Nonsolomamma

Di

Editore: TEA (Laughing out loud, 2)

3.9
(422)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 269 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850217234 | Isbn-13: 9788850217236 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Umorismo

Ti piace Nonsolomamma?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Lei fa la giornalista finanziaria. Ha due hobbit di sesso maschile. Il più grande ha quattro anni, ama le donne, il cioccolato e Il Signore degli Anelli. Da grande farà il cavaliere Jedi. Il più piccolo ama le papere e le scarpe. Ha gli occhi tondi, come il protagonista di un fumetto giapponese. Nei suoi quasi due anni di vita ha detto «sì» una volta sola e se n’è subito pentito.
Lei ha un marito part-time, barese e comunista, che passa buona parte del suo tempo a Londra dove lavora e dove probabilmente ha una vita parallela con un’altra moglie e altri figli, inglesi. Insieme a loro c’è spesso Valentina Diolabenedica, la baby sitter degli hobbit, la persona più importante dell’elasti-vita. Abitano a Felicity Place. Intorno a loro c’è Milano, ma i residenti di questo bizzarro posto tra le magnolie sono convinti di vivere in un ridente sobborgo americano e crescono i figli a Coca-Cola con ghiaccio, tacchino ripieno e pop corn cotti nel microonde.
Lei ha i piedi per terra, i capelli a carciofo e un cronico senso di colpa. Ha giornate complicate e notti impegnative. Non si veste da strafiga perché sta scomoda, non si trucca perché non ne ha il tempo, non si mette la crema idratante perché se ne dimentica. Se per sbaglio chiude gli occhi, crolla addormentata.
Lei è un’elasti-mamma, nel bene e nel male.
Ordina per
  • 4

    Geniale. Come saper raccontare la vita da mamma, ma ovviamente "nonsolomamma" facendoti ridere di tutto quello che nella vita reale ti getta nello sconforto più totale. e allora ti accorgi che siamo a ...continua

    Geniale. Come saper raccontare la vita da mamma, ma ovviamente "nonsolomamma" facendoti ridere di tutto quello che nella vita reale ti getta nello sconforto più totale. e allora ti accorgi che siamo assurdamente imperfette, ma per questo tanto migliori.

    ha scritto il 

  • 5

    Elasti è una blogger che ha avuto un enorme successo grazie al suo blog nonsolomamma.com.
    Probabilmente, prima di leggere il libro dovreste leggere il blog. Se leggendo un paio di post il suo successo ...continua

    Elasti è una blogger che ha avuto un enorme successo grazie al suo blog nonsolomamma.com.
    Probabilmente, prima di leggere il libro dovreste leggere il blog. Se leggendo un paio di post il suo successo non vi sembra meritato, forse è meglio che non compriate il libro.

    Se vi chiedete come mai Elasti sia diventata una celebrità, pluripremiata, e ormai scriva su giornali e riviste, nonché frequenti ogni mezzo di comunicazione, la risposta è semplice.
    Perché Elasti parla della vita famigliare e dei suoi figli con grande sincerità, senza nascondere che fare il genitore - soprattutto se si hanno tre figli, ma uno è sufficiente di solito - è terribilmente faticoso. Ma allo stesso tempo Elasti mostra tutte le qualità che bisogna avere per sopravvivere all'impresa: ironia, ironia, ironia.
    Anzi il punto centrale di tutto il suo racconto è che essere genitori è una scelta difficile, che mette a dura prova, ma che può dare grande felicità se affrontata con lo spirito giusto. E lo spirito giusto è quello di non perdere il sorriso, mai.

    Vivamente consigliato per sdrammatizzare, se state mettendo su famiglia o l'avete già fatto.

    ha scritto il 

  • 3

    Una donna elastica

    Non conoscevo l'autrice né il suo famoso blog. Il libro mi è stato regalato e all'inizio non mi è piaciuto: non sopportavo il lessico usato, in particolare il fatto che l'autrice usasse spesso il lin ...continua

    Non conoscevo l'autrice né il suo famoso blog. Il libro mi è stato regalato e all'inizio non mi è piaciuto: non sopportavo il lessico usato, in particolare il fatto che l'autrice usasse spesso il linguaggio dei suoi bimbi.
    Poi andando avanti è riuscita a conquistarmi, al punto che appena l'ho finito sono andata a comprare il suo seguito.
    Continua a non appassionarmi il suo modo di scrivere, ma mi piace la sua vita: il fatto che è sposata ad un economista marxista che lavora a Londra, che deve barcamenarsi fra un lavoro da giornalista e due figli che l'assorbono totalmente, il rapporto strambo con sua mamma e la figura dei due simpatici cognati.
    Insomma, un libro per sorridere della nostra cronica mancanza di tempo per noi e della frenesia della nostra vita quotidiana, che non ci lascia nemmeno il tempo per dormire..

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero divertente!

    Nella schiera dei libri "da mamma", questo è sicuramente uno dei migliori! Divertentissimo. Elasti è proprio una mamma qualunque con uno spirito di osservazione e un talento nello sdrammatizzare e ren ...continua

    Nella schiera dei libri "da mamma", questo è sicuramente uno dei migliori! Divertentissimo. Elasti è proprio una mamma qualunque con uno spirito di osservazione e un talento nello sdrammatizzare e rendere divertentissime le fatiche delle mamme!

    ha scritto il 

  • 3

    per milanesi di sinistra

    un blog di madre lavoratrice, impegnata come il marito nel terziario avanzato: le mille difficoltà a incastrare tutto, che tutti conosciamo per esperienza e dai racconti di coniugi, colleghe, ecc., ra ...continua

    un blog di madre lavoratrice, impegnata come il marito nel terziario avanzato: le mille difficoltà a incastrare tutto, che tutti conosciamo per esperienza e dai racconti di coniugi, colleghe, ecc., raccontate con brio.
    Direi un perfetto libro da gabinetto (absit iniuria verbis) o da sala d'attesa: purchè si abbia elevata tolleranza ai luoghi comuni della sinistra radical-chic. A mio parere, una certa lagnosità è un obiettivo ricercato, non la conseguenza di effettivi problemi.
    Quando in un ambiente para-intellettuale si chiamano i figli "hobbit", educandoli però all'ateismo, e nessuno legge mai un libro a un figlio ma si guarda Guerre Stellari, mi viene in mente il "liceo Marilyn Monroe" di quel film di Moretti.
    Mi è difficile capire tutto questo vanto per il comunismo nella Milano del 2013, soprattutto in un marito professore di economia: ma è un problema mio.

    ha scritto il 

  • 4

    Dal blog: http://happyredbook.blogspot.it/

    Esilarante, divertente, fenomenale.. questo libro è tutto da leggere e da ridere!!!
    Credetemi se siete giù di morale questo è il libro che fa per voi: da leg ...continua

    Dal blog: http://happyredbook.blogspot.it/

    Esilarante, divertente, fenomenale.. questo libro è tutto da leggere e da ridere!!!
    Credetemi se siete giù di morale questo è il libro che fa per voi: da leggere tutto d'un fiato o a piccoli dosi l'importante e lasciarsi trascinare dalla simpatia dei due Hobbit, di Miste Wonder che c'è part-time ed Elasti-mamma che regna e governa in casa e la baby-sitter Valentina Diolabenedica.

    Dire che ho riso è dire poco, perchè con semplicità e scioltezza Claudia De Lillo ci fa entrate nella sua vita sotto forma di diario quotidiano. Ogni volta che lo apro non posso fare a meno di ridere.. non ci credete vi riporto una pagina di diario:

    Domenica, 19 agosto

    Nevrosi hobbit

    I bambini sono feticisti. Lo hobbit piccolo ama le scarpe.
    I bambini sono maniacali. Lo hobbit piccolo non tollera il disordine.
    I bambini al mare giocano con la sabbia. Lo hobbit piccolo al mare raccoglie scarpe. Raccoglie zoccoli, infradito, sandali e ciabatte e li consegna ai legittimi proprietari perchè non sopporta che stiano scalzi. Brandendo trampoli con la zeppa lo hobbit piccolo scuote signorine in tanga leopardato stese sul bagnasciuga, sventolando birkenstock insegue giocatori di racchettoni, agitando sandaletti colorati infastidisce nani a mollo nelle loro piscinette gonfiabili.
    Feticista, maniacale e molesto. Prima o poi gli proibiranno l'accesso in spiaggia.

    ha scritto il 

  • 5

    Tutt'altro che solo per mamme!

    Non sono una mamma ma adoro il blog di Claudia De Lillo e ho letteralmente divorato questo suo libro.

    Non è un libro solo per mamme, è un divertentissimo spaccato di vita familiare di cui ho adorato ...continua

    Non sono una mamma ma adoro il blog di Claudia De Lillo e ho letteralmente divorato questo suo libro.

    Non è un libro solo per mamme, è un divertentissimo spaccato di vita familiare di cui ho adorato soprattutto gli squarci di nostalgia barese di Mister Wonder ed i suoi tentativi di dare ai figli un'educazione comunista.

    Le riflessioni di Elasti-mamma sui diritti delle donne e delle mamme che lavorano, sempre raccontate con tono lieve anche se si tratta di temi così importanti, sono un'altra ottima ragione per leggere questo libro. E per farlo leggere agli uomini, perché provino a capire le donne un po' di più.

    ha scritto il 

Ordina per