Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Non è un gioco

Di

Editore: Garzanti (Narratori moderni)

3.3
(196)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 500 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 881168174X | Isbn-13: 9788811681748 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Non è un gioco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Londra. Sembra solo un gioco tra innamorati: "Raccontami la cosa più brutta che hai fatto". Stesa sul letto accanto a Aidan, il suo nuovo fidanzato, Ruth esita. Sa cosa significa sbagliare ed essere puniti per questo. Il suo passato nasconde un errore inconfessabile, che l'ha quasi distrutta. Ma ora è pronta a ricominciare, è convinta che Aidan sia l'uomo della sua vita. Ma la confessione del ragazzo è come un fulmine a ciel sereno. Ha ucciso una donna, tanti anni prima. Si chiamava Mary Trelease. Ruth è senza parole. L'idea che Aidan abbia potuto uccidere qualcuno la terrorizza, certo. Eppure c'è qualcosa che la sconvolge ancora di più. Perché lei conosce benissimo Mary Trelease. E Mary Trelease è viva e vegeta. Aidan sta mentendo oppure la sua mente gli sta giocando un brutto scherzo? Solo la polizia può scoprirlo. A occuparsi del caso è Charlotte Zailer, detta Charlie, sergente della polizia locale. La donna non ha dubbi: la versione di Ruth è piena di incongruenze, come anche quella di Aidan. I due fidanzati nascondono segreti atroci e oscuri, segreti che forse dovrebbero rimanere sepolti. Ma adesso è troppo tardi. E quando la violenza erompe di nuovo, Charlie capisce che non c'è alternativa, bisogna partire dall'inizio, dalle origini di quel gioco troppo pericoloso che ha portato a un incubo peggiore della morte.
Ordina per
  • 4

    Metà di te muore. L'altrà metà vive

    <<Ognuno di noi è interiormente scisso. Soprattutto chi è costretto a convivere con un dolore insopportabile. E' questo che ti fa il trauma, crea una scissione al tuo interno: l'istinto di sopravvivenza contro il desiderio di non essere più>>

    ha scritto il 

  • 3

    Avrei dato un voto più alto, se solo le prime 100/ 150 pagine non fossero state così pesanti e lente! Dopo un inizio difficile da reggere, però, c'è da dire che il libro acquista un pò più di vivacità...e il finale ti lascia abbastanza soddisfatto!

    ha scritto il 

  • 2

    Due stelle perché dispiace che una storia interessante e piena di colpi di scena e' raccontata in un modo inseguibile, volutamente frammentario. Fa rabbia perché' questo raccontare da più persone il percorso x arrivare alla soluzione per me non ha funzionato, peccato.

    ha scritto il 

  • 3

    L'ho trovato piuttosto pesante e contorto. Ho davvero fatto fatica a portarlo avanti; per fortuna negli ultimi 3-4 capitoli riacquista un po' di vita e suspance. Non rientra comunque nelle letture che consiglierei.

    ha scritto il 

  • 4

    Anche se mi ci è voluto molto per leggerlo, mi è piaciuto molto, il non capire chi, cosa e perché... Chiedersi continuamente che sarà successo veramente ??? È stato lui, no è stata lei, no no è stato.... Dovete leggerlo per saperlo.... Buona lettura!!!

    ha scritto il 

  • 3

    UK - 2007 & 2008

    Una trama intricatissima, un thriller psicologico che ti lascia con tanti punti di domanda e verso la fine con il fiato sospeso. Bel finale, che non indovini fino quasi alla fine. Peccato che a tratti si dilunghi un po' troppo e abbia a tratti un ritmo un po' lento.

    ha scritto il 

  • 3

    Questo libro m'ha lasciato un pò d'amaro in bocca. Aveva ingranato bene e anche l'idea di fondo m'era piaciuta, perchè il finale è inaspettato, sorprendente. Io ho faticato ad arrivare fino all'ultima pagina. L'ho trovato troppo pieno di descrizioni talvolta anche inutili (attenzione, i libri che ...continua

    Questo libro m'ha lasciato un pò d'amaro in bocca. Aveva ingranato bene e anche l'idea di fondo m'era piaciuta, perchè il finale è inaspettato, sorprendente. Io ho faticato ad arrivare fino all'ultima pagina. L'ho trovato troppo pieno di descrizioni talvolta anche inutili (attenzione, i libri che mi piacciono devono contenere dettagli, descrizioni dei personaggi, degli ambienti...). Mi è parso però che tutto ciò che alla scrittrice è passato per la testa l'abbia riportato su carta, in pratica lo descriverei un minestrone. Condivido però ciò che ho detto inizialmente, è una bella trama.

    ha scritto il 

Ordina per