Non avevo capito niente

Di

Editore: Einaudi (Super ET)

3.8
(4605)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Inglese

Isbn-10: 8806197673 | Isbn-13: 9788806197674 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Non avevo capito niente?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Vincenzo Malinconico è un avvocato napoletano che finge di lavorare per riempire le sue giornate. Divide con altri finti-occupati come lui uno studio arredato con mobili Ikea, chiamati affettuosamente per nome, come fossero persone di famiglia. È stato appena lasciato dalla moglie, ma cerca con ogni mezzo di mantenere un legame con lei e i due figli adolescenti. Un giorno viene improvvisamente nominato difensore d'ufficio di un becchino di camorra detto "Mimmo 'o burzone" e, arrugginito com'è, deve ripassarsi il Bignami di diritto. Ma ce la fa, e questo è solo il primo dei piccoli miracoli che gli capitano. Il secondo si chiama Alessandra: la pm più bella del tribunale, che si innamora di lui e prende a riempirgli la vita e il frigorifero. E intanto Vincenzo riflette sull'amore, la vita, la delinquenza, la musica: su tutto quello che attraversa la sua esistenza e la sua memoria, di deriva in deriva.

Ordina per
  • 4

    “Sono un uomo – outlet. E gli outlet, in quanto rientrano nel campionario della stagione passata, vivono male il rapporto con l’attualità. Si sentono scaduti, scelti per ripiego. Se qualcuno ci vuole, ...continua

    “Sono un uomo – outlet. E gli outlet, in quanto rientrano nel campionario della stagione passata, vivono male il rapporto con l’attualità. Si sentono scaduti, scelti per ripiego. Se qualcuno ci vuole, è perché siamo in saldo”.
    “Certe volte penso, ma lo penso veramente, che bisognerebbe piantarla con questa storia del parlare. Perché tanto non serve a niente. Non è questione di capirsi, fare fatica a ritrovarsi sulle cose; non è questo. E’ che nessuna conversazione regge l’argomento per più di un paio di battute; è la pertinenza, il problema”.

    ha scritto il 

  • 2

    Ciao a tutti e buona domenica.
    Eccomi di nuovo qui con la recensione del libro " non avevo capito niente" di Diego De Silva.
    Ho due cose da premettere: la prima è che il libro mi è stato regalato e f ...continua

    Ciao a tutti e buona domenica.
    Eccomi di nuovo qui con la recensione del libro " non avevo capito niente" di Diego De Silva.
    Ho due cose da premettere: la prima è che il libro mi è stato regalato e forse è stato meglio così perché probabilmente non lo avrei comprato, la seconda è che è un libro che ho deciso di leggere principalmente per il titolo, dovuto al periodo che sto vivendo.
    Detto questo inizio subito col dire che il libro non è niente di che, non è una storia che ti tiene incollata alle pagine secondo me certi protagonisti sono addirittura inutili.
    Non avevo capito niente è la storia di uno sfigato ( divorziato con due figli e un titolo che non gli ha permesso di fare carriera) ma che si trova improvvisamente catapultato in due storie che camminano parallele: l'incontro con l'avvocato più bello del tribunale e il fatto di dover difendere un camorrista.
    Sulla quarta di copertina ci viene spiegato che il protagonista ci conquisterà facendoci ridere.... per quanto mi riguarda sono poche le volte che mi è scappato un sorriso, a volte addirittura lo trovavo irritante.
    Forse una nota positiva è aver parlato di camorra e separazione in maniera ironica.
    Ovviamente mio parere personale

    Due stelline.

    ha scritto il 

  • 3

    Non so se mi spiego

    "La vita la sento come una cosa che oppone una resistenza ostinata e dignitosissima ai miei desideri. Nei suoi confronti, ho, come dire, un atteggiamento da mutuatario. La vita mi da delle scadenze, m ...continua

    "La vita la sento come una cosa che oppone una resistenza ostinata e dignitosissima ai miei desideri. Nei suoi confronti, ho, come dire, un atteggiamento da mutuatario. La vita mi da delle scadenze, mi obbliga a dei versamenti periodici, non so se mi spiego."
    Non semplicissimo questo romanzo di Diego De Silva, ricco di pensieri e affabulazioni spontanee, come se fossimo proprio noi l'avvocato protagonista del romanzo e seguissimo il suo flusso ininterrotto di interrogazioni sulla vita, sugli eventi. Piacevole, a tratti anche molto ironico, anche nel rapportarsi al fenomeno della camorra, della tragicità della vita. Un inno, infine, ai mobili Ikea!

    ha scritto il 

  • 4

    Cade in un momento preciso della vita dove posso dire "non avevo capito niente". Posso prendere e fare mia più di una frase che dice lo scrittore.. insomma calza a pennello. Io ho trovato questo libro ...continua

    Cade in un momento preciso della vita dove posso dire "non avevo capito niente". Posso prendere e fare mia più di una frase che dice lo scrittore.. insomma calza a pennello. Io ho trovato questo libro proprio gradevole.

    ha scritto il 

  • 5

    Sergio Rubini nel ruolo dell'avvocato Malinconico....

    Devo essere sincero, non mi aspettavo molto da questo libro. Pensavo fosse l'ennesima storiella di avvocati, indagini e processi. Invece no. Questo è un libro esilarante e profondo al tempo stesso, ch ...continua

    Devo essere sincero, non mi aspettavo molto da questo libro. Pensavo fosse l'ennesima storiella di avvocati, indagini e processi. Invece no. Questo è un libro esilarante e profondo al tempo stesso, che si lascia leggere a grande velocità. Sergio Rubini nel ruolo dell'avvocato Malinconico....

    ha scritto il 

  • 2

    libro mediocre che si legge di corsa per arrivare alla fine con un protagonista narrante che racconta storie personali di scarso interesse, intramezzate qua e la da considerazioni che c'entrano piutto ...continua

    libro mediocre che si legge di corsa per arrivare alla fine con un protagonista narrante che racconta storie personali di scarso interesse, intramezzate qua e la da considerazioni che c'entrano piuttosto poco

    ha scritto il 

  • 4

    Le paturnie di un avvocato

    Vincenzo Malinconico modesto avvocato ma ottimo filosofo. Chi cerca principalmente la trama la storia da telefilm tipo law and order, ha sbagliato libro. La storia gli avvenimenti sono da contorno ai ...continua

    Vincenzo Malinconico modesto avvocato ma ottimo filosofo. Chi cerca principalmente la trama la storia da telefilm tipo law and order, ha sbagliato libro. La storia gli avvenimenti sono da contorno ai pensieri filosofici e alle paturnie di Malinconico. Un libro che ti fa riflettere sul valore dell'amore e della vita in genere. Come affrontare i problemi dei figli i cambiamenti il lavoro e come è vivere in una città dove a volte si pensa che la camorra sia una cosa normale.
    Riflessivo ironico e, appunto, malinconico

    ha scritto il 

  • 5

    Non avevo capito niente

    Vincenzo Malinconico ha quarantadue anni, una moglie che lo sta lasciando, due figli più svegli di lui e un lavoro, quello di avvocato, da cui cerca di ottenere benessere economico e prestigio sociale ...continua

    Vincenzo Malinconico ha quarantadue anni, una moglie che lo sta lasciando, due figli più svegli di lui e un lavoro, quello di avvocato, da cui cerca di ottenere benessere economico e prestigio sociale, ma dal quale ricava solo fallimenti e un costante abbassamento del livello dell’autostima.
    Guardandolo arrancare tra i corridoi e le aule del tribunale di Napoli, mentre rimbalza tra bizzarri camorristi e un'affascinante collega, tra il rabberciato arredamento svedese del suo studiolo e quello, ben più costoso e patinato di ambigui bar di quartiere che è costretto a frequentare, scopriamo un antieroe alle prese con se stesso e con una vita che lo spinge sempre di più in mare aperto, contro onde beffarde che cercano di sommergerlo e dalle quali si difende rimanendo aggrappato alla sua frangibile zattera fatta di tenerezza e autoironia.
    Malinconico passa le giornate cercando maldestramente di riempire i lunghi archi temporali che collegano impegni lavorativi sempre più radi, e così si trascina, indolente e senza meta, di telefonata in appuntamento. Ma, soprattutto, Malinconico è un assiduo frequentatore di sé stesso. Impiega una buona fetta del proprio tempo a intessere lucidi monologhi stralunati nei quali si interroga continuamente, si prende allegramente in giro, rimugina sui propri errori e prevede l’arrivo puntuale di un esercito di sensi di colpa che non elude, anzi, aspetta con scanzonata rassegnazione e lascia che incidano senza indulgenza la sua coscienza già piuttosto malridotta, come un serial killer che lascia indizi in giro, nella speranza di essere catturato.
    In queste esilaranti digressioni, in cui non mancano omaggi al Bret Easton Ellis di American Psyco (nelle recensioni musicali, non nelle vivisezioni di cadaveri!), Malinconico sfoggia contemporaneamente verve comica e profondità di pensiero. E diventa difficile non empatizzare con questo combattente remissivo che fa sganasciare dalle risate e, allo stesso tempo, illumina e spiazza per le sue acute riflessioni filosofiche su alcuni dei temi centrali della vita: l’amore, soprattutto, quello che fa male e quello che accende; i rapporti tra genitori e figli, la ricerca di sé stessi e della felicità, forse non così lontana come possa sembrare...
    Scegliendo l’azzardo del difficile registro umoristico e coniugandolo con parole che provengono direttamente dal proprio vissuto personale, Diego De Silva diverte e appassiona, prende in giro la vita e, allo stesso tempo, la stringe forte. E risiede proprio nella fusione di questi due elementi l'originale cifra stilistica di questo romanzo sorprendente.

    ha scritto il 

  • 4

    Una lettura piacevole!

    Leggo recensioni molto contrastanti tra loro... personalmente devo dire che mi è sembrata una lettura molto piacevole e divertente, anche se in alcuni punti un po' lenta.
    La mia recensione completa qu ...continua

    Leggo recensioni molto contrastanti tra loro... personalmente devo dire che mi è sembrata una lettura molto piacevole e divertente, anche se in alcuni punti un po' lenta.
    La mia recensione completa qui: http://laserelegge.blogspot.it/2016/02/non-avevo-capito-niente.html

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per