Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Non siamo capaci di ascoltarli

Riflessioni sull'infanzia e l'adolescenza

Di

Editore: Einaudi

3.4
(253)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 129 | Formato: Altri

Isbn-10: 880615785X | Isbn-13: 9788806157852 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Education & Teaching , Social Science , Teens

Ti piace Non siamo capaci di ascoltarli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
I "giovani" godono, oggi, di libertà un tempo impensabili, crescono protettima privi di autostima, subiscono indifferenza e vivono nella solitudinetecnologica. Educare diventa sempre più imbarazzante: genitori ed insegnantichiedono aiuto. La scuola e la famiglia sono passate attraverso una crisisilenziosa, eppure sembra complesso trovare una nuova autorevolezza e ladisponibilità a guardarsi con autocritica. Paolo Crepet riunisce, in questovolume, pensieri ed appunti raccolti in un viaggio lungo l'Italia, duratomolti anni.
Ordina per
  • 4

    Più efficace quando tocca la corda dell'emotività, mettendo il lettore a contatto con i vissuti dei ragazzi che quando prosegue la sua impietosa analisi dei mali della nostra società (analisi quasi sempre condivisibile, ma non sempre risolta in spunti di speranza per il futuro).

    ha scritto il 

  • 5

    Per insegnanti ed educatori

    se si vuole capire come si è evoluta la società dei giovani, che risposte dare a partire dalla scuola, questo libro va letto. Anche perchè i giovani di oggi sono gli adulti di domani, quelli che gestiranno le nuove generazioni e i loro diritti e la loro educazione


    Rivoluzionario perchè non ...continua

    se si vuole capire come si è evoluta la società dei giovani, che risposte dare a partire dalla scuola, questo libro va letto. Anche perchè i giovani di oggi sono gli adulti di domani, quelli che gestiranno le nuove generazioni e i loro diritti e la loro educazione

    Rivoluzionario perchè non vende soluzioni immediate come fanno certi ciarlatani, ci vuole una rivoluzione societaria

    ha scritto il 

  • 1

    Me lo ha regalato un amico dopo aver saputo delle avventure di mio figlio pensando di farmi un favore.

    Ho capito che questo amico è molto digiuno di questi tipi di lettura. Lo ringrazio ugualmente.

    ha scritto il 

  • 2

    Questo libro vuole affrontare tanti bei temi, caratteristici degli adolescenti e dei giovani di oggi. Il problema di questo libro è di essere di una superficialità disarmante; la maggior parte degli spunti interessanti che vengono trattati si risolvono in "considerazioni da bar"...
    Nonostante qu ...continua

    Questo libro vuole affrontare tanti bei temi, caratteristici degli adolescenti e dei giovani di oggi. Il problema di questo libro è di essere di una superficialità disarmante; la maggior parte degli spunti interessanti che vengono trattati si risolvono in "considerazioni da bar"... Nonostante quest'uomo mi risulti profondamente odioso mi sono ritrovata a leggere questo libro con curiosità e devo dire che è scritto veramente bene poichè molto scorrevole; alla capacità stilistica non posso dire corrisponda anche quella letteraria. Sarebbe stato per me molto interessante, ad esempio, leggere a proposito dei numerosi incontri pubblici e privati di Crepet (nonostante ripeto non sia un personaggio a me poco gradito) poiché ha avuto la grande possibilità di conoscere moltissime realtà raccogliendo probabilmente, in quanto personaggio noto molte più "confessioni" rispetto ad altri suoi colleghi... Peccato che i racconti delle sue esperienze siano così poco approfonditi (a volte solo stralci di frasi o fatti) da lasciarci dubbi sul contesto in cui sono accaduti e sul reale significato abbiano al di al di quello che l'autore vuole far presumere.

    ha scritto il 

  • 4

    LA COMUNICAZIONE FRA GENITORI E FIGLI VISTA DA DENTRO , LE DIFFICOLTA' IL MONDO DEI GIOVANI LE LORO DOMANDE SIAMO CAPACI DI EDUCARE? DI ASCOLTARE? AI INCONTRARE LE NUOVE GENERAZIONI?

    ha scritto il 

  • 4

    Ho voluto rileggere questo libro perchè mi risuonavano nella mente alcune frasi del prof. Crepet e ho fatto benissimo! Questa seconda lettura mi ha convinta più della prima, ho trovato un'analisi attenta e acuta dei bisogni dei bambini e degli adolescenti. Sebbene sia un testo di circa dieci anni ...continua

    Ho voluto rileggere questo libro perchè mi risuonavano nella mente alcune frasi del prof. Crepet e ho fatto benissimo! Questa seconda lettura mi ha convinta più della prima, ho trovato un'analisi attenta e acuta dei bisogni dei bambini e degli adolescenti. Sebbene sia un testo di circa dieci anni fa, la situazione non è cambiata, anzi è peggiorata a causa della misera chiusura degli adulti in se stessi. Crepet analizza situazioni che dieci anni fa erano in fieri (incidenti del sabato sera, uso di sostanze stupefacenti, richiesta di interventi estetici per le adolescenti, bullismo ecc.) e oggi sono talmente conclamate da non fare più nemmeno notizia, ma quello che davvero ho apprezzato è lo stimolo che da questo libretto si può derivare: siamo tutti responsabili di come vanno le cose, dovremmo avere il coraggio di assumerci le responsabilità del caso, non basta scuotere il capo e dare la colpa ad entità non meglio definite. Qualcuno obietterà che non si trova alla fine la ricetta miracolosa per aiutare nella crescita i nostri ragazzi, ma concordo sul fatto che già stare mezz'ora seduti ad ascoltare cosa essi hanno da raccontare sia un buon inizio.

    ha scritto il