Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Non vi lascerò orfani

By Daria Bignardi

(2252)

| Hardcover | 9788804585381

Like Non vi lascerò orfani ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La sopravvivenza dei figli ai genitori è vista in tutte le tradizioni come un fatto naturale. A maggior ragione quando la scomparsa del genitore non lascia un piccolo orfano ma un orfano adulto. Eppure il dolore dell'orfano adulto non è meno intenso. Continue

La sopravvivenza dei figli ai genitori è vista in tutte le tradizioni come un fatto naturale. A maggior ragione quando la scomparsa del genitore non lascia un piccolo orfano ma un orfano adulto. Eppure il dolore dell'orfano adulto non è meno intenso. L'opera di Daria Bignardi scava in questo dolore, lo analizza, lo racconta. La morte della madre è, insieme, il momento della sofferenza e quello del confronto con la prima vita altrui con la quale si è venuti a contatto - e quindi con la propria stessa vita: l'infanzia dei ricordi, l'adolescenza dei contrasti, la giovinezza delle fughe, l'irreale maturità. La morte di una madre ci fa sentire parte di una storia di famiglia, di un mondo, di una genealogia, addirittura di un periodo storico. E di un racconto: il racconto di queste pagine nelle quali sarà, per chiunque, pur nell'assoluta singolarità della voce narrante, facilissimo riconoscersi.

406 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Mi e' piaciuto moltissimo. il primo libro di Daria Bignardi che io ho letto per ultimo. sicuramente si e' poi migliorata nello scrivere, ma ho trovato questa intimita' nei racconti della sua infanzia, del rapporto con la sua mamma molto familiare.
    A ...(continue)

    Mi e' piaciuto moltissimo. il primo libro di Daria Bignardi che io ho letto per ultimo. sicuramente si e' poi migliorata nello scrivere, ma ho trovato questa intimita' nei racconti della sua infanzia, del rapporto con la sua mamma molto familiare.
    A tratti sembra una storia comune. Si percepisce l'amore e l'impegno che ci ha messo nel riportare i suoi sentimenti nel libro.

    Is this helpful?

    Annalu said on Jul 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ABBANDONATO

    Secondo libro dell'autrice che leggo; dopo un inizio promettente prevale la noia, fatti e personaggi poco interessanti, zero empatia.
    Preferisco decisamente Daria Bignardi quando non scrive romanzi.

    Is this helpful?

    corallo said on Feb 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi ha riacceso molti ricordi della mia infanzia ; ho trovato molte situazioni simili . Casa di campagna , nonni cugini zii etc personaggi curiosi , misteri , modi di dire e cose non dette, mezze parole.

    Is this helpful?

    Papo said on Feb 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Con un linguaggio semplice, ma diretto l'autrice entra e scava nella propria vita passando in rassegna eventi piccoli e grandi che l'hanno caratterizzata. É un ritratto a tutto tondo di persone e fatti nei quali, in parte, riconoscersi, lungo il filo ...(continue)

    Con un linguaggio semplice, ma diretto l'autrice entra e scava nella propria vita passando in rassegna eventi piccoli e grandi che l'hanno caratterizzata. É un ritratto a tutto tondo di persone e fatti nei quali, in parte, riconoscersi, lungo il filo comune di un sentimento nostalgico verso chi non c'è più

    Is this helpful?

    Federico Migliorati said on Jan 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Cara Daria (3,8 stelle)

    Ho provato quasi subito empatia per daria Bignardi leggendo questo suo primo romanzo.
    Probabilmente, seppur con moltissime differenze di storia e di famiglia, mi sono sentita accomunata a lei per il rapporto di amore conflittuale madre-figlia.
    Il rom ...(continue)

    Ho provato quasi subito empatia per daria Bignardi leggendo questo suo primo romanzo.
    Probabilmente, seppur con moltissime differenze di storia e di famiglia, mi sono sentita accomunata a lei per il rapporto di amore conflittuale madre-figlia.
    Il romanzo è più che altro un diario di ricordi personali dell’autrice, un rimettere in fila parenti, amici e animali coi conseguenti sentimenti della propria vita, quindi nulla di particolarmente originale. Tuttavia il modo di scrivere della Bignardi è molto “facile” e piacevole, la storia scorre bene. Ci si affeziona a questa autrice/giornalista/conduttrice televisiva dall’apparenza un po’ freddina e scostante, che nasconde anche dolcezza e che ha saputo amare perfino i lati negativi materni ed ha tentato di evitare gli stessi errori nella sua nuova famiglia.
    Mi è piaciuto il modo in cui è riuscita a parlare dei suoi genitori, senza mitizzarli e mettendone in evidenza pregi e difetti, ha saputo far trasparire il bene che ha provato per loro, ha saputo accettarli per quello che erano e voler loro bene in modo incondizionato ma senza paraocchi.
    E questa affettuosa accettazione, se non è facile spesso per un genitore, lo è ancor meno per un figlio, credo io.
    Alla fine è riuscita pure a farmi pungere le lacrime agli occhi, non per l’eccezionalità di ciò che ha scritto, bensì per la normalità, la verità, la semplicità di sentimenti comuni a molti di noi.

    Citazioni:
    “Perché nessuno mai ti dice, quando sei ragazzino, che anche se la mamma rotea gli occhi e urla come una pazza non è veramente pazza e non lo diventerà mai, e nemmeno tu diventerai pazzo come lei. Per anni ho avuto il terrore che mia madre potesse perdere la ragione, e io con lei. Ora so che una madre stressata e nervosa può ululare e ringhiare e dare sberle ma non per questo impazzirà.
    Ma quante angosce di meno, se lo avessi capito prima.”

    “Tempo fa mi avevano colpito le parole di una scrittrice: diceva che sua madre era morta da cinque anni e lei non aveva ancora smesso di litigarci. Avevo immaginato che sarebbe stato così anche per me, invece, senza una ragione precisa, circa un anno prima che la mamma morisse mi è cambiato qualcosa dentro, ho sentito che era arrivato il momento di accettarla com'era, e di proteggerla.”

    “Ma l'amore è amore. È quando non c'è più che capisci quanto ti manca, anche se è faticoso da sopportare.”

    Is this helpful?

    Monica Spicciani (scambio cartacei-sottolineo a matita) said on Nov 30, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (2252)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Hardcover 160 Pages
  • ISBN-10: 8804585382
  • ISBN-13: 9788804585381
  • Publisher: Mondadori
  • Publish date: 2009-01-01
  • Also available as: Paperback
Improve_data of this book