Non vi lascerò orfani

Voto medio di 1956
| 425 contributi totali di cui 414 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Sulla cop.: Con un nuovo capitolo: L'appartamento al mare

La sopravvivenza dei figli ai genitori è vista in tutte le tradizioni come un fatto naturale. A maggior ragione quando la scomparsa del genitore non lascia un piccolo orfano ma un or
...Continua
beba
Ha scritto il 18/08/18
Forse un po’ troppo personale perché mi sono spesso persa tra i gradi di parentela e i nomi dei vari nonni,cugini,zii e zie. Però è un bello spaccato di vita familiare emiliana soprattutto nella descrizione del rapporto travagliato tra la madre Giann...Continua
Nebbia
Ha scritto il 28/06/18
La Bignardi per quel poco che la conosco mi piace. Mi piace anche come scrive. Questo libro forse per certi aspetti è un po' troppo "privato", nel senso che molto spazio è dato alla descrizione dei componenti della sua grande famiglia. Certamente il...Continua
Lady Diana
Ha scritto il 18/04/18

La storia vera della famiglia di Daria Bignardi in un racconto breve, a suo modo leggero e allo stesso tempo toccante.

Stefano Menchetti
Ha scritto il 30/07/17

Storia familiare che non mi ha particolarmente esaltato, mi aspettavo qualcosa di più introspettivo.

Minerva
Ha scritto il 10/07/17
Sciapo
'Non vi lascero' orfani' e' sostanzialmente una panoramica dell'albero genealogico della famiglia Bignardi, condita qua e la' da brevi riflessioni sulla famiglia, sulla crescita, sulla morte. Si fa leggere e si legge velocemente, ma non mi ha lasciat...Continua

beba
Ha scritto il Aug 18, 2018, 21:05
Ma perdere un genitore a quarant’anni fa più male che a venti. A venti è uno strazio,ma sei in corsa e corri. A quaranta è un dolore che non passa più. Non potrai più decidere se andarlo a trovare o no. Non potrai più fargli un regalo,spedirgli una c...Continua
Pag. 28
beba
Ha scritto il Aug 18, 2018, 21:00
È una consolazione per chi resta pensare che chi se ne va ha vissuto bene e la mia paura per molti anni è stata che non avrei potuto provare lo stesso sentimento quando sarebbe morta mia madre. Invece non è andata così. Ho capito che la vita della ma...Continua
Pag. 77
stellabook
Ha scritto il Dec 04, 2014, 14:19
Ma perdere un genitore a quarant'anni fa più male che a venti. A venti è uno strazio, ma sei in corsa e corri. A quaranta è un dolore che non passa più. Non potrai più decidere s andarlo a trovare o no. Non potrai più fargli un regalo, spedirgli un...Continua
Pag. 28
stellabook
Ha scritto il Dec 04, 2014, 14:15
Questo è la morte, oltre alla mancanza di chi non c’è più: è la vita, con tutti i suoi ricordi. E amore. Tutto l’amore che chi se ne va ci ha dato, buono o cattivo che sia stato. Per quello soffriamo tanto quando ci muoiono i genitori: sappiamo ben...Continua
Pag. 11
stellabook
Ha scritto il Dec 04, 2014, 14:11
E' bello stare accanto a chi muore. Quella notte mi era sembrato di partorirlo io, mio padre, mentre se ne andava dolorosamente: per niente sereno, per niente forte, umano come Cristo in croce.
Pag. 9

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi