioni e quindi ...continua

    è il terzo libro che leggo di questa autrice. Secondo me il più bello è stato "la casa delle sorelle". "Nobody" mi è piaciuto all'inizio, ma poi si è un pò troppo dilungato nelle descrizioni e quindi mi ha un pò deluso. La trama comunque è bella e avvincente e il finale mi ha sorpreso.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho pensato tanto a cosa ci fosse che non andava in questo libro; a cosa mi impediva, pur avendolo letto con un certo interesse e con un ritmo piuttosto elevato, di trovare davvero soddisfacente la sto ...continua

    Ho pensato tanto a cosa ci fosse che non andava in questo libro; a cosa mi impediva, pur avendolo letto con un certo interesse e con un ritmo piuttosto elevato, di trovare davvero soddisfacente la storia. L’approfondimento psicologico è un po’ spiccio e il “super segreto” attorno al quale ruota la trama si intuisce presto, ma non è questo il problema. Il libro è ben scritto e se fosse stato un romanzo drammatico avrebbe fatto centro, ma spacciandosi per un giallo l'impegno non è stato sufficiente: l’intreccio è troppo debole, i personaggi un po’ troppo stereotipati, la conclusione e i colpevoli facilmente individuabili. “Prevedibilità” è la parola chiave. Ci sono alcune parti coinvolgenti, che ti impediscono di interrompere la lettura, ma non basta: quando l’evoluzione di trama e personaggi è prevedibile, io mi annoio. Anche con un testo ben scritto.

    ha scritto il