Noi marziani

Voto medio di 634
| 55 contributi totali di cui 48 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
La Terra pare aver dimenticato i grandiosi progetti interplanetari e concede soltanto le briciole alle piccole colonie marziane. Il quarto pianeta è ancora pressoché disabitato e i lunghi anni di disinteresse delle autorità hanno favorito lo ...Continua
Ha scritto il 13/08/17
Invecchiato malissimo :-/
Mi avevano consigliato questo come uno dei primi capolavori di Philip K. Dick.Letto adesso, è inaccettabile. Ora che si discute della fattibilità di una missione umana su Marte, la descrizione delle colonie marziane come fossero nuovi quartieri ...Continua
Ha scritto il 02/05/17
Francamente booh
Non ho capito nulla. Soprattutto non ho capito perché questo libro è considerato così importante nella bibliografia di Dick. Racconto noioso, allucinato razzista e noioso. Finito per fortuna
Ha scritto il 10/04/17
Bisogna lasciare il tempo a questo romanzo di affascinarci. Non c'è nulla di particolarmente tecnologico (qualche reattore, qualche turbina). L'ambientazione marziana è uno sfondo di cartapesta sul quale Dick fa muovere i suoi personaggi in una ...Continua
Ha scritto il 16/02/17
Parodia e psicosi
Sospeso tra parodia e psicosi del conformismo (americano), a "Noi Marziani" si perdonano alcuni scarti narrativi poco chari, per non dire ellittici (non in senso buono: alcuni passaggi e sviluppi appaiono poco ragionati). Sul tema: uno straordinario ...Continua
Ha scritto il 24/08/16
PSICOSI E PREGIUDIZI MARZIANI
Da ragazzo ho letto molta fantascienza, ma non ricordo di aver letto nulla di Philip K. Dick. Per vari anni non ho più frequentato il genere, cui mi sono riaffacciato solo in anni recenti. Tra gli autori fantascientifici che sto leggendo c’è ora ...Continua
  • 3 mi piace

Ha scritto il Jun 19, 2008, 13:39
Dentro la pelle del signor Kott c'erano ossa morte, lucide e umide. il signor Kott era un sacco d'ossa: sporche, eppure umido-lucide. La testa era un teschio che prendeva le verdure e le mordeva; dentro di lui le verdure diventavano delle cose marce, ...Continua
Pag. 113
Ha scritto il Jun 19, 2008, 13:32
Ecco il guaio, quando i parenti ti fanno visita; non sanno resistere alla tentazione di riprendere il loro vecchio ruolo di So Tutto e Capisco Tutto.
Pag. 95
Ha scritto il Jun 18, 2008, 11:10
Ciò che lo aveva sempre tormentato, da quell'episodio con il direttore del personale della Corona Corporation in poi, era questo: supponiamo che non sia stata un'allucinazione? Supponiamo che il cosiddetto direttore fosse proprio come l'aveva visto ...Continua
Pag. 62
Ha scritto il Jun 18, 2008, 11:05
E in quel momento ci fu l'allucinazione (se poi era veramente tale). Egli vide il direttore del personale sotto una nuova luce. Quell'uomo era morto.Vide lo scheletro, attraverso la pelle dell'uomo. Lo tenevano legato insieme; le ossa erano unite tra ...Continua
Pag. 60
Ha scritto il Jun 17, 2008, 10:45
D'improvviso capì che era meglio uccidersi. L'idea che gli esplose nella mente era ben precisa, dall'inizio alla fine, come se ci fosse sempre stata, come se fosse sempre stata una parte di se stesso. [...]Lungo la strada avanzava un grande, ...Continua
Pag. 37

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi