Notturno cileno

Voto medio di 413
| 92 contributi totali di cui 82 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
«Adesso muoio, ma ho ancora molte cose da dire. Ero in pace con me stesso. Muto e in pace. Ma d'improvviso sono emerse le cose». Sebastián Urrutia Lacroix, cileno, prete e membro dell'Opus Dei, potente critico letterario che ha fatto e disfatto fortu ...Continua
roberto
Ha scritto il 10/06/18
Travolto dalle parole.
Va detto subito che il libro è straordinario. Gli appunti che seguono non sono una stroncatura, ma stupore per una cosa mai vista, e scritta da dio. Commentare i flussi di coscienza è sempre pericoloso. Si rischia di banalizzarne il contenuto. Non re...Continua
La donna mancina
Ha scritto il 04/04/18
Strenua autodifesa del forse morente Ibacache, prete/critico letterario/poeta, dalle accuse del "giovane invecchiato". Un flusso ininterrotto di ricordi, riflessioni, deliri avvolge, tramortisce, travolge "e a poco a poco la verità comincia a venire...Continua
Mario Inisi
Ha scritto il 10/10/17
L'immortalità letteraria: chi era Sordello?
Notturno cileno è un romanzo bellissimo come stile e profondo come contenuti ma non di facile comprensione sia per il fatto che ci sono molti riferimenti alla situazione politica e culturale cilena sia perché il romanzo sfugge già di per sé alla comp...Continua
Torcaso Mt
Ha scritto il 28/08/17

Un flusso ininterrotto di parole che narra dell'anima nera del Cile. Bellissimo.

Caffefondente
Ha scritto il 18/08/17
Miseria e cultura
Miseria esistenziale .L'ottundimento tipico di chi fa della cultura un guscio anestetizzante dalla vita propria e degli altri, che tuttavia continua a scorrere drammaticamente, in un contesto in cui la morte è un fatto oggettivamente determinato da d...Continua

emma
Ha scritto il Jun 17, 2018, 08:13
E io mi strinsi nelle spalle, come fanno sempre i personaggi dei romanzi e mai gli esseri umani in carne ed ossa.
Ailairia Di Meo
Ha scritto il Apr 25, 2017, 10:54
Feci finta di capire e lasciai vagare lo sguardo nel locale carente di sedie. Certi uomini ricambiarono il mio sguardo. Sul viso di alcuni mi parve di cogliere un dolore immenso. Anche i maiali soffrono, mi dissi. Mi pentii immediatamente del pensier...Continua
Ailairia Di Meo
Ha scritto il Apr 25, 2017, 10:54
A volte, la sera, con la luce spenta, restavo seduto su una sedia e mi domandavo a voce bassa qual era la differenza tra fascista e fazioso. Solo due parole. Nient’altro che due parole. A volte una, ma più spesso due!
Ailairia Di Meo
Ha scritto il Apr 25, 2017, 10:54
Tutti, prima o poi, avrebbero di nuovo condiviso il potere. Destra, centro, sinistra, tutti della stessa famiglia. Problemi etici, qualcuno. Problemi estetici, nessuno.
Ailairia Di Meo
Ha scritto il Apr 25, 2017, 10:53
le cui guance erano rose dai dubbi e dal pentimento fuori tempo massimo, che è il peggiore dei pentimenti

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi