Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Nostromo

Relato de un litoral

By

Publisher: Laertes

3.9
(276)

Language:Español | Number of Pages: 417 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Portuguese , Italian , German

Isbn-10: 8485346076 | Isbn-13: 9788485346073 | Publish date: 

Translator: Juan Mateos de Diego

Also available as: Paperback , Mass Market Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Travel

Do you like Nostromo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    "Tot aquell que estableix un vincle està perdut", Joseph Conrad

    Costaguana, una República fictícia. Sulaco, un port imaginari amb una economia que depèna de la mineria de plata. Un retrat de la política interna i internacional dels països llatinoamericans de finals del s XIX ppis XX, amb la intervenció dels Estats Units per tal de salvaguardar els seus intere ...continue

    Costaguana, una República fictícia. Sulaco, un port imaginari amb una economia que depèna de la mineria de plata. Un retrat de la política interna i internacional dels països llatinoamericans de finals del s XIX ppis XX, amb la intervenció dels Estats Units per tal de salvaguardar els seus interessos econòmics. Guerrers civils entre èlits criolles, intrigues i un líder popular determinen finalment una Sulaco independent de la República per tal de preservar els interessos americans i de l´èlit local sobre la plata. Tot i que en un principi podem suposar que Charles Gold és el personatge central en la meva opinió crec que és Nostromo l´element decisiu del llibre, capatàs dels carregadors del port. Estimat per uns i envejat per altres al final es determina el seu gran dilema: la seva elecció final amb el drama com a conseqüència, la soledat....
    Tota la resta de personatges, que no pocs ni menys importants, ens van explicant la seva pròpia història que gira al voltant d´un carregament de plata que molts desitgen posseir i altres en canvi fer desaparèixer, dirigint el curs dels esdeveniments i coincidint amb una de les múltiples revolucions que es produeixen a la república que acabarà amb la separació de Sulaco i la formació d´una República independent.
    L´Any 1991 el director britànic David Lean, amb la producció d´Steven Spielberg, tenia el projecte de rodar la pel.lícula però morí unes setmanes abans d´iniciar el rodatge, pensat amb actors del pes de Marlon Brando, Peter O´Toole, Isabella Rossellini, Christopher Lambert o Dennis Quaid. Fou el 1996 que es filmà una sèrie amb la BBC.

    said on 

  • 5

    Dopo una rapida partenza il libro si blocca in una lunga digressione sulla storia di Sulaco, il paese sud americano in cui si svolge il racconto, per poi accelerare ed incollarti alle sua pagine fino alla fine. Altra peculiarità: il personaggio principale: Nostromo, non sembra esserlo che alla fi ...continue

    Dopo una rapida partenza il libro si blocca in una lunga digressione sulla storia di Sulaco, il paese sud americano in cui si svolge il racconto, per poi accelerare ed incollarti alle sua pagine fino alla fine. Altra peculiarità: il personaggio principale: Nostromo, non sembra esserlo che alla fine. Conrad centra maggiormente la sua narrazione sulla storia, la politica del paese e su più personaggi sempre magistralemnte caratterizzati, vivi, descritti nei loro pregi e nei loro difetti. Mostra un affresco, spesso tragicomico, della politica, della ricchezza e degli intrecci tra i vari gangli del potere e la casualità degli avvenimenti storici. E' una grande allegoria del potere e degli uomini.
    Bello il personaggio di Nostromo, un uomo definito incorruttibile, un uomo che ha passato la sua intera vita a costruire il suo nome e la sua leggenda, ma che, davanti al tesoro, cederà e se lo terrà tutto per se, una ricompensa per i suoi sforzi, la definirà, non poteva restituirla siccome erano andati persi 4 lingotti, gli avrebbero dato del ladro, così si giustifica. Son questi i veri motivi per cui si terrà il tesoro sottratto alla miniera? O semplicemente, l'incorruttibile Capataz dei cargadores, ha ceduto alla cupidigia? Alla ricchezza facile ed immediata? Per il nome cercherà di tener tutto nascosto, ma le bugie ed i rimorsi sono dei sentimenti che corrodono l'uomo e lo uccidono pian piano. Diventerà schiavo del suo stesso tesoro e se ne potrà liberare solo con la morte.

    said on 

  • 3

    Illuminante è il paragone proposto da Virginia Woolf per quest'opera controversa, che già alla sua apparizione divise i critici in due schiere, il partito di quelli che la giudicarono stupefacente di contro a coloro che la reputavano fallimentare: Nostromo sarebbe da considerarsi una superba natu ...continue

    Illuminante è il paragone proposto da Virginia Woolf per quest'opera controversa, che già alla sua apparizione divise i critici in due schiere, il partito di quelli che la giudicarono stupefacente di contro a coloro che la reputavano fallimentare: Nostromo sarebbe da considerarsi una superba natura morta curata fin nell'infinitesimo dettaglio la cui pienezza condannerebbe, per contrappasso, i suoi personaggi alla fissità di statue. Esseri umani dunque incapaci di vibrare d'umanità e goffamente abbozzati (sebbene riccamente addobbati), sempre secondo la Woolf, affollerebbero un mondo ricreato da Conrad con tracotante maestria: è difficile non essere d'accordo. Il senso del patetico che anima le figure meglio riuscite dello scrittore e che sempre si accompagna all'anelito titanico di pacificare la discordanza tra l'ideale e il mondo degli interessi materiali (penso a Lord Jim) manca di attirare simpatia; se è vero che di contro allo spettacolo naturale imbastito da un paesaggista di genio ci si stupisce di imbattersi in automi come i coniugi Gould, ciò non ci impedisce di provare comunque ammirazione per un progetto talmente ardito da provocare le vertigini nelle sue pagine migliori.

    said on 

  • 3

    Ritmo demasiado irregular

    Vaya por delante que no soy un fan de los autores ingleses. No sé si leer Jude the Obscure me dejó secuelas imborrables pero lo cierto es que siempre me han costado mucho de digerir y de engancharme con los autores clásicos. Así pues ¿por qué esta novela?


    Lo cierto es que la cogí en parte ...continue

    Vaya por delante que no soy un fan de los autores ingleses. No sé si leer Jude the Obscure me dejó secuelas imborrables pero lo cierto es que siempre me han costado mucho de digerir y de engancharme con los autores clásicos. Así pues ¿por qué esta novela?

    Lo cierto es que la cogí en parte por curiosidad morbosa por ver hasta qué punto las teorías de Said se cumplían. Así que empecé a leer más pendiente de ver en qué aspectos se podía palpar la visión imperialista que en el desarrollo de la novela en sí mismo. Por suerte, el inicio con el viejo Viola, ese soldado de Garibaldi, consiguió sustraerme en gran medida de mis ideas principales.

    Sin embargo, debo de reconocer que la novela nunca me terminó de gustar. Es cierto que había momentos que conseguía atraerme y resultarme tremendamente interesante y con mucha fuerza pero rápidamente pasaba a otros momentos en donde me encontraba perdiendo el interés a pasos agigantados. Esta especie de montaña rusa ha sido, al final, la tónica de la novela.

    Quizá es que todo este género me puede, pero lo cierto es que no acabo de encontrar algo que me atrape de verdad.

    said on 

  • 2

    Bruttissimo, brutto brutto...Quant'è brutto 'sto libro!! Descrive un viaggio fatto per salvare un carico di argento durante una rivoluzione sudamericana, ma il protagonista (il nostromo del titolo) non fa altro che atteggiarsi a figo per tutta la lunghezza del libro e rimpiangere di non aver chia ...continue

    Bruttissimo, brutto brutto...Quant'è brutto 'sto libro!! Descrive un viaggio fatto per salvare un carico di argento durante una rivoluzione sudamericana, ma il protagonista (il nostromo del titolo) non fa altro che atteggiarsi a figo per tutta la lunghezza del libro e rimpiangere di non aver chiamato un prete per confortare una sua conoscente moribonda (unico aspetto abbastanza interessante del libro, anche se poco sviluppato). Poi ci sono anche altri personaggi, ma appena abbozzati e narrativamente quasi inconsistenti,evanescenti...
    In conclusione, non è riuscito a prendermi, trascinarmi, come del resto ogni libro di Conrad, uno scrittore che a questo punto forse eviterò in futuro...Sconsigliato

    said on 

  • 0

    Una sconfitta amarissima, ho dovuto accettare il fatto che non riuscivo ad andare avanti nella lettura, molto lento e nebuloso, almeno fino a dove sono arrivato...

    said on 

  • 2

    stranamente...

    adoro Conrad, ma questo Nostromo l'ho abbandonato dopo 50 pagine...troppo lungo, troppo vago, forse in futuro lo riprenderò e (spero) lo apprezzerò di più...

    said on 

  • 1

    Che pizza!

    Non è il primo libro di Conrad che leggo e per tutti gli altri ho sempre dovuto impegnarmi per arrivare alla fine, trame lente e troppo introspettive per i miei gusti.
    Ma con questo proprio non ce l'ho fatta!

    said on 

  • 5

    Nostromo:Un'uomo alienato.

    La storia comincia con la tranquilla Sulaco,isolata e immersa in un atmosfera sospesa,"Nella calma solenne del profondo golfo del pacifico",che viene distrutta dalla furia dell'uomo per i soldi.Il señor Gould, deciso a non far cadere nelle mani nemiche l'argento affida le miniere a Nostrom ...continue

    La storia comincia con la tranquilla Sulaco,isolata e immersa in un atmosfera sospesa,"Nella calma solenne del profondo golfo del pacifico",che viene distrutta dalla furia dell'uomo per i soldi.Il señor Gould, deciso a non far cadere nelle mani nemiche l'argento affida le miniere a Nostromo.
    Il nostro protagonista lotta per proteggere gli interessi europei(lui è al tempo stesso servo e padrone).
    Tutta la vicenda si basa sul confronto fra azione e moralità,ma soprattutto sullo snaturamento dell'uomo.
    Nostromo che ha perfettamente aderito alla concezione materialista della società è vittima dell'incomunicabilità,metafora dell'alienazione.
    In questo romanzo i veri protagonisti sono l'alienazione umana e l'argento.

    said on 

  • 5

    diesel

    Iniziato con scetticismo, finito con stupore.


    Entra di diritto tra le mie letture più soddisfacenti. Difficoltoso all'inizio: un non-inglese come Conrad che scrive in un inglese tutto suo successivamente adattato in italiano. Complesso, storicamente accurato, apparentemente troppo. Ma una ...continue

    Iniziato con scetticismo, finito con stupore.

    Entra di diritto tra le mie letture più soddisfacenti. Difficoltoso all'inizio: un non-inglese come Conrad che scrive in un inglese tutto suo successivamente adattato in italiano. Complesso, storicamente accurato, apparentemente troppo. Ma una volta conclusa la lettura non si potrebbe fare a meno di una singola pagina.

    said on