Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Nocturno

By Dean Koontz

(35)

| Paperback | 9788439704140

Like Nocturno ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Victima de una rara enfermedad cutánea, Christopher Snow había aprendido a vivir en la oscuridad. El mundo de las tinieblas lo había formado y siempre le había resultado un lugar tan pacífico y habitable. Pero, desde la muerte de su padre, Chis empez Continue

Victima de una rara enfermedad cutánea, Christopher Snow había aprendido a vivir en la oscuridad. El mundo de las tinieblas lo había formado y siempre le había resultado un lugar tan pacífico y habitable. Pero, desde la muerte de su padre, Chis empezaría a experimentar un extraño miedo nocturno. La inquietante sensación de sentirse observado, de percibir una bestia al acecho, comenzaría a socavar su existencia. Sin saberloo, Chris formaba parte de ese juego desde su nacimiento...

25 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    fear nothing

    Un gran bel libro, come tutti i Koontz che ho letto, con tante belle immagini e tanta suspance! I difetti di questo libro sono 2, a mio avviso: primo, sembra che si tratti di tanti episodi separati, pur essendo ambientato in un'unica notte! C'è chiar ...(continue)

    Un gran bel libro, come tutti i Koontz che ho letto, con tante belle immagini e tanta suspance! I difetti di questo libro sono 2, a mio avviso: primo, sembra che si tratti di tanti episodi separati, pur essendo ambientato in un'unica notte! C'è chiaramente una logica e un filo conduttore preciso, ma sento troppa separazione, alle volte! secondo, la trovata delle scimmie malefiche! -_-

    Gran libro, comunque, come sempre, Koontz è una garanzia di buona scrittura, velocità e tensione!

    Is this helpful?

    Ktulu said on Aug 21, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ritmo diseguale per metà del libro: fino al capitolo "Mezzanotte" descrive in modo troppo minuzioso ogni movimento del protagonista, poi "scorre" normalmente e piacevolmente

    Is this helpful?

    Adalfa said on Apr 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Negli anni ho letto molti libri di Dean Koontz, dodici per l'esattezza, l'ultimo nel 2007. Penso che per un'appassionata di Stephen King sia inevitabile, a un certo punto, provare anche questo autore. Non è bravo come King, ma i suoi thriller (con un ...(continue)

    Negli anni ho letto molti libri di Dean Koontz, dodici per l'esattezza, l'ultimo nel 2007. Penso che per un'appassionata di Stephen King sia inevitabile, a un certo punto, provare anche questo autore. Non è bravo come King, ma i suoi thriller (con un tocco di sovrannaturale, sia fantasy, horror o fantascientifico) sono romanzi piuttosto piacevoli, che a un certo punto però ho accantonato a favore di letture diverse. Questo volume proviene da Bookmooch, a cui l'ho richiesto in uno dei soliti periodi molti punti/pochi libri, e ci è voluto molto tempo per convincermi ad affrontarlo, l'ho fatto praticamente solo per liberarmene.

    L'uomo che amava le tenebre (titolo originale: Fear Nothing) è la storia di due notti nella vita di Chris Snow, un giovane scrittore di ventotto anni affetto dalla XP (in breve, una malattia che gli impedisce di vivere alla luce del sole e lo costringe a ripararsi anche dalle luci artificiali, almeno per come è interpretata in questo romanzo - bizzarro il fatto di aver recentemente incontrato questa sindrome nel romanzo di Scarlett Thomas Going Out), due notti che cambiano la sua esistenza in un modo straordinario.

    http://robertabookshelf.blogspot.it/2013/03/luomo-che-a…

    Is this helpful?

    ζ Roberta said on Mar 25, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Il mio giudizio è: dimenticabile.
    La trama ha qualche spunto interessante, ma non mi sembra che sia sviluppata in modo non soddisfacente.
    Personalmente, credo che qualcuno debba spiegare agli autori che concludere un libro con la battaglia finale, se ...(continue)

    Il mio giudizio è: dimenticabile.
    La trama ha qualche spunto interessante, ma non mi sembra che sia sviluppata in modo non soddisfacente.
    Personalmente, credo che qualcuno debba spiegare agli autori che concludere un libro con la battaglia finale, senza capitoli che raccontino o accennino almeno alle conseguenze a breve termine di quanto accaduto nel libro, lascia al lettore l'amaro in bocca e la sensazione di essere rimasto fregato.
    In questo caso, non sappiamo nulla di quanto accadrà al protagonista e ai suoi amici, ma alla fin fine non è che cambi molto.
    Cos'ha ottenuto alla fine del libro il protagonista? Nulla.
    E' cambiato qualcosa nella sua vita? Poco.
    Può lottare o ribellarsi alla situazione in cui si trova? No e non gli interessa farlo.

    Parliamo dello stile.
    La prima persona non aiuta a empatizzare con il protagonista. Come il protagonista ama ripetere per tutto il libro, i suoi genitori gli hanno insegnato a vedere il lato positivo delle cose e sembra quasi che questo lo scusi dal non avere molte reazioni a ciò che gli capita.
    C'è qualche punto in cui riesce a trasmettere qualche sensazione, come la fuga notturna sulle colline, ma risulta piatto in molte altri.

    Piccoli appunti.
    La scena del protagonista che non sa decidere se rimanere con il cane svenuto o morto e andare in soccorso della fidanzata in pericolo (sola e al buio, contro un branco di scimmie con istinti assassini) mi è rimasta impressa in senso negativo.
    Lasciando perdere la problematica amicizia vs. amore, qui si trattava di decidere tra rimanere a fissare il cane a cui si vuole bene, senza poter fare nulla, e agire a difesa di qualcun altro a cui si vuole bene. Il fatto che il protagonista, che non ha mai avuto esitazioni su come agire, sia incerto all'improvviso non è a suo favore.

    Come ho detto, è un libro dimenticabile, una lettura senza pretese che non lascia il segno. Se l'avessi saputo prima, avrei evitato anche di prenderlo in biblioteca.

    Is this helpful?

    Nighteyes said on Oct 4, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ci sono libri che ti fanno innamorare di un autore e ti fanno venire voglia di leggere tutto quello che hanno scritto.... Per me questo romanzo di koonz è stato un aprire una finestra (inquietante) su un nuovo mondo e un nuovo scrittore. Bellissimo!

    Is this helpful?

    Nicole.luce (no ebook) said on Sep 19, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Di Dean Koontz avevo già letto Mostri e Il volto, che mi erano piaciuti moltissimo. Stavolta mi ha un po' delusa. Questo libro mi è sembrato più banale e meno coinvolgente, e a volte decisamente troppo lungo (alcuni paragrafi li ho saltati a piè pari ...(continue)

    Di Dean Koontz avevo già letto Mostri e Il volto, che mi erano piaciuti moltissimo. Stavolta mi ha un po' delusa. Questo libro mi è sembrato più banale e meno coinvolgente, e a volte decisamente troppo lungo (alcuni paragrafi li ho saltati a piè pari...).
    Lo stile di Koontz, ricco di lunghe digressioni sul passato dei suoi personaggi e descrizioni dettagliate di luoghi o anche oggetti, è una cosa che nei due libri che ho letto in precedenza ho apprezzato molto. In questo caso credo semplicemente non fosse lo stile adatto a un romanzo del genere: una trama in cui praticamente tutto avviene in una notte ha bisogno di scorrere velocemente, non di essere continuamente interrotta.

    Is this helpful?

    Moonie said on Aug 23, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection