Non ti muovere

Di

Editore: Mondadori

3.9
(11208)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 295 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Olandese

Isbn-10: 8804536586 | Isbn-13: 9788804536581 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Non ti muovere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Una giornata di pioggia e di uccelli che sporcano le strade, una ragazza di quindici anni che scivola e cade dal motorino. Una corsa in ambulanza verso l'ospedale. Lo stesso dove il padre lavora come chirurgo. E' lui che racconta l'accerchiamento terribile e minuzioso del destino. Il padre in attesa, immobile nella sua casacca verde, in un salotto attiguo alla sala operatoria. E in questa attesa, gelata dal terrore di un evento estremo, quest'uomo, che da anni sembra essersi accomodato nella sua quieta esistenza di stimato professionista, di tiepido marito di una brillante giornalista, di padre distratto di un'adolescente come tante, è di colpo messo a nudo, scorticato, costretto a raccontarsi una verità straniata e violenta.
Ordina per
  • 3

    null

    Sarà che ho apprezzato tantissimo il film con Castellito e Penelope Cruz, sarà che al contrario il libro mi ha entusiasmato meno. Non parlo della trama, opinabile ma sempre una storia è. Discuto la sc ...continua

    Sarà che ho apprezzato tantissimo il film con Castellito e Penelope Cruz, sarà che al contrario il libro mi ha entusiasmato meno. Non parlo della trama, opinabile ma sempre una storia è. Discuto la scrittura della Mazzantini, non nella forma, lei è una grande scrittrice, per carità, discuto lo scrivere nelle vesti di un uomo, Timoteo che mi è sembrato di una brutalità e misoginia da censura. Su certe espressioni poi, tipo "squittio" no comment.

    ha scritto il 

  • 5

    null

    "Lei c'era già. Chi ti ama c'è sempre, Angela, c'è prima di conoscerti, c'è prima di te".

    Non mi è mai capitato, come leggendo questo libro, di amare e contemporaneamente odiare i personaggi:Timoteo, ...continua

    "Lei c'era già. Chi ti ama c'è sempre, Angela, c'è prima di conoscerti, c'è prima di te".

    Non mi è mai capitato, come leggendo questo libro, di amare e contemporaneamente odiare i personaggi:Timoteo, che in seguito all'incontro con Italia, nonostante la sua vita perfetta, commette errori su errori nell'impotenza del suo essere umano, scegliendo a tratti il suo amore impossibile e a tratti la "cosa giusta", la sua famiglia.
    Italia, sempre così mancante, sgraziata, sbagliata con il suo odore forte, quel copriletto di ciniglia e il suo avanzare incerto sui tacchi, due mondi agli antipodi, due vite distanti che faticano a trovare un senso anche solo al loro incontro.
    Elsa, nella sua perfezione di giornalista affermata moglie di un chirurgo, bella, bellissima da mozzare il fiato, che non chiede aiuto e sembra non averne mai bisogno, che sospetta, indaga, intuisce ma senza avere (il coraggio di?) uno scambio reale col marito.
    Qualsiasi sia stata la mia impressione iniziale, è stata del tutto capovolta durante la lettura. Tra sbalzi temporali e cambi di umore del protagonista(prima odia Italia, poi la ama, non può vivere senza di lei, ancora non può abbandonare la famiglia e tutta la sua vita) sono stata totalmente assorbita dalla prosa impeccabile e dal talento tutto femminile di una Mazzantini capace di farmi commuovere in più di un'occasione, senza mai togliere ma arricchendo il racconto di tutte le sfaccettature dell'amore, odio compreso.

    ha scritto il 

  • 3

    null

    Se dovessi riassumere questo libro con una parola, sarebbe : "sconvolgente". Ti lascia una sensazione ti vuoto e di scombussolamento tanto quanto lo sono i protagonisti, e penso sia proprio questo l'o ...continua

    Se dovessi riassumere questo libro con una parola, sarebbe : "sconvolgente". Ti lascia una sensazione ti vuoto e di scombussolamento tanto quanto lo sono i protagonisti, e penso sia proprio questo l'obbiettivo della scrittrice : di destabilizzarti. Lo stile della Mazzantini, si sa, è moooolto particolare, per me a tratti incomprensibile; Dovevo rileggere la frase più volte per capirne il significato appieno e spesso non ci riuscivo. I personaggi non sono particolari, ma carichi di emozioni quasi da sentirle sulla pelle.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Sarebbe più un tre e mezzo che un tre, ma ho arrotondato per difetto.
    E' stata una lettura piacevole, sebbene, per mia natura, non accetti il tradimento e quindi non sono mai riuscita ad empatizzare f ...continua

    Sarebbe più un tre e mezzo che un tre, ma ho arrotondato per difetto.
    E' stata una lettura piacevole, sebbene, per mia natura, non accetti il tradimento e quindi non sono mai riuscita ad empatizzare fino in fondo con Timo.
    Inoltre, l'amore per una figlia supera qualsiasi altro amore - a mio parere - e ho trovato fuori luogo ripercorrere tutta la sua vita parallela con Italia, come se poi stesse parlando con la stessa figlia.

    ha scritto il 

  • 5

    Toccante

    Le recensioni di questo romanzo sono decisamente scritte meglio di quanto potrei fare io. Mi limito a dire che piü mi ha toccato in questo romanzo é stata la capacitä di Mazzantini di descrivere emozi ...continua

    Le recensioni di questo romanzo sono decisamente scritte meglio di quanto potrei fare io. Mi limito a dire che piü mi ha toccato in questo romanzo é stata la capacitä di Mazzantini di descrivere emozioni tipiche di un uomo. Incredibile!
    E´una lettura da leggere e da ricordarsi.

    ha scritto il 

  • 3

    il libro è scritto abbastanza bene, però c'è un qualcosa che non mi convince. Forse sta proprio nel protagonista, che ha così poco carattere, forse nella sua amante che viene descritta e trattata in m ...continua

    il libro è scritto abbastanza bene, però c'è un qualcosa che non mi convince. Forse sta proprio nel protagonista, che ha così poco carattere, forse nella sua amante che viene descritta e trattata in maniera mortificante, quando in realtà dovrebbe essere quella che più rappresenta il genere femminile di oggi..

    ha scritto il 

Ordina per