Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Non buttiamoci giù !! SCHEDA DOPPIA !!

Di

Editore: Mondolibri

3.6
(7605)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Chi tradizionale , Svedese , Finlandese , Portoghese , Greco

Isbn-10: A000012388 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Ti piace Non buttiamoci giù !! SCHEDA DOPPIA !!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Scheda DOPPIA, da non aggiungere nella propria libreria.

La scheda dell'edizione Mondolibri si trova qui:

http://www.anobii.com/books/Non_buttiamoci_giù/01b7979d4763f5c3a5/
Ordina per
  • 3

    "Alcuni che son morti,gente troppo sensibile per vivere: Sylvia Plath,Van Gogh,Virginia Woolf,Jackson Pollock,Primo Levi,naturalmente Kurt Cobain.Alcuni che son vivi:George W.Bush,Arnold Schwarzenegger,Osama Bin Laden.Mettete una crocetta di fianco alle persone con cui potrebbe piacervi bere qual ...continua

    "Alcuni che son morti,gente troppo sensibile per vivere: Sylvia Plath,Van Gogh,Virginia Woolf,Jackson Pollock,Primo Levi,naturalmente Kurt Cobain.Alcuni che son vivi:George W.Bush,Arnold Schwarzenegger,Osama Bin Laden.Mettete una crocetta di fianco alle persone con cui potrebbe piacervi bere qualcosa,e poi guardate quali stanno tra i morti e quali tra i vivi.E...okay,potete anche dire che ho truccato il mazzo,che dalla mia lista dei "vivi" manca un tot di persone che potrebbero mandare a monte il discorso,qualche poeta e musicista eccetera.E potete anche aggiungere che Stalin e Hitler non erano il massimo e non sono più fra noi.Ma via,un po' di elasticità:avete capito cosa voglio dire.Per i sensibili è più dura stare in circolazione."
    "E lui fa che l'idea era,cioè,che tu sei sempre lì che ti offri agli dei della Vita e della Morte,che erano dei pagani,quindi c'entravan niente colla chiesa.E se il dio della Vita ti voleva,allora vivevi,se ti voleva il dio della Morte,invece no.Perciò,secondo lui,io la notte dell'Ultimo ero stata voluta dal dio della Vita,ed è per quello che non mi ero buttata....E dopo mi ha detto che le persone dal cervello-cadavere,come George Bush e Tony Blair e la giuria di Pop Idol non si offrivano mai agli dei della Vita e della Morte,perciò non avrebbero mai potuto dimostrare di avere diritto di vivere,e noi non dovevamo obbedire alle loro leggi e riconoscere le loro decisioni."

    ha scritto il 

  • 3

    Il sarcasmo e l'ironia di Hornby mi piacciono un sacco e anche questo libro è iniziato sotto i migliori auspici. Poi però i personaggi sono diventati pesanti e certi passaggi sono infiniti.
    3 stelle per i sorrisi che mi ha strappato di tanto in tanto.

    ha scritto il 

  • 2

    Quattro sconosciuti si incontrano sopra il tetto di un palazzo londinese, la notte di Capodanno;
    storie diverse, persone differenti e vite condotte nel modo più disparato si trovano unite nel condividere un tormentato desiderio: quello di togliersi la vita.
    Detta così potrebbe sembrar ...continua

    Quattro sconosciuti si incontrano sopra il tetto di un palazzo londinese, la notte di Capodanno;
    storie diverse, persone differenti e vite condotte nel modo più disparato si trovano unite nel condividere un tormentato desiderio: quello di togliersi la vita.
    Detta così potrebbe sembrare una storia drammatica, e invece no, perché Hornby racconta le vicende di questi quattro sgangherati individui con un tono tragicomico, alternando comicità a riflessioni sulla vita e sulla morte, mai troppo altisonanti che ben s’addicono ai personaggi.
    Nella traduzione italiana spesso manca l’uso del congiuntivo, per imitare ancora più la lingua parlata, sebbene questo possa far storcere,comprensibilmente, il naso a molti, l’ho trovato un efficace tentativo di mimesi, anche se talvolta abusato. Libro piacevole, forse un po’ trascinato nel finale, non ha tenuto completamente fede alle mie aspettative.

    ha scritto il 

  • 3

    Il realismo di Hornby questa volta mi ha lasciato interdetto. Qualche sorriso me lo ha strappato e alcune riflessioni sono interessanti, ma nulla di più. Tema amaro e svolgimento amaro.

    ha scritto il 

  • 2

    Due stelle, anche se non riesco ad inserirle!

    Non mi aspettavo che Nick Hornby mi deludesse così.... Avevo iniziato ad abbandonato questo libro 10 anni fa, ma visti i tanti pareri positivi ho deciso di riprovarci. E nulla, no, non è Nick Hornby, le frasi sgrammaticate sono insopportabili, e va bene che il tipo di scrittura vuole caratterizza ...continua

    Non mi aspettavo che Nick Hornby mi deludesse così.... Avevo iniziato ad abbandonato questo libro 10 anni fa, ma visti i tanti pareri positivi ho deciso di riprovarci. E nulla, no, non è Nick Hornby, le frasi sgrammaticate sono insopportabili, e va bene che il tipo di scrittura vuole caratterizzare i diversi personaggi, ma io ho trovato la cosa davvero pesante. sarei curiosa di leggerlo in lingua originale per capire se è un problema di traduzione o davvero l'intenzione dell'autore (ammesso che la mia conoscenza dell'inglese mi possa per,etere di capirlo).
    Ho trovato la storia indubbiamente originale, ma non mi ha lasciato nulla, il vuoto totale... Tanto vale leggere un I love shopping!

    ha scritto il 

  • 4

    Pseudo opinione scritta male, con il solo scopo di ricordarmi in futuro cosa ho provato leggendo questo libro (siete avvertiti)

    Come ho finito per leggerlo? consigliato da amici
    Se vi è mai capitato di toccare il fondo, di arrivare ad un punto in cui avete pensato "se ora avessi una pistola mi tirerei un colpo in testa" bene, siete sicuramente in grado di fare vostro questo libro, leggetelo.
    E' uno di quei lib ...continua

    Come ho finito per leggerlo? consigliato da amici
    Se vi è mai capitato di toccare il fondo, di arrivare ad un punto in cui avete pensato "se ora avessi una pistola mi tirerei un colpo in testa" bene, siete sicuramente in grado di fare vostro questo libro, leggetelo.
    E' uno di quei libri che mi ha fatto bene all'anima perché, oltre ad essere veramente divertente (le parti narrate da Jess mi facevano morire dalle risate) è come se Nick Hornby avesse preso lo stream of consciousness che ho in testa e l'avesse tradotto in frasi di senso compiuto e concetti semplici, diretti, cioè: ha parlato per me.
    è un libro che non giudica la disperazione, la racconta e basta, non usa finti buonismi, ti mette a tuo agio, che altro aggiungere: ne vorrei a palate di libri così.

    ha scritto il 

  • 3

    Di Nick Hornby credo di aver letto quasi tutto (la cosa di musica, quella di calcio, quella sul ragazzino e Come diventare buoni, di cui nulla ricordo se non che mi piacque moltissimo), ma con ritmi biblici, per cui sono arrivato solo adesso a Non buttiamoci giù, esattamente 10 anni dopo la sua u ...continua

    Di Nick Hornby credo di aver letto quasi tutto (la cosa di musica, quella di calcio, quella sul ragazzino e Come diventare buoni, di cui nulla ricordo se non che mi piacque moltissimo), ma con ritmi biblici, per cui sono arrivato solo adesso a Non buttiamoci giù, esattamente 10 anni dopo la sua uscita...

    Continua qua: https://cheremone.wordpress.com/2015/01/08/cosa-mai-si-puo-imparare-nella-vita-a-parte-le-tabelline-degli-orari-e-il-nome-del-primo-ministro-spagnolo/

    ha scritto il 

  • 3

    Poco impegnativo a dispetto del tema trattato.

    "Non buttiamoci giù" è un libro scorrevole e, a dispetto del tema trattato, non impegnativo. Non mi è piaciuto il linguaggio spesso volgare utilizzato in buona parte del libro anche se capisco la necessità del suo uso per definire, nello specifico, il personaggio di Jess.
    Bella la morale de ...continua

    "Non buttiamoci giù" è un libro scorrevole e, a dispetto del tema trattato, non impegnativo. Non mi è piaciuto il linguaggio spesso volgare utilizzato in buona parte del libro anche se capisco la necessità del suo uso per definire, nello specifico, il personaggio di Jess.
    Bella la morale del libro che insegna che l'apertura verso gli altri, la condivisione, il desiderio di comprendere ed aiutare il prossimo possono davvero aiutarci a ridimensionare i nostri guai ed ad affrontarli con più forza.
    http://www.mr-loto.it/recensioni/non-buttiamoci-giu.html

    ha scritto il 

Ordina per