Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Non sono obiettivo

Di

Editore: Feltrinelli

3.8
(46)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807816520 | Isbn-13: 9788807816529 | Data di pubblicazione: 

Genere: Art, Architecture & Photography , Family, Sex & Relationships , Non-fiction

Ti piace Non sono obiettivo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Oliviero Toscani non è solo un famoso fotografo. Gli piace polemizzare e amacastigare i costumi del tempo in cui si trova a vivere. Con questo spiritotiene una rubrica ("Natura morta") sul quotidiano "Il Tirreno". Montando isuoi articoli ha realizzato un volume scandito in dodici sezioni, in cui se laprende con il consumismo becero, l'ansia accumulativa dei nuovi ricchi, ildegrado ambientale e morale, le donne che non fanno le donne e gli uomini chenon fanno gli uomini, Berlusconi e la Lega, tutte le forme di ottusità,fanatismo, oscurantismo e intolleranza che avvelenano la convivenza civile.
Ordina per
  • 4

    Deliziosamente aggressivo. In un mondo anestetizzato può far bene una voce che grida scandalizzata, anche se a volte dalla morale eccessiva. Non dico di essere d'accordo proprio su tutti i punti presi in questione (la maggior parte, in ogni caso) ma alla fine, ragionate, l'essere d'accordo o meno ...continua

    Deliziosamente aggressivo. In un mondo anestetizzato può far bene una voce che grida scandalizzata, anche se a volte dalla morale eccessiva. Non dico di essere d'accordo proprio su tutti i punti presi in questione (la maggior parte, in ogni caso) ma alla fine, ragionate, l'essere d'accordo o meno non può essere un criterio per scartare un libro o un'opinione altrui in partenza. Questo sarebbe sintomo di arroganza, o forse di scarsa fiducia nelle proprie posizioni (il che spesso è la stessa cosa).
    Esagerato, ma lui stesso nella nota iniziale al testo lo scrive: "l'arte è l'espressione delle emozioni, esagerare fa bene, è un esercizio delle passioni, dalle quali veniamo sempre più allontanati dalla realtà analgesica in cui viviamo".

    Questa volta la responsabilità dell'Italietta odierna è di tutti, di tutti gli italiani. Me, Toscani e voi compresi.

    Provate a leggerlo e cerchiamo di farci un esame di coscienza.
    In bocca al lupo.

    ha scritto il 

  • 4

    Per sentirmi meno solo.

    Moltissime le contraddizioni che Oliviero mette in evidenza.Veramente tante le opportunità per interrompere la lettura, alzare gli occhi al cielo e riflettere.
    Tra i pochi che osa attribuire le fatiscenze della nostra società ai societari... cioè noi. Noi tutti. Finalmente non solo attribuzi ...continua

    Moltissime le contraddizioni che Oliviero mette in evidenza.Veramente tante le opportunità per interrompere la lettura, alzare gli occhi al cielo e riflettere.
    Tra i pochi che osa attribuire le fatiscenze della nostra società ai societari... cioè noi. Noi tutti. Finalmente non solo attribuzioni di responsabilità ai solo e soliti politici, menager ed amministratori.
    Poche le soluzioni o i tentativi di somministrare le "giuste medicine". Meglio cosi; chi ha voglia e capacità rifletta e si armi adeguatamente.
    E' uno di quei libri che mi fanno sentire meno extraterrestre.

    ha scritto il 

  • 5

    Non avrei mai pensato che una persona come Oliviero Toscani, famosa soprattutto per le sue provocatorie campagne fotografiche, possedesse una tale arguzia e una tale indicibile bravura con la penna. Tagliente nei giudizi, lucido nelle riflessioni, divertente nel sarcasmo: un mito.

    ha scritto il 

  • 2

    lo so che Toscani non è e non vuole essere obiettivo, come mette in guardia il titolo, ma la sua opinione delle persone con gusti e abitudini diverse dalle sue mi sembra fin troppo violenta. Questa lettura me la potevo proprio risparmiare.

    ha scritto il 

  • 3

    Uno che parla pane al pane e vino al vino. Uno straordinario fotografo e una grande persona che ci parla di ciò che non lo fa essere obiettivo, dalle chiese lancia.missili (per la forma) allo sperpero della ricchezza, all'abbruttimento della sua Cecina.

    ha scritto il 

  • 3

    sulle idee di fondo sono d'accordo: l'ecologia, l'informazione non limpida, lo strapotere della pubblicità e del profitto, il livellamento mentale e culturale dilaganti, la bruttezza dell'architettura moderna, ecc.
    A volte però mi pare generalizzi troppo.

    ha scritto il