Non avevo capito niente

Voto medio di 4769
| 1.267 contributi totali di cui 1.020 recensioni , 244 citazioni , 2 immagini , 1 nota , 0 video
Vincenzo Malinconico è un avvocato napoletano che finge di lavorare per riempire le sue giornate. Divide con altri finti-occupati come lui uno studio arredato con mobili Ikea, chiamati affettuosamente per nome, come fossero persone di famiglia. È ...Continua
Ha scritto il 05/09/17
Ho iniziato la lettura di questo libro con una certa perplessità, perché conoscevo poco lo scrittore ma soprattutto perché la vicenda all’inizio gira poco!! Poi invece il ritmo accelera e i colpi di scena, alcuni anche molto divertenti , si ...Continua
Ha scritto il 28/08/17
Libretto simpatico, alcuni personaggi azzeccati, storia non proprio avvincente, scrittura scorrevole e a tratti divertente. Buon libro per rilassarsi senza troppe pretese.
Ha scritto il 19/08/17
Rimango delusa da questo libro, ho letto 1/3 delle pagine ma non trovo ironia, divertimento, drammaticità o altre qualità da tutti tanto decantate. A parte la vita quotidiana dello sfigato avvocatuccio, non capisco dove voglia andare a parare ...Continua
Ha scritto il 11/08/17
Diego De Silva non ha molto da dire. Ma quel poco che dice, anche se è banale, lo dice benissimo, e si fa leggere con piacere (soprattutto se in certe frasi, almeno un po’, ti ci riconosci):“Io vorrei, vorrei davvero che i dispiaceri scaduti, ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 06/08/17
Stufa, innervosisce.
Non mi piace affatto come scrive, pessimo stile. E personaggio insopportabile, Vincenzo, uno di quelli che vuole fare sempre il simpaticone, vuole sempre far ridere e alla fine sortisce l'effetto opposto: stufa, innervosisce.

Ha scritto il Sep 18, 2017, 13:44
"...l'unica cosa piacevole sono i cani spaparanzati un po' ovunque sulle aiuole, che quando passi e li guardi gliela invidi, quella concezione apertamente fatalistica dell'esistenza."
Pag. 140
  • 1 mi piace
Ha scritto il Sep 18, 2017, 13:41
"Mi giro il pacco nelle mani, leggo il mio nome nel riquadro del destinatario (strano come, certe volte, leggere il proprio nome ti faccia sentire sconosciuto a te stesso)."
Pag. 134
  • 1 mi piace
Ha scritto il Sep 18, 2017, 13:39
"Quando uno capita in un posto pieno di gente, dopo un po' comincia a comportarsi come se fosse in fila per un provino. Ed è normale che sia così, perché è una cosa difficilissima essere disinvolti in mezzo alla gente, Hai voglia a dire che non ...Continua
Pag. 119
  • 1 mi piace
Ha scritto il Sep 18, 2017, 13:34
"Dicono che la felicità si trova nelle piccole cose. Sapeste l'infelicità."
Pag. 117
Ha scritto il Sep 18, 2017, 13:33
"Per strada, il pensiero di A. che mi aspetta al sicuro a casa è una specie di morfina. In fondo non è male tenere in gabbia le persone che si amano, se capite davvero quello che intendo."
Pag. 116
  • 1 mi piace

Ha scritto il Sep 18, 2017, 13:46

Ha scritto il Jan 04, 2017, 16:45
Ma che ne so...
Ma che ne so...
  • 1 mi piace

Ha scritto il Sep 07, 2015, 16:51
Edizione del 2014, "Non avevo capito niente", pagine 309, prezzo di copertina Euro 11.50

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi