Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nord e Sud

Di

Editore: Edizione Euroclub su licenza Sperling & Kupfer

3.8
(54)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 561 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: A000054282 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Tullio Dobner

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Romance

Ti piace Nord e Sud?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Primo volume della saga di John Jakes dedicata alla guerra civile americana.
Ordina per
  • 5

    Non ho visto il famoso sceneggiato televisivo ma l'ho vissuto grazie ai ricordi di mia madre e seppur ero ritrosa a leggere questo libro alla fine mi sono convinta e mi è piaciuto moltissimo. La storia è ricca di avvenimenti e personaggi, affronta svariati temi dall'amore al razzismo, dallo schia ...continua

    Non ho visto il famoso sceneggiato televisivo ma l'ho vissuto grazie ai ricordi di mia madre e seppur ero ritrosa a leggere questo libro alla fine mi sono convinta e mi è piaciuto moltissimo. La storia è ricca di avvenimenti e personaggi, affronta svariati temi dall'amore al razzismo, dallo schiavismo all'industrializzazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Via col vento del Nord e anche con quello del Sud

    Quando si dice l'affresco storico. Quando si dice il dramma di due famiglie. Quando si dice il conflitto epico e fratricida per eccellenza.
    Tutti ottimi ingredienti per un romanzo, meglio ancora per una serie di romanzi, diciamo anche una trilogia, va. Ingredienti così buoni che in molti hanno pr ...continua

    Quando si dice l'affresco storico. Quando si dice il dramma di due famiglie. Quando si dice il conflitto epico e fratricida per eccellenza. Tutti ottimi ingredienti per un romanzo, meglio ancora per una serie di romanzi, diciamo anche una trilogia, va. Ingredienti così buoni che in molti hanno provato a mescolarli e hanno fallito miseramente, riuscendo solo a propinarci gli ennesimi polpettoni riscaldati. Ma Jakes è uno scrittore più furbo (il che non significa necessariamente migliore) e riesce a dosare con grande abilità tutte le spezie e gli aromi necessari per offrirci una buona pietanza, più che dignitosa. E così ha inizio la sua trilogia dedicata al prima, durante e dopo la Guerra di Secessione. Eppure i luoghi comuni più classici del genere ci sono tutti. La grande piantagione. La famiglia patriarcale del Sud con il belloccio cavalleresco, la sorella buona e quella cattiva (nonché molto "allegra" con gli uomini). Dall'altra parte i rigidi industriali del Nord, la famiglia d'origine del coprotagonista, con il suo fratello un po' tonto, la cognata arrivista e la sorella minore attivista (il gioco di parole era irresistibile...). Naturalmente il rampollo dei sudisti Main, Orry, e dei nordisti Hazard, George, si incontrano a West Point. Naturalmente si fanno insieme la Guerra Messicana. Naturalmente avranno amici e nemici comuni. Naturalmente le due famiglie finiranno con il mescolarsi. Naturalmente i due si troveranno su fronti opposti durante la Guerra Civile. Eppure... eppure il tutto funziona, pur nella sua prevedibilità generale. A tenerci agganciati sono lo stile essenziale, la descrizione obiettiva delle diversità culturali tra le due porzioni degli Stati Uniti (niente visione paternalistica alla "Via col Vento", ma nemmeno eccessi politically correct nella descrizione di come il proprietario terriero medio e con un minimo di sale in zucca trattava i suoi schiavi...) gli infiniti intrecci e una ricostruzione storica di tutto rispetto. Oltre all'affetto che alcuni di noi possono provare per il meraviglioso sceneggiato che andò in onda a metà degli anni Ottanta su Rete Quattro (quando ancora aveva un senso parlare di televisione privata in Italia...). Per chi ama il periodo è un must, un onesto feuilleton scritto con rispetto per l'intelligenza del lettore.

    ha scritto il 

  • 3

    Parecchi anni fa avevo visto lo sceneggiato e così ho deciso di leggere il romanzo. Non male, anche se un po' lungo. Una saga familiare ai tempi della guerra di secessione che affronta vari temi: la schiavitù, l'industrializzazione americana, l'amicizia e, non per ultimo, l'amore.

    ha scritto il 

  • 3

    Aggiungo questo libro per il tramite di un ricordo che mi è stato fatto venire. Lo lessi quando ero una ragazzina (potrei dire più di 20 anni fa -_-), ora non me lo ricordo, ma all'epoca penso di averlo letto con piacere.

    ha scritto il 

  • 3

    Non ho visto lo sceneggiato ma conoscevo Jakes da altri libri che avevo letto...


    un romanzo storico in piena regola con tanto di riferimenti alla politica, economia e società del tempo.


    E' il primo libro di una trilogia che analizza la società americana prima, durante e dopo la guer ...continua

    Non ho visto lo sceneggiato ma conoscevo Jakes da altri libri che avevo letto...

    un romanzo storico in piena regola con tanto di riferimenti alla politica, economia e società del tempo.

    E' il primo libro di una trilogia che analizza la società americana prima, durante e dopo la guerra di Secessione.

    In questo primo volume i due rampolli degli Hazard (industriali del nord) e dei Main (Coltivatori del sud) diventano amici all'accademia di West Point e vivranno insieme la guerra contro il Messico. La frenquentazione porterà le famiglie a legarsi e imparentarsi mentre la Guerra di Secessione viene dichiarata nelle ultime pagine del romanzo

    ha scritto il