Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Non vi lascerò orfani

Di

Editore: Mondadori

3.5
(1802)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804585382 | Isbn-13: 9788804585381 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Biography , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Non vi lascerò orfani?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La sopravvivenza dei figli ai genitori è vista in tutte le tradizioni come un fatto naturale. A maggior ragione quando la scomparsa del genitore non lascia un piccolo orfano ma un orfano adulto. Eppure il dolore dell'orfano adulto non è meno intenso. L'opera di Daria Bignardi scava in questo dolore, lo analizza, lo racconta. La morte della madre è, insieme, il momento della sofferenza e quello del confronto con la prima vita altrui con la quale si è venuti a contatto - e quindi con la propria stessa vita: l'infanzia dei ricordi, l'adolescenza dei contrasti, la giovinezza delle fughe, l'irreale maturità. La morte di una madre ci fa sentire parte di una storia di famiglia, di un mondo, di una genealogia, addirittura di un periodo storico. E di un racconto: il racconto di queste pagine nelle quali sarà, per chiunque, pur nell'assoluta singolarità della voce narrante, facilissimo riconoscersi.
Ordina per
  • 2

    Intricato...

    Un libro scritto in maniera anche piacevole....ma un po intricato...nel descrivere tutta la storia familiare della Bignardi...tutto il parentame da parte di padre e madre complica un po, almeno per me ...continua

    Un libro scritto in maniera anche piacevole....ma un po intricato...nel descrivere tutta la storia familiare della Bignardi...tutto il parentame da parte di padre e madre complica un po, almeno per me, seguire il filo della descrizione del rapporto madre-figlia. Scritto come detto in maniera simpatica....ma leggersi tutta la storia della famiglia in tutta onestà dopo un po mi ha annoiato...come sempre però testardamente concludo...un libro iniziato merita sempre di essere concluso...molte volte libri noiosi all'inizio si rivelano piccole chicche. Non stavolta ahime. Ciauuuuu

    ha scritto il 

  • 2

    Carino

    Carino, ma niente di più: ho trovato un po' antipatica la figura della madre di Daria Bignardi, mentre i nomi dei nonni e dei parenti dopo qualche pagina si disperdono e si fa difficoltà a ricordarli. ...continua

    Carino, ma niente di più: ho trovato un po' antipatica la figura della madre di Daria Bignardi, mentre i nomi dei nonni e dei parenti dopo qualche pagina si disperdono e si fa difficoltà a ricordarli.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' interdetto.

    Non vi lascerò orfani – Daria Bignardi
    E’ il suo primo romanzo ed è il suo primo anche per me.
    Dire che mi ha deluso è troppo. Diciamo però che non mi ha entusiasmato.
    E’ la storia di una famiglia, pa ...continua

    Non vi lascerò orfani – Daria Bignardi
    E’ il suo primo romanzo ed è il suo primo anche per me.
    Dire che mi ha deluso è troppo. Diciamo però che non mi ha entusiasmato.
    E’ la storia di una famiglia, parla di amori familiari ma soprattutto di morte.
    Nello specifico, della morte dei suoi genitori. Stile asciutto e piacevole, anche se un po’ acerbo ma con riflessioni interessanti, talvolta belle.
    Un bell’omaggio alla figura di sua madre e forse troppi dettagli sulla figura del gatto, del cane, dei suoi nonni e bisnonni di cui francamente se ne poteva fare a meno.
    Si legge piuttosto velocemente.
    Tre palle su cinque (6/10), con la promessa di leggere altro di un personaggio che comunque non mi dispiace.

    ha scritto il 

  • 4

    Riletto a distanza di qualche anno mi ha regalato sensazioni diverse ritrovare questa famiglia particolare. I sentimenti sprigionati da queste pagine sono così intensi che ti girano attorno tra malinc ...continua

    Riletto a distanza di qualche anno mi ha regalato sensazioni diverse ritrovare questa famiglia particolare. I sentimenti sprigionati da queste pagine sono così intensi che ti girano attorno tra malinconia, tristezza qualche rimpianto ma anche gioia di rivivere nei ricordi dei momenti ormai passati e voglia di mettersi a nudo.

    ha scritto il 

  • 3

    "E' morta senza sapere che a diciannove anni quando ancora c'era il Muro, ho passato un Capodanno a Berlino mentre la chiamavo fingendo di essere in Liguria, dove dissi che ero andata in treno".

    (...) ...continua

    "E' morta senza sapere che a diciannove anni quando ancora c'era il Muro, ho passato un Capodanno a Berlino mentre la chiamavo fingendo di essere in Liguria, dove dissi che ero andata in treno".

    (...)

    "Tempo fa mi avevano colpito le parole di una scrittrice: diceva che sua madre era morta da cinque anni e lei non aveva ancora smesso di litigarci".

    Facile riconoscersi in queste frasi. Stile scorrevole, ben scritto, ripercorre con precisione il rapporto madre/figlia, riproponendo (a se stessa oltre che al lettore), quell'ingorgo di emozioni, conflitti, dolori che vanno dall'infanzia all'età adulta.

    ha scritto il 

  • 0

    Tanto ormai è così che è andata

    Storia della famiglia di Daria Bignardi raccontata dalla stessa a partire dalla morte della madre che è insieme momento di dolore e occasione per ripercorrere la sua vita e in parte anche quella della ...continua

    Storia della famiglia di Daria Bignardi raccontata dalla stessa a partire dalla morte della madre che è insieme momento di dolore e occasione per ripercorrere la sua vita e in parte anche quella della sua famiglia.

    "Un comportamento tipico della mamma era fare una sfuriata, magari darmi una sberla e poi, pentita, portarmi a spasso e comprarmi un regalo. Sono cresciuta con la convinzione che amore e dolore siano inscindibili l'uno dall'altro: un'impronta impossibile da cancellare, ma che cerco di non trasmettere. Se ci riesco, non lo so."

    Non sarà un libro che farà la storia della letteratura ma secondo me la Bignardi è riuscita a raccontare con spontaneità e amore la sua famiglia. L'ho trovato diretto, sincero e pieno di vita. Consigliato!

    ha scritto il 

  • 0

    Intenso

    È davvero un libro intenso che mi ha emozionato. La descrizione dell'amore imprescindibile che lega genitori e figli è qualcosa in cui ognuno può riconoscersi, soprattutto nel momento doloroso in cui ...continua

    È davvero un libro intenso che mi ha emozionato. La descrizione dell'amore imprescindibile che lega genitori e figli è qualcosa in cui ognuno può riconoscersi, soprattutto nel momento doloroso in cui non ci sono più e restano solo i ricordi più vivi che mai.

    ha scritto il 

  • 2

    Letto in poche ore, a parte qualche slancio che rimane fine a se stesso ho trovato la narrazione piuttosto distaccata e metodica. E' la biografia di una famiglia, personalmente mi ha entusiasmata ben ...continua

    Letto in poche ore, a parte qualche slancio che rimane fine a se stesso ho trovato la narrazione piuttosto distaccata e metodica. E' la biografia di una famiglia, personalmente mi ha entusiasmata ben poco.

    ha scritto il 

Ordina per