Non è mia figlia

Di

Editore: Garzanti Libri

3.2
(689)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 387 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8811686180 | Isbn-13: 9788811686187 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , eBook

Genere: Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Non è mia figlia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Alice Fancourt è stata lontana da casa solo due ore, eppure non vede l'ora di riabbracciare la sua bambina, la piccola Florence di due settimane. Ma, imboccato il vialetto di casa, Alice capisce subito che c'è qualcosa che non va. La porta è aperta, le stanze sono avvolte dal silenzio. Alice corre in camera della piccola e con orrore si rende conto che la bambina che dorme nella culla non è sua figlia. Al suo posto c'è un'altra neonata, un altro viso, un altro pianto. Ma dov'è Florence? E come è possibile che David, il marito di Alice, che doveva badare alla bambina, non si sia accorto di nulla? E l'inizio di un incubo. Perché nessuno le crede. Né David né la suocera Vivianne. Per loro Alice è solo depressa e rifiuta la bambina. E mentre David diventa sempre più aggressivo e minaccioso, ad Alice non resta altra scelta che rivolgersi alla polizia. A occuparsi del caso la detective Charlie Zailer e l'ispettore Simon Waterhouse. Alice non ha alcuna prova, solo la sua testimonianza, quella di una madre sicura che quel viso e quell'odore non sono quelli della bambina che ha portato in grembo per nove mesi. L'unica soluzione è convincere la polizia a eseguire il test del DNA. Ma il tempo scorre. Ogni minuto può essere fatale. E quando Simon Waterhouse finalmente acconsente a eseguire il test, forse è troppo tardi. Alice e la neonata sono sparite.
Ordina per
  • 4

    Era parecchio tempo che volevo leggere qualcosa di quest'autrice, le trame mi attiravano tutte ma avevo una sorta di dubbio che non mi faceva mai prendere in mano uno dei suoi libri ma dopo aver letto ...continua

    Era parecchio tempo che volevo leggere qualcosa di quest'autrice, le trame mi attiravano tutte ma avevo una sorta di dubbio che non mi faceva mai prendere in mano uno dei suoi libri ma dopo aver letto questo credo che non ne farò più a meno. Sophie Hannah per me è stata davvero una bella scoperta. Questo thriller ti prende fin dal primo capitolo quando Alice, giovane neo mamma, rientra a casa e scopre che la bambina nella culla non è la sua. Da qui in poi il libro si divora, ha un ritmo incalzante e nonostante nella parte centrale non ci siano grandi colpi di scena non annoia mai anche perchè si ha a che fare con personaggi ben descritti che mettono in chiaro le loro emozioni, paure, insicurezze che fa trasportare il lettore in quel vortice tanto che per tutto il libro, fino all'ultima pagina mi sono domandata se davvero la bambina fosse davvero Florance...oppure no. Non do le 5 stelle solo perchè credo che l'autrice poteva impegnarsi di più a trovare un finale più sorprendente ma vale davvero la pena di leggerlo. Per quanto mi riguarda leggerò senz'altro gli altri libri di quest'autrice. Bella scoperta.

    ha scritto il 

  • 3

    La historia en si, no está mal, pero el libro, en general, lento.
    Una madre que asegura que le han cambiado a su bebé, una padre que la tacha de loca, una abuela controladora, hasta ahí bien, pero el ...continua

    La historia en si, no está mal, pero el libro, en general, lento.
    Una madre que asegura que le han cambiado a su bebé, una padre que la tacha de loca, una abuela controladora, hasta ahí bien, pero el policía que investiga....eso si se me ha hecho pesado y un tanto aburrido.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro dal ritmo incalzante

    Thriller avvincente e ben scritto. I due punti di vista e la discrepanza temporale creano pathos e tensione, spingendo a divorare un capitolo dopo l'altro.

    La recensione completa:
    http://unlibronelcas ...continua

    Thriller avvincente e ben scritto. I due punti di vista e la discrepanza temporale creano pathos e tensione, spingendo a divorare un capitolo dopo l'altro.

    La recensione completa:
    http://unlibronelcassetto.blogspot.it/2016/05/recensione-non-e-mia-figlia-di-sophie.html

    ha scritto il 

  • 3

    Piccolo inventario di follia dissociativa

    Un giallo molto carino, scorrevole, non banale. Primo capitolo della serie di Waterhouse e Zailer, che continuerò a leggere nella speranza che i successivi siano all'altezza di questo (e anche perchè ...continua

    Un giallo molto carino, scorrevole, non banale. Primo capitolo della serie di Waterhouse e Zailer, che continuerò a leggere nella speranza che i successivi siano all'altezza di questo (e anche perchè voglio scoprire che problema ha il detective!). Quindi, Sophie, bene, brava, bis.

    ha scritto il 

  • 0

    L'idea era bella. Il libro è carino, convincente, con dei personaggi che non sono poi così male.
    Peccato che la fine, che poteva avvenire in mille modi diversi, abbia letteralmente rovinato tutto fino ...continua

    L'idea era bella. Il libro è carino, convincente, con dei personaggi che non sono poi così male.
    Peccato che la fine, che poteva avvenire in mille modi diversi, abbia letteralmente rovinato tutto fino a spingermi a non votare neppure questo libro. Una delusione immensa.

    ha scritto il 

  • 2

    Dai no!

    Avrebbe potuto ottenere di più se il finale non fosse stato così scontato. È facile scrivere una gran bella storia su un mistero fittissimo pieno di nodi che "chissà come si scioglieranno mai" e concl ...continua

    Avrebbe potuto ottenere di più se il finale non fosse stato così scontato. È facile scrivere una gran bella storia su un mistero fittissimo pieno di nodi che "chissà come si scioglieranno mai" e concluderla come la più ovvia delle situazioni. La trama era molto accattivante e gran parte della lettura é risultata ben scritta e coinvolgente; fatti bene anche i personaggi, ma il finale fa cadere a picco tutto il castello di carta costruito. Peccato.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Una storia ben architettata.

    Ho amato questo libro dall'inizio alla fine.
    Mi aspettavo tutt'altro (ma questo perché solitamente non leggo la descrizione del libro prima di iniziare), ma la storia che mano a mano si è dispiegata m ...continua

    Ho amato questo libro dall'inizio alla fine.
    Mi aspettavo tutt'altro (ma questo perché solitamente non leggo la descrizione del libro prima di iniziare), ma la storia che mano a mano si è dispiegata mi ha ripagato del tutto la sorpresa.
    La cosa che più in assoluto ho apprezzato è stato il senso di insicurezza che accompagna costantemente i capitoli con la voce di Alice. Sin dall'inizio ho avuto una sensazione preponderante (che poi si è rivelata giusta), che però un capitolo dopo l'altra tendeva a cambiare direzione sempre sul chi vive.
    Ho amato tantissimo l'amore platonico che si staglia al centro della narrazione, tra Simon ed Alice e viceversa.
    Tuttavia mi ha lasciato un po' l'amaro in bocca la conclusione. Avrei voluto che la scrittrice approfondisse maggiormente la vita di Simon, i suoi demoni, le sue paure. Questa parte, forse, lascia un po' troppo a desiderare.
    Ma, d'altro canto, è come la vita.
    Non tutte le domande ricevono risposta, e forse, a posteriori, è proprio questo il fascino sublime che lascia questo libro.
    Ve lo consiglio spassionatamente.

    ha scritto il 

  • 1

    Noioso, ripetitivo, senza tensione.

    Con un titolo del genere ti aspetti tensione ad ogni pagina, e invece, no!
    La presunta tensione è interrotta da innumerevoli descrizioni di ambiente, tavolini, armadietti, cornici. Il ritmo che dovreb ...continua

    Con un titolo del genere ti aspetti tensione ad ogni pagina, e invece, no!
    La presunta tensione è interrotta da innumerevoli descrizioni di ambiente, tavolini, armadietti, cornici. Il ritmo che dovrebbe essere incalzante è spezzato dai pensieri del poliziotto addetto al caso che pensa a... mammà!
    La madre della figlia perduta, mentre arriva il detective non può non pensare a come abbia abbinato male jeans e scarpe!
    Ma che è una presa in giro?!?

    2/10

    ha scritto il 

  • 2

    Cara Sophie, ho avuto troppe aspettative riguardo ai tuoi libri(questo è stato solo l'inizio..) ma ahimè non è andata bene! :( Noioso, lungo e a volte ho pensato seriamente di abbandonarti...uff..riu ...continua

    Cara Sophie, ho avuto troppe aspettative riguardo ai tuoi libri(questo è stato solo l'inizio..) ma ahimè non è andata bene! :( Noioso, lungo e a volte ho pensato seriamente di abbandonarti...uff..riusciremo a fare pace? Chissà!

    ha scritto il 

Ordina per